Fondi pensione, gli operatori ci credono

A
A
A

Il mercato pensionistico europeo si dirige verso i prodotti a contribuzione definitiva. È questo quello che emerge da un’indagine condotta da Allianz Global Investors sui mercati previdenziali europei.

di Marcella Persola9 dicembre 2009 | 09:20

Lo studio che ha coinvolto i maggiori esperti attivi nei principali paesi europei, ossia Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Svizzera e Regno Unito analizza l’evoluzione del mercato dei fondi pensione. In particolare i 216 esperti coinvolti, tra cui fondi pensione, università, agenzie di controllo, società di consulenza, organizzazioni internazionali, società di asset management, compagnie di assicurazioni e associazioni, hanno riflettuto su come potrebbe cambiare lo scenario e su quali sono gli ostacoli principali alla diffusione di tale strumento finanziario. Dall’analisi si è messo in evidenza che nonostante la crisi finanziaria, il pensiero su quello che accadrà nel proprio futuro è un tema caldo. Tanto che secondo l’89% degli intervenuti si aspetta di assistere ad una crescita del mercato delle pensioni a contribuzione definitiva. E in molti segnalano che si assisterà a un passaggio dal sistema a prestazione definita al meccanismo di contribuzione definita. E tra i fattori che incentiverebbero il passaggio verso tale sistema è da citare sicuramente la riduzione dei costi. Anche se i maggiori ostacoli al miglioramento degli schemi a contribuzione definita sono rappresentati per gli esperti dalla scarsa educazione finanziaria e dalla consulenza inadeguata. Problemi principalmente esposti dagli esperti francesi, quelli italiani e da quelli britannici. Tra gli altri problemi elencati anche gli insufficienti incentivi fiscali e l’inadeguata regolamentazione, evidenziati soprattutto dagli esperti italiani e francesi. E last but not least molte poche o troppe scelte di investimento, ma soprattutto un’insufficiente diversificazione nei portafoglio. Un ruolo di primo piano, infatti, secondo gli esperti deve essere giocato dai cambiamenti possibili sull’asset allocation. Più del 75% degli esperti è convinto che a seguito della crisi finanziaria si dovranno mettere in atto maggiori strategie di gestione del rischio. Inoltre gli esperti si aspettano un passaggio verso classi di attivo meno rischiose al fine di consolidare gli elementi di protezione. Per Tomaso Giorgetti, responsabile di Allianz Global Investors Europe GmbH, Italy Branch un elemento da non sottovalutare è rappresentato dal fatto che “la crescita della contribuzione definita presenta implicazioni cruciali per la fase di erogazione delle prestazioni previdenziali, e la questione della conversione degli asset previdenziali in reddito pensionistico è determinante” spiega l’esperto. “La nostra indagine dimostra che le rendite variabili indicizzate all’inflazione godono di grande popolarità tra gli esperti europei. La maggioranza degli esperti italiani, olandesi e tedeschi le ritiene una soluzione adeguata. Al contrario, i versamenti in un’unica soluzione non sono considerati una valida alternativa, e il sostegno a favore di altre forme di erogazione delle prestazioni previdenziali varia da paese a paese”. A questo punto si potrebbe pensare di sviluppare un mercato pensionistico paneuropeo. Secondo gli intervistati questo richiederebbe l’introduzione di ulteriori modifiche al quadro legislativo di ogni singolo paese. Ma a prescindere da questo per Brigitte Miksa, responsabile international pensions di Allianz GI “La regolamentazione sarà solo uno degli strumenti utili per proteggere gli asset previdenziali, ma nel dibattito pubblico non si discute ancora a sufficienza della necessità di un’alfabetizzazione finanziaria avanzata: è questo uno dei messaggio più urgenti che l’indagine ci trasmette”.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le 5 migliori app per il personal business

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

Un vantaggio per gli investitori

US Small cap per sovraperformare i mercati

Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Arriva la ripresa. Ma è jobless

Ti può anche interessare

Amundi e Ing non sono più i “broker” della Bce

La Banca Centrale Europea ha escluso i due gruppi finanziari dall’elenco di società che possono a ...

Classifiche Bluerating: Franklin Templeton in testa tra i fondi diversificati prudenti

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria diversificati prudenti, il primo pe ...

Edmond de Rothschild, Bridge raccoglie 1 miliardo di euro

Cinque nuovi investitori, per un totale di 147 milioni di euro, si sono uniti alla piattaforma attra ...