Perché i rating sono inaffidabili quando i mercati sono instabili

A
A
A

Non limitarsi alle sole valutazioni. Meglio acquisire ulteriori informazioni e se possibile passare al…

di Redazione26 febbraio 2010 | 13:15

di Rosaria Barrile

Salite sul banco degli imputati per gli effetti della crisi finanziaria, le agenzie di rating vedono messa in discussione l’affidabilità delle loro analisi. Ma tale valutazione rischia non solo di far passare in secondo piano l’opportunità per condurre una seria riflessione sulle cause di quanto avvenuto, ma anche di lasciare ancora una volta gli investitori privi dei necessari mezzi per reagire ad un contesto come quello attuale ancora poco trasparente. Nella sostanza, i rating non possono essere l’unico criterio su cui basare gli investimenti. Tanto più che il loro livello di precisione nel predire futuri default è inferiore quando vengono emessi in periodi di instabilità sui mercati. A suggerire tale conclusione è una ricerca di Carefin Bocconi (Centro per la ricerca applicata finanziaria dell’ateneo milanese) secondo cui l’affidabilità delle agenzie andrebbe valutata tenendo conto della fase del ciclo economico.
Lo studio, condotto da Andrea Resti, Giuliano Iannotta e Giacomo Nocera di Carefin Bocconi, prende avvio dalla distinzione tra i periodi di tensione da quelli di stabilità sul mercato creditizio nel periodo 1970-2001 sulla base del “quality spread”. Successivamente, viene analizzata la performance, a sette anni dall’emissione, di un campione di 70mila bond emessi nel periodo 1970-2001.
Per l’intero periodo risulta che sul totale dei bond che sono poi falliti a circa il 10% fu in origine assegnato un rating medio-alto (“investment grade”, da Baa in su). Questo dato medio nasconde tuttavia due realtà molto diverse: nei periodi di stabilità del ciclo creditizio, con quality spread contenuti, la percentuale di errata classificazione scende all’8%, mentre nei periodi di tensione sale notevolmente, dato che al 21% dei bond poi falliti fu assegnato un investment grade.
“Questo non significa certo che i rating siano inaffidabili o che le agenzie non conoscano il proprio mestiere”, spiega Resti, direttore del Carefin Bocconi. “Al contrario, la nostra analisi mostra poi che il rating è comunque il principale criterio utilizzato dagli investitori nel decidere quale tasso richiedere per acquistare un bond”.

L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Moody’s lima i rating delle banche australiane

Rating sovrano italiano confermato da S&P’s, per ora

Tassi e spread in risalita sui titoli di stato italiani

Una FinTech italiana darà i voti alle banche internazionali

Le difficoltà per Deutsche Bank crescono, Moody’s lima il rating

Standard and Poor’s conferma il rating sovrano italiano

S&P Global: invecchiamento popolazione può pesare sui rating sovrani

Unipol fa ritirare i rating di Standard and Poor’s

S&P’s: Atlante porta benefici a breve, ma chi partecipa rischia a lungo

Generali convince Fitch, che alza il rating

Anche Fitch lima il rating sovrano greco

Tsipras: non ci cacceranno dall’euro. Ma S&P’s taglia il rating sovrano

S&P riduce il rating di sei gruppi bancari europei

Costano cari a S&P i rating sui mutui subprime

Moody’s lima il rating del Giappone

La Bulgaria continua a piacere nonostante i problemi

Draghi ha in portafoglio quasi 87 miliardi di titoli italiani

In Credem e in Banca Euromobiliare il promotore riparte dai 50

Dale (BoE): rialzo tassi? Se ne parla dal 2015

I profeti di oro, commodities ed emergenti gettano la spugna

La scure di Standard & Poor’s sulle banche francesi

Popolare di Spoleto: Moody’s taglia il rating sui depositi a lungo termine

Rating: Cina, Russia e Usa insieme per la guerra tra agenzie

Moody’s conferma l’outlook negativo sulle banche tedesche

Spagna: Moody’s grazia il Paese, ma l’outlook è negativo

Spagna: la scure di S&P sulle maggiori banche del Paese

Standard & Poor’s: Spagna a un passo dal livello “spazzatura”

Azimut, gli analisti si aspettano un anno record

Generali: per Barclays nel business Vita è la meglio posizionata

Generali: Standard & Poor’s prolunga il creditwatch negativo

Fitch ancora negativa sull’assicurativo italiano

Moody’s non cambia idea sulle banche britanniche

Mediobanca, per Banca Akros il titolo è sottovalutato

Ti può anche interessare

ITForum Milano / Schinaia (Fidelity): con Mifid 2 massimo supporto ai clienti

"Fidelity ha intrapreso un percorso che ci permetterà di offrire il massimo supporto ai nostri clie ...

Classifiche Bluerating: Russell Investments in testa tra i fondi a Ritorno Assoluto – Multi-strategy

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Ritorno Assoluto - Multi-strategy, ...

Oddo incorpora Frankfurt-Tust Investment-Gesellschaft

Il gruppo Oddo Bhf ha deciso di incorporare Frankfurt-Tust Investment-Gesellschaft MbH in ODDO BHF ...