Europa Orientale, mercati promettenti

A
A
A

L’azionario dell’Europa orientale si è mantenuto in forte rialzo nel mese di marzo. Gli esperti di Raiffeisen prevedono che i Mercati emergenti resteranno promettenti nel lungo periodo.

di Fabio Coco30 aprile 2010 | 09:45

Le economie dell’Europa centro-orientale rimangono ancora sotto pressione, principalmente a causa dei loro stretti legami con le economie dell’UE. La ripresa nella produzione industriale dei paesi della “vecchia” UE ha già un impatto positivo per le economie dell’Europa orientale e alimenta la crescita delle esportazioni.

Un fattore altrettanto importante per la ripresa economica dei Paesi membri della Comunità Europea è la domanda interna, che è dappertutto in declino in questa regione con la sola eccezione della Polonia. Rispetto ai titoli di stato dell’area UEM, in marzo gli spread delle obbligazioni denominate in euro dei paesi dell’Europa orientale (obbligazioni societarie e titoli di stato) hanno subito flessioni relativamente forti.
In marzo, le azioni dell’Europa orientale sono in parte cresciute robustamente, tanto da essere tra i protagonisti principali dei mercati emergenti.
Rialzi a due cifre in Polonia, che mostra forti segnali di ripresa con i titoli di stato polacchi che acquistano valore, Ungheria e Turchia, dove la calma nella politica interna ha fatto salire sorprendentemente l’inflazione. 
In generale nell’andamento degli ultimi mesi si deve osservare che i rating dei mercati emergenti, sulla base dei rispettivi rapporti prezzo/utile, si sono fortemente ravvicinati. Le differenze ancora elevate che esistevano si sono livellate. In Russia le  azioni e obbligazioni sono in forte rialzo e c’è forte domanda di asset nel settore del carbone e dell’acciaio

Considerate le previsioni di crescita rimaste intatte per il lungo periodo, le quotazioni azionarie dei mercati emergenti, nonostante il loro prepotente rialzo degli ultimi 18 mesi, non possono essere ancora considerate sopravvalutate nel loro complesso. Tuttavia, in un’ottica di breve periodo, sono già stati anticipati andamenti molto positivi a livello di quotazioni e i mercati sviluppati (UE, USA) potrebbero disporre a breve di un maggiore potenziale di crescita delle quotazioni.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Henderson: cosa cambierà sui mercati con la Brexit

Agenda del 14 ottobre

Agenda del 6 ottobre

Eurozona, si ferma la disoccupazione. Non l’inflazione

Dati macro senza sorprese. E c’è chi parla di crescita

La quiete prima della tempesta

Gli appuntamenti di oggi

PIGS, il fanalino di coda

Previsioni Italia, Bankit e Ocse pessimisti

L’Oracolo – Gli Ufi di sua maestà

PIIGS: troppo pesanti per essere salvati

Credit Suisse: emergenti vincenti nel 2010

Amato nuovo senior advisor di Deutsche Bank

Usa, disoccupazione al 9,7%

Ocse, l’Italia sta crescendo

L’Oracolo – Il giorno dell’uomo scimmia II

Mr.Doom teme la bolla cinese

2010: nuova corsa dell’equity

2010: l’Occidente striscia, gli emergenti galoppano

2010: exit strategy nel congelatore

2010, l’anno della cautela

2010, l’anno delle tre rosse

2010: La ripresa anemica dell’Ovest

Europa – Aumenta l’inflazione

Agenda del 16 Ottobre

Agenda del 9 Ottobre

Agenda dell'8 Ottobre

Agenda del 2 Ottobre

Agenda del 30 Settembre

Agenda del 22 Settembre

Agenda del 17 Settembre

Agenda del 16 Settembre

Agenda del 20 agosto

Ti può anche interessare

Oddo Bhf Am prende Malinverno da Candriam

Il manager ricoprirà il ruolo di head of institutional sales, con il compito di contribuire a svilu ...

Credemtel rileva il 20% di Sata

L'operazione è in linea con la strategia del gruppo Credem di investimenti in tecnologia ed innovaz ...

Candriam: riforma fiscale Usa, un rischio per il commercio internazionale

Secondo Anton Brender, la riforma della fiscalità delle società che si deciderà negli Stati Uniti ...