Lombardo e Piancastelli alla plenaria di chiusura del Salone del Risparmio

A
A
A

Prevista una tavola rotonda con, fra gli altri, Giordano Lombardo (Pioneer Investments) e Antonello Piancastelli (Fideuram).

Maria Paulucci di Maria Paulucci29 marzo 2017 | 12:28

LOMBARDO E PIANCASTELLI ALLA PLENARIA FINALE “Risparmio, investimenti, politiche di sviluppo” è il titolo della conferenza plenaria di chiusura che, il 13 aprile, tirerà le fila dell’ottava edizione del Salone del Risparmio 2017. Dopo l’intervento di Guido Tabellini (Università Bocconi) si confronteranno in una tavola rotonda Alberto Baban (Confindustria), Carmine Di Noia (Consob), Federico Fubini (Corriere della Sera), Giordano Lombardo (Pioneer lombardo piancastelliInvestments) e Antonello Piancastelli (Fideuram).

OSPITI DI ECCEZIONE – A due settimane dal via, annunciano gli organizzatori, “l’evento registra già 10.000 iscritti, oltre 160 i marchi e 100 conferenze in programma per un totale di più di 240 relatori, italiani e internazionali. Nella sua ottava edizione, la manifestazione si conferma il momento annuale di confronto, approfondimento e dialogo non solo per gli addetti ai lavori ma anche per i singoli risparmiatori che troveranno, tra gli ospiti e i relatori, volti noti dello spettacolo e dello sport come la campionessa paraolimpica Bebe Vio, il cantante Elio di Elio e le Storie Tese, il pilota di Formula 1 Marc Genè, il trasformista e attore italiano Arturo Brachetti e la Gialappa’s Band“.

L’INDUSTRIA A UNA SVOLTA – Con oltre 1.934 miliardi di euro in gestione, quasi il 50% del totale delle attività finanziarie detenute dalle famiglie italiane, l’industria del gestito consolida il suo ruolo strategico nel sostegno dell’economia reale. “Il recente lancio dei Piani individuali di risparmio (Pir) rappresenta una sfida importante per il settore”, dichiara Fabio Galli, direttore generale di Assogestioni, “perché da una parte permetterà ai risparmiatori di avvicinarsi a logiche di pianificazione finanziaria di lungo periodo e dall’altra amplierà le fonti di finanziamento per le pi, la vera spina dorsale dell’economia italiana. In questa fase di consolidamento del ruolo dell’industria del gestito per il sistema Paese è fondamentale un confronto con tutti i soggetti coinvolti, e la plenaria di chiusura del Salone del Risparmio va esattamente in questa direzione”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn6Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir, Assogestioni si fa qualche domanda sulle linee guida del Mef

Antiriciclaggio, conto alla rovescia per il corso Assogestioni

Risparmio gestito, Poste tallona Intesa Sanpaolo

Assogestioni, agosto caldo per l’industria

Assogestioni, raccolta splendente a luglio

Risparmio gestito, il miglior trimestre da 2 anni

Gestito, Generali e Intesa mantengono la vetta

Il risparmio gestito sopra la vetta dei 2mila miliardi

Salone del Risparmio, svelate le date dell’edizione 2018

Big del risparmio alla Giornata dell’investitore istituzionale

Disciplina Priips, arrivano i primi chiarimenti dall’Europa

Identikit di chi investe nei fondi comuni

Risparmio gestito, a maggio ruggisce il Leone

Risparmio gestito, il patrimonio sfonda il muro dei 2mila miliardi

Risparmio gestito: oro Intesa Sanpaolo, argento Generali

Assogestioni, ad aprile boom per i fondi aperti

Assogestioni, Bnp Paribas balza in testa

Risparmio gestito, vola la raccolta a marzo

Galli (Assogestioni): “Ora pensiamo anche alla previdenza”

Salone del Risparmio, pronti via!

Risparmio gestito: Allianz e Poste regine di febbraio

Assogestioni: a febbraio raccolta positiva per 7,5 miliardi

Consob, corsa contro il tempo per la Mifid 2

Assogestioni, il balzo in avanti di Generali

Risparmio gestito, a gennaio raccolta a +4,6 miliardi

Pir, per Assogestioni raccoglieranno 16 miliardi

Risparmio gestito, a dicembre corre la raccolta di Intesa Sanpaolo

Un 2016 record per l’industria del risparmio gestito

Assogestioni: Intesa fa il pieno, Pioneer maglia nera

Assogestioni, a novembre trionfa la prudenza

Assogestioni, a ottobre Intesa si riporta in vetta

Assogestioni, frena la raccolta a ottobre: +3 miliardi di euro

Assogestioni, a settembre Intesa Sanpaolo scende dal podio

Ti può anche interessare

Pross (Allianz GI), “gestione attiva ancora vincente”

Il futuro dell’industria europea dell’asset management, l’arrivo della direttiva Mifid 2 e l ...

Candriam lancia una gamma di strategie sugli Etf

Le strategie applicate agli Etf andranno a integrare l'attuale offerta di Candriam su cinque aree ch ...

State Street si rafforza con Pagliaro

Il manager ricoprirà il ruolo di responsabile di State Street Global Exchange per l'Europa, il Medi ...