Risparmio gestito – Il 2011 visto da Swiss&Global

A
A
A

Stefan Angele, Member of the Executive Board, Head Investment Management, Swiss & Global Asset Management, descrive nel suo intervento lo stato attuale dell’economia globale e le prospettive del ciclo economico. I punti principali sollevati nel corso del discorso sono i seguenti:

di Redazione28 gennaio 2011 | 15:00

•    Il 2011 nelle nostre previsioni dovrebbe confermare il divario in termini di crescita economica e politiche monetarie tra Paesi Sviluppati ed Economie Emergenti. L’espansione del PIL nei paesi industrializzati maturi dovrebbe attestarsi su livelli prossimi al trend di lungo periodo del 2-3 percento grazie alle politiche monetarie accomodanti. Nei paesi periferici dell’Unione europea, invece, il rischio di un netto rallentamento della crescita rimane elevato, soprattutto per via delle politiche fiscali restrittive. Un fattore che continuerà a gravare sulla ripresa e in special modo sui consumi privati è il tasso di disoccupazione, che negli Stati Uniti e in molti paesi Europei rimane su livelli storicamente elevati.

•    I mercati emergenti restano la locomotiva dell’espansione mondiale: i dati economici pubblicati sono positivi e confermano una dinamica di crescita sostenuta. Esiste indubbiamente un crescente rischio di surriscaldamento, in special modo nel settore immobiliare, ma le banche centrali hanno già iniziato a prendere delle contromisure. I deficit di bilancio e i livelli del debito pubblico non rappresentano invece un problema per i paesi emergenti.
 
•    A fronte di questa crescita  sostenuta i mercati emergenti attraggono una quota sempre maggiore degli investimenti globali. Ad oggi il tasso di crescita reale del PIL di questi paesi è quasi il triplo di quello delle economie sviluppate, inoltre la loro partecipazione al PIL globale sta raggiungendo il livello dei paesi del G7. I fattori a favore di un proseguimento di questo trend di crescita sono diversi. Tra i più importanti sottolineiamo il livello di debito pubblico contenuto, il processo di urbanizzazione e di industrializzazione, l’aumento del commercio con l’estero e la crescita della popolazione. Questi fattori porteranno ad un’evoluzione della domanda, i temi principali che ne beneficeranno sono i seguenti: crescita della domanda di servizi sanitari, necessità di nuove infrastrutture, domanda di energia, nascita di un nuovo ceto medio, aumento della domanda di beni di lusso, aumento del risparmio e conseguente aumento della domanda di servizi finanziari.
 
•    Lo scenario principale indica una crescita reale di circa il 4% del PIL mondiale, sulla scorta di un’espansione persistente ma modesta nei paesi industrializzati (2-3%) e di tassi di crescita nettamente più elevati, ancorché in rallentamento, in Cina e India (8-9%).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Eventi, il Roadshow 2018 di UBS Asset Management

Assogestioni, la raccolta vola ancora

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

Assogestioni, raccolta splendente a luglio

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Banca Generali: commissioni a tutto gas nel primo semestre

Anima Holding frena nonostante buona raccolta di luglio

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Anima sottotono dopo acquisizione Aletti Gestielle

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Amundi, il retail spinge la raccolta del semestre, utili a quota 308 milioni

Neuberger Berman: attenti a non avere portafogli troppo poco diversificati

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Citigroup promuove i Pir, plaude a Banca Mediolanum

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Bper e Popolare Sondrio ripartono all’attacco per Arca Sgr?

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Banca Mediolanum accelera a Piazza Affari

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

Che futuro per il gestito: +5,5% fino al 2020

Pir, a qualcuno piace vincere facile?

Anima soffre cambio di strategia di Poste Italiane sul risparmio gestito

Julius Baer: risultati dei primi quattro mesi positivi, ma i costi vanno ancora ridotti

KKR e Stone Point Capital rilevano la maggioranza di Focus Financial Partners

Pimco: la raccolta netta accelera, Allianz può sorridere

Ti può anche interessare

Schroders: Uk, inflazione più alta delle attese, ma per ora la BoE resterà ferma

E’ da un po’ che l’inflazione cresce, soprattutto a causa dell’impatto negativo legato al ve ...

Fidelity International sponsorizza la CFA Research Challenge

Sono otto le università italiane che si sfideranno con l’analisi finanziaria di Recordati. ...

Tenani (Schroders): “Pir? Nessuna bolla, multipli interessanti”

Il fondo Schroder ISF Italian Equity lanciato nel 1996 e che vanta una sovraperformance annua del 5, ...