Risparmio gestito – Quanto pesano le turbolenze del nord Africa

A
A
A

Neil Dwane, Chief Investment Officer Europe di RCM, una società Allianz Global Investors, illustra le possibili conseguenze sui mercati azionari dei disordini civili in Medio Oriente e Nord Africa.

di Redazione28 febbraio 2011 | 12:30

“Nonostante lo scossone iniziale a seguito della caduta del Presidente egiziano Hosni Mubarak, i mercati azionari hanno guadagnato e il prezzo del petrolio ha continuato a salire.  Dopo il 2008 sappiamo che se il prezzo del petrolio sale oltre la soglia di 100 Dollari al barile frena l’economia globale, producendo in particolare un impatto sulle economie asiatiche che utilizzano in modo meno efficiente l’energia.”

“Nel lungo termine, dopo un breve periodo di avversione al rischio, le conseguenze del cambio di regime in molti paesi e l’aumento del prezzo del petrolio (e il petrolio per il mondo reale conta più del carbone e del ferro) potrebbero portare a una rivalutazione del grado di interesse dei titoli di stato per due ragioni: l’aumento dell’inflazione su scala globale e l’enorme deficit di governo che dovrà essere ancora finanziato negli Stati Uniti, in Giappone e nell’Unione Europea. La percezione del rischio oggi può cambiare rapidamente mentre il fumo si dirada e ci troveremo di fronte a nuove sfide.”

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Eventi, il Roadshow 2018 di UBS Asset Management

Assogestioni, la raccolta vola ancora

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

Assogestioni, raccolta splendente a luglio

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Banca Generali: commissioni a tutto gas nel primo semestre

Anima Holding frena nonostante buona raccolta di luglio

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Anima sottotono dopo acquisizione Aletti Gestielle

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Amundi, il retail spinge la raccolta del semestre, utili a quota 308 milioni

Neuberger Berman: attenti a non avere portafogli troppo poco diversificati

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Citigroup promuove i Pir, plaude a Banca Mediolanum

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Bper e Popolare Sondrio ripartono all’attacco per Arca Sgr?

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Banca Mediolanum accelera a Piazza Affari

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

Che futuro per il gestito: +5,5% fino al 2020

Pir, a qualcuno piace vincere facile?

Anima soffre cambio di strategia di Poste Italiane sul risparmio gestito

Julius Baer: risultati dei primi quattro mesi positivi, ma i costi vanno ancora ridotti

KKR e Stone Point Capital rilevano la maggioranza di Focus Financial Partners

Pimco: la raccolta netta accelera, Allianz può sorridere

Ti può anche interessare

Arrivano i Pir targati Credit Suisse Am

La società di gestione adegua alla nomativa sui piani individuali di risparmio il portafoglio del s ...

MFS rafforza il team italiano con Siviero

La manager vanta oltre 10 anni di esperienza nel settore del risparmio gestito. Prima di entrare in ...

Vanguard raccoglie più di 1 miliardo al giorno

Secondo un'analisi del settimanale Milano Finanza, il colosso americano dei fondi low cost ha regist ...