Gestito – Ciò che si vede, ciò che non si vede

A
A
A

Il mercato visto da Didier Le Menestrel, presidente e fondatore di Financière de l’Echiquier.

di Redazione27 aprile 2011 | 09:30

« Ciò che si vede, ciò che non si vede ». È a Frédéric Bastiat, economista e uomo politico francese del XIX secolo, che dobbiamo questa formula con la quale amava punteggiare le sue riflessioni economiche. Parlando di imposte, di sovvenzioni dello Stato o di ruolo del credito, era un fervente difensore del non interventismo, accanito liberale dimenticato in Francia, ma citato volentieri da Schumpeter (1).
Poco importa la sensibilità politica di Frédéric Bastiat, non è centrale nel suo racconto della finestra rotta: un ragazzino rompe la finestra di un commerciante, il quale chiama un vetraio che, con 6 franchi, gliela ripara. I 6 franchi che circolano vanno ad aumentare il patrimonio del vetraio, e questo è «ciò che si vede», la punta dell’iceberg, cosicché un vetro rotto fa girare l’economia. Ma la spesa che il commerciante è costretto a sostenere lo priva dell’acquisto di un paio di scarpe nuove. I 6 franchi non finiranno nelle tasche di un altro commerciante, e questo è «ciò che non si vede», la parte sommersa dell’iceberg, cosicché non basta rompere vetri per far girare l’economia.
Inondati da una marea d’immagini dal drammatico terremoto in Giappone, gli operatori del nostro settore si sono buttati a capofitto in una miriade di valutazioni cifrate e di calibrazioni di vario genere. I danni materiali subiti dal Giappone ammontano a 200 miliardi di dollari, il costo della catastrofe per tutti i riassicuratori sarà di 24 miliardi di dollari (2)… Ad ogni crisi, «ciò che si vede» è stimato sempre più rapidamente e con un abbondanza di dettagli sempre maggiore.
Valutare il costo di un sisma fornisce informazioni a breve termine sul crollo del PIL giapponese nei prossimi due trimestri, ma questi dati aiutano poco l’investitore a lungo termine che, come Frédéric Bastiat, deve interessarsi piuttosto a «ciò che non si vede».

Ovvero i 13.700 miliardi di $ (3) di risparmio giapponese che “relativizzano” i 200 miliardi di $(3) distrutti dallo tsunami e che dimostrano che il popolo giapponese, oltre ad un ammirevole coraggio, possiede le risorse necessarie ricostruire il paese. Ciò che non si vede è l’incremento dei prezzi che si ripercuoteranno sui riassicuratori in seguito al terremoto. Rinforzare oggi l’esposizione al settore riassicurativo non significa solo dimostrare uno spirito contrarian, ma anche confermare la rapidità dell’adeguamento dei prezzi in questo settore. Significa concentrarsi su ciò che non si vede oggi, ma che sarà certamente visibile domani.
Questa infatti è la realtà del nostro lavoro: l’evidenza di un caso d’investimento non si rivela di primo acchito. Così, nel 2006, «ciò che si vedeva» delle banche erano bilanci tutto sommato ragionevoli, mentre «ciò che non si vedeva» erano gli enormi fuori bilancio che sarebbero scoppiati nel 2008.
Siamo spesso tentati a concentrarci, a rassicurarci con le cifre immediatamente disponibili, con le informazioni immediatamente accessibili. Un altro esempio, meno recente: di fronte all’abbondanza dei valori tecnologici negli anni 2000, era allettante concentrarsi su quel che si vedeva in rete e acquistare i fornitori di contenuti (AOL o Time Warner…). Dieci anni dopo, non vi è salvezza per loro, i grandi vincitori rimangono, alla fine, i “facilitatori”, come EBAY o GOOGLE, una realtà che all’epoca le cifre disponibili non lasciavano nemmeno intravedere.
Dimenticare un po’ i calcoli immediati che minimizzano sempre la capacità di adattamento dell’uomo, in generale, e dei buoni manager, in particolare, diffidare dei riflessi incondizionati (“accendo la TV e vendo tutto!”), ecco qualche precetto da tener presente in questi periodi tormentati dell’economia. Precetti che potremmo riassumere in un ossimoro: non dimentichiamo di guardare ciò che non si vede.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

Assogestioni, raccolta splendente a luglio

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Banca Generali: commissioni a tutto gas nel primo semestre

Anima Holding frena nonostante buona raccolta di luglio

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Anima sottotono dopo acquisizione Aletti Gestielle

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Amundi, il retail spinge la raccolta del semestre, utili a quota 308 milioni

Neuberger Berman: attenti a non avere portafogli troppo poco diversificati

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Citigroup promuove i Pir, plaude a Banca Mediolanum

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Bper e Popolare Sondrio ripartono all’attacco per Arca Sgr?

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Banca Mediolanum accelera a Piazza Affari

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

Che futuro per il gestito: +5,5% fino al 2020

Pir, a qualcuno piace vincere facile?

Anima soffre cambio di strategia di Poste Italiane sul risparmio gestito

Julius Baer: risultati dei primi quattro mesi positivi, ma i costi vanno ancora ridotti

KKR e Stone Point Capital rilevano la maggioranza di Focus Financial Partners

Pimco: la raccolta netta accelera, Allianz può sorridere

KKR e Paamco assieme per la gestione alternativa della liquidità

Banca Generali in calo, dopo parole di Mossa

Julius Baer sale del 2,4% a Zurigo dopo i conti 2016

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Deutsche AM: nel 2017 rendimenti positivi ma non esaltanti

Asset manager Usa, vince chi ha la clientela più fedele

Assicurazioni vita e risparmio gestito: il risiko europeo è in pieno svolgimento

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

Ti può anche interessare

Robeco: lo standby della Trump export tax spinge gli emergenti

Rispetto ad altre asset class come il credito investment grade o i titoli high yield USA, il debito ...

Classifiche Bluerating: Pictet in testa tra i fondi Azionari Europa Orientale

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Europa Orientale il migli ...

Bufi (Anasf): “Se Vanguard sbarca in Italia avrà successo”

L’opinione del presidente dell’Anasf sul modello di business del colosso statunitense del rispar ...