Risparmio gestito – L’importanza del dividendo

A
A
A

I dividendi sono un indicatore basilare della solidità e della buona salute di un’azienda. Ecco la view di M&G.

di Redazione28 aprile 2011 | 12:00

Analizzare il mercato in cerca di un dividend yield elevato può essere estremamente rischioso. Molti dei fondi income tradizionali utilizzano il rapporto dividendo/prezzo come parametro di scelta, ma a mio avviso questo approccio è fuorviante. Un alto dividend yield è spesso sintomo di una società in difficoltà o con un potenziale di crescita limitato. Selezionare buoni titoli tra queste società è una strategia estremamente difficile.

Diversamente dai fondi dividend tradizionali ci concentriamo sulle prospettive di crescita dei dividendi di un’azienda nel lungo termine. A nostro avviso, i dividendi rappresentano l’indicatore più significativo della disciplina di capitale di una società e come tali rivelano la sottostante forza e il buono stato di salute e la solidità del business. Infatti, i dividendi sono difficili da falsare, a differenza dei parametri di misurazione dei profitti che possono essere distorti o manipolati. Dividendi alti e in crescita sono quindi un ottimo indicatore che un’azienda è ben gestita e quindi in grado di dare agli azionisti rendimenti superiori alla media del mercato.

Crediamo infatti che un flusso di dividendi in aumento aiuti un’azienda a crescere poiché regola la quantità di liquidità che può essere reinvestita nel proprio business e di conseguenza assicura che solo i migliori progetti vengano selezionati.

Ad esempio negli Stati Uniti ci sono ben 90 aziende “dividend achiever” che hanno pagato dividendi per almeno 25 anni consecutivi. Tra queste troviamo alcuni dei brand più conosciuti, come Procter & Gamble, Coca-Cola e Johnson & Johnson. Procter & Gamble è la prima di un ristretto gruppo di aziende che hanno visto crescere i propri dividendi ininterrottamente per ben 56 anni; anche Coca-Cola e Johnson & Johnson non sono troppo distanti da questo record con una crescita dei dividendi per 48 anni consecutivi.*

Sebbene gli Stati Uniti siano il mercato che offre il maggior numero di aziende che pagano dividendi nel lungo termine, si possono trovare opportunità interessanti in tutto il mondo. In Europa, ad esempio, ci sono più di 60 aziende su cui riteniamo interessante investire per la buona disciplina di capitale e il potenziale di crescita dei loro dividendi nel lungo termine.

Al momento il fondo M&G Global Dividend non ha in portafoglio titoli italiani poichè non ho trovato aziende che posseggono i giusti requisiti per un mio investimento.  Ecco alcuni esempi di aziende “dividend achiever”:

Le svizzere Nestle, Roche e Novartis sono tra le principali holdings del fondo. Le tre aziende sono leader di mercato e sono caratterizzate da un notevole cashflow, ma anche da una solida disciplina di capitale che ha loro consentito di aumentare i propri dividendi di anno in anno per più di un decennio.

Le spagnole Telefonica e Prosegur – società che si occupa di sicurezza globale – sono aziende fortemente radicate sul mercato domestico, ma anche esposte alla rapida crescita delle economie emergenti dell’America Latina, dove entrambe stanno estendendo il proprio business in modo profittevole. Telefonica e Prosegur vantano entrambe un solido impegno a produrre dividendi e le loro azioni offrono un buon valore grazie alle prospettive di crescita. Inditex è un altro titolo che Stuart Rhodes includerebbe nel proprio portafoglio, ma alla giusta valutazione, in quanto la buona disciplina di capitale del retailer è in linea con la sua filosofia di investimento.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

Syz mette su massa

Contenere il rischio è l’obiettivo

La raccolta ci mette l’Anima

Le stelle del Salone del Risparmio

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

La guerra dei fondi

Azimut prende Bocchin

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Il Pir nel target di Amundi

L’espresso di Ubs sul Sedex

Neuberger Berman in tour per i consulenti

Gam, un terzo delle masse in più

Fondi, rivoluzione Fidelity

ConsulenTia18/Gatti (Anima): “Vi presento Vespucci e Magellano”

Città globali, Los Angeles premiata da Schroders

BFC, benvenuto Asset Class

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Fondi: puntare sul debito emergente con Pictet

Giri di valzer ai piani alti di Savills IM

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Eventi, il Roadshow 2018 di UBS Asset Management

Assogestioni, la raccolta vola ancora

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

Assogestioni, raccolta splendente a luglio

Ti può anche interessare

Dwane (Allianz GI): “Positivi sulle banche europee”

L'outlook sul 2018 del global strategist di Allianz Global Investors ...

Poste Assicura dà il via al mese della prevenzione

tutti coloro che sottoscriveranno la polizza Posteprotezione Innova Salute Più nel mese di dicembre ...

Fondi, ecco i big-flop

Maxiriscatti colpiscono Goldman Sachs AM e Franklin Templeton. Male anche Standard Life Aberdeen, Fe ...