Fondi comuni – Nuovo fondo a cedola per Pioneer

A
A
A

Nuovo fondo con cedola di Pioneer Investments che investe in obbligazioni corporate dei paesi emergenti.

di Redazione28 aprile 2011 | 14:00

Per beneficiare dello scenario favorevole per i titoli obbligazionari societari emessi da aziende dei paesi emergenti, Pioneer Investments ha lanciato il comparto Pioneer Funds – Emerging Markets Corporate Bonds 2016.

Si tratta di un nuovo fondo obbligazionario a scadenza predefinita e con distribuzione annuale della cedola, particolarmente adatto a chi desidera effettuare una diversificazione in mercati caratterizzati da un elevato potenziale di crescita e ricerca un flusso di reddito periodico.

“I paesi emergenti presentano oggi elevate potenzialità di crescita – ha sottolineato Greg Saichin, Gestore del fondo e responsabile bond emergenti e high yield di Pioneer Investments – e le loro economie si sono sviluppate rapidamente negli ultimi 10 anni, con una crescita del PIL superiore a quella dell’economia globale. Oggi, oltre il 50% del PIL globale è generato dai  paesi emergenti e questo trend è destinato ad espandersi grazie ad una serie di fattori quali il processo demografico in atto e il fenomeno dell’urbanizzazione che li caratterizza”. 

“I paesi emergenti – ha aggiunto Saichin – presentano un livello di indebitamento sotto controllo e i flussi di capitale indirizzati verso questi paesi, stimati oggi intorno ai 6 miliardi di dollari mensili, sosterranno ancora a lungo le loro emissioni di titoli obbligazionari societari che nel 2010 hanno rappresentato il 73% di tutte le emissioni obbligazionarie dei paesi emergenti.

Il portafoglio del fondo sarà interamente investito in titoli obbligazionari corporate, di cui circa il 25% in emissioni di elevata qualità (investments grade). 
Il portafoglio ha l’obiettivo di massimizzare il rendimento alla scadenza fissata per il 30 Dicembre 2016 e la strategia Buy&Hold (acquisto dei titoli e mantenimento fino a scadenza) permette di stabilire oggi il range di rendimento atteso per i prossimi 5 anni e di ricevere annualmente una cedola che, al lordo di commissioni e costi e sulla base dei dati riferiti al mercato obbligazionario dei paesi emergenti alla fine di marzo, è stimata intorno al 7%. Il fondo non prevede rischio di cambio per i sottoscrittori dell’area euro. Tutte le esposizioni in valute diverse dall’euro verranno infatti coperte dal rischio di cambio.

La selezione dei titoli, fondamentale in fase di costruzione del portafoglio per un prodotto Buy&Hold obbligazionario corporate che investe nei paesi emergenti, e la gestione del rischio durante la vita del prodotto sono affidate a Greg Saichin e al suo team, che vantano una lunga esperienza nella gestione di fondi obbligazionari specializzati nei mercati emergenti e un track record eccellente in termini di contenimento del rischio nei portafogli di bond emergenti e high yield.

E’ possibile sottoscrivere il  fondo durante una finestra di collocamento che si conclude il 3 giugno 2011.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, ecco i migliori di Piazza Affari

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Raccolta, le polizze battono i fondi

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Degroof Petercam: 5 buoni motivi per puntare sui bond corporate high yield in euro

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

La Brexit fa paura: disinvestimenti netti per 3,5 miliardi di sterline dai fondi inglesi in giugno

Fondi: non si arresta la fuga dagli azionari, ecco dove stanno andando i flussi globali

Azimut Trend Italia recupera parte del terreno perso da inizio anno

Plurima Junior Resources Fund termina giugno in grande rimonta

Assoreti, raccolta stabile a maggio

Fonditalia Euro Financials paga cara la Brexit

Gestielle Obiettivo Europa approfitta della volatilità per rimbalzare

Fondi aperti, 13 miliardi raccolti in un trimestre

Fonditalia Euro Bond Long Term R, il rialzo prosegue

Generali sul tetto d’Europa

Aberdeen Global Select Emerging Mkt Bond A1 in ripresa da inizio anno

Materiali industriali in ripresa, Amundi ringrazia

Zenit Pianeta Italia I riduce il rosso da inizio anno

Interfund Equity Japan A prova a ripartire

Eurizon Azioni Salute prova a ripartire

Anima Bluebay Reddito Emergenti cavalca il rimbalzo

Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III recupera terreno

Oddo European Banks ringrazia la Bce e spicca il volo

Alkimis Capital Ucits Coupon dimezza il calo da inizio anno

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Promotori, training class: mettetevi alla prova con il benchmark dei fondi comuni d’investimento

Fonditalia Equity China R risale la china

Ti può anche interessare

MFS rafforza il team italiano con Siviero

La manager vanta oltre 10 anni di esperienza nel settore del risparmio gestito. Prima di entrare in ...

M&G: titoli tech, è bolla?

Il sell-off dei titoli tech a giugno ha alimentato la speculazione sul possibile inizio di una fase ...

Morris (Bnp Paribas Am): “2018, la ripresa continua”

Attenzione ad alcuni rischi: in particolare al ritorno dell'inflazione e a un eccesso di zelo da par ...