Risparmio gestito – Man, una piacevole sorpresa

A
A
A

Man, i risultati per l’anno finanziario chiuso il 31 marzo 2011 sorprendono positivamente il mercato.

di Redazione26 maggio 2011 | 12:30

Principali dati finanziari

•     L’utile statutario prima delle imposte da attività continuative è pari a 324 milioni di USD (2010: 541 milioni di USD), risultato che supera la stima di pre-chiusura di 280 milioni di USD a seguito di un solido andamento degli investimenti nell’ultima settimana di marzo e di una rettifica al conto patrimoniale a seguito dell’acquisizione di GLG 
•    Utile ante imposte rettificato da attività continuative di 599 milioni di USD (2010: 560 milioni di USD)
•          L’utile per azione diluito da attività continuative è di 14,0 centesimi di USD per azione (2010: 24,8 centesimi di USD per azione); l’utile per azione rettificato è di 27,6 centesimi di USD per azione (2010: 25,5 centesimi di USD per azione)
•     La posizione finanziaria rimane solida, con un’eccedenza di circa 900 milioni di USD (31 marzo: 650 milioni di USD) rispetto al capitale regolamentare; incasso netto di 900 milioni di USD (31 marzo: 881 milioni di USD)
•    Il Consiglio raccomanda un dividendo finale di 12,5 centesimi per azione, portando i dividendi totali per l’anno a 22 centesimi per azione
Principali dati operativi
•    Il patrimonio in gestione (FUM) è attualmente stimato a 71 miliardi di USD (31 marzo 2011: $69,1 miliardi), riflettendo flussi positivi nonostante il recente contesto impegnativo in termini di performance
•    Prosecuzione dello sviluppo di una serie diversificata di strategie e formati per soddisfare le esigenze degli investitori globali: più di 10 miliardi di USD gestiti in formati UCITS; 1,3 miliardi di USD gestiti in Man Systematic Strategies
•    Espansione della presenza globale: avvicinamento della gestione degli investimenti ai mercati (es. Hong Kong); lancio della classe di azioni AHL renminbi

Peter Clarke, Chief Executive di Man, ha cosi commentato:

“Nel corso dell’ultimo anno, abbiamo trasformato Man nel provider più completo dell’industria di stili di investimento alternativi liquidi. Abbiamo acquisito e integrato GLG senza inficiare la performance degli investimenti o i flussi, abbiamo continuato ad ampliare la portata delle nostre capacità di gestione degli investimenti e abbiamo sviluppato nuovi prodotti e formati. Ciò unitamente alla diffusa presenza geografica del nostro franchise, è risultato in una forte richiesta da parte delle istituzioni e degli investitori privati a livello globale, e in una crescita del patrimonio in gestione. Il recente lancio del nostro fondo aperto AHL in Giappone, che ad oggi ha raccolto 2 miliardi di USD, è un chiaro esempio di questo slancio e sarà seguito dal lancio di un fondo GLG in valuta giapponese.

“Recentemente l’incertezza a livello macroeconomico ha nuovamente impattato i mercati e le performance nella maggior parte delle asset class, contribuendo a intensificare la concentrazione nel lungo termine degli investitori su strategie di investimento liquide e diversificate. Man si trova nella posizione di poter far fronte a tali richieste grazie all’attenzione che dedichiamo alla performance, al nostro ampio portafoglio di strategie di investimento e alle economie di scala e alle risorse che siamo in grado di applicare per sviluppare soluzioni per i portafogli degli investitori in tutto il mondo. Ci troviamo nella posizione giusta per soddisfare le esigenze degli investitori.”

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Mifid 2, T. Rowe Price pagherà per la ricerca di terze parti

L’ANNUNCIO – Il gruppo T. Rowe Price ha fatto sapere che, a partire dal 3 gennaio 2018, ...

Alfieri (Jp Morgan Am): “I nostri Pir? Pensati su misura per gli investitori italiani”

Parla il country head per l’Italia della nota casa di gestione che spiega le caratteristiche e le ...

Pictet AM, occasioni digitali da cogliere

Un’esposizione a tutti i principali megatrend, come sharing economy, fintech, social media, big da ...