Risparmio gestito – Opportunità in Giappone

A
A
A

Royce (Legg Mason): small cap giapponesi sotto la lente.

di Redazione31 maggio 2011 | 09:30

Secondo Royce & Associates, la società del gruppo Legg Mason specializzata in società di piccole dimensioni, le valutazioni delle società a bassa capitalizzazione giapponesi stanno diventando sempre più interessanti, in particolare quelle di minore dimensione.

Nonostante i dati recenti, che mostrano nel primo trimestre dell’anno una contrazione del Pil giapponese dello 0,9%,  David Nadel, gestore del portafoglio del fondo Legg Mason Royce Global Smaller Companies Fund, è convinto che “il Giappone si riprenderà e che gli effetti delle sue difficoltà sull’economia globale non dureranno a lungo”.

Secondo Nadel,conseguentemente al  devastante terremoto e allo tsunami dello scorso marzo, le società giapponesi ora sono sotto la lente degli investitori alla ricerca di opportunità di investimento. “Alcuni investitori sono molto interessati alle opportunità, che potrebbero essere considerevoli, relative all’ambito della ricostruzione a lungo termine.

Per raccogliere quest’opportunità, il fondo Legg Mason Royce Global Smaller CompaniesFund ha allocato il 10,71%  dei suoi asset in Giappone*, raddoppiando il pesodi questo paese aveva  prima del terremoto e collocandolo, nella classifica per paesi, nella seconda posizione per grandezza dopo gli Stati Uniti, che rappresentano il 26,62%  del portafoglio.

Nadel fa notare che “i dati odierni riflettono l’impatto dei recenti tragici eventi in Giappone” è convinto che “nel breve termine, si continueranno a verificare delle interruzioni nel processo per rimettere Giappone  in piedi. Stiamo parlando di una potenza molto importante dell’economia mondiale e quindi sono in corso diversi tentativi di  misurare l’impatto a breve termine della catastrofe sulla  catena di approvvigionamento del settore manifatturiero e su quella globale”

“Nel frattempo, dal punto di vista degli investimenti, i recenti tragici eventi in Giappone forniscono agli investitori che utilizzano un criterio  bottom up incentrato sul valore la possibilità di incorporare, in questo caso al  fondo, azioni di società di alta qualità prima non detenute o di rimpolpare posizioni già presenti con la corretta valutazione”.

Il fondo  Legg Mason Royce Global Smaller Companies è stato lanciato il 31 dicembre  2009 e si avvale come benchmark di riferimento dell’indice Russell Global Small Cap Index. Nei 12 mesi precedenti al 31 marzo  2011, il fondo ha generato un rendimento del  34,42%**superando comodamente il benchmark, che è cresciuto del 22,68%.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

ConsulenTia18/Gatti (Anima): “Vi presento Vespucci e Magellano”

Città globali, Los Angeles premiata da Schroders

BFC, benvenuto Asset Class

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Fondi: puntare sul debito emergente con Pictet

Giri di valzer ai piani alti di Savills IM

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Eventi, il Roadshow 2018 di UBS Asset Management

Assogestioni, la raccolta vola ancora

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Risparmio gestito, agli italiani piace sempre di più

Assogestioni, raccolta splendente a luglio

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Banca Generali: commissioni a tutto gas nel primo semestre

Anima Holding frena nonostante buona raccolta di luglio

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Anima sottotono dopo acquisizione Aletti Gestielle

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Amundi, il retail spinge la raccolta del semestre, utili a quota 308 milioni

Neuberger Berman: attenti a non avere portafogli troppo poco diversificati

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Citigroup promuove i Pir, plaude a Banca Mediolanum

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Bper e Popolare Sondrio ripartono all’attacco per Arca Sgr?

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Banca Mediolanum accelera a Piazza Affari

Ti può anche interessare

Carmignac: dove trovare valore nel mercato obbligazionario

Il 2016 è stato pieno di ostacoli per i mercati obbligazionari, dovuti alla minaccia dei tassi di i ...

Fidelity, l’uscita di Martignoni

Dopo quasi 10 anni di permanenza nella società, la country head per l’Italia lascia il suo incari ...

Carmignac: quanto pesa il populismo

L’ascesa del populismo e il suo impatto sui mercati costituisce un tipico caso di “riflessività ...