UBP: potenziali sottoperformance in vista per il debito sovrano europeo

A
A
A

Per Christel Rendu de Lint, head of global & absolute return Fixed Income di Union Bancaire Privée – UBP, la gestione del rischio legato ai tassi resta un problema significativo per gli investitori obbligazionari.

Chiara Merico di Chiara Merico21 aprile 2017 | 12:19

SCENARIO FAVOREVOLE – Lo scenario economico di rado è stato così favorevole per il mercato del credito: l’economia globale è in una fase di ripresa ciclica, i rischi recessivi sono più remoti e l’inflazione – sebbene sia ancora in aumento – resta contenuta, spiega Christel Rendu de Lint, head of global & absolute return Fixed Income di Union Bancaire Privée – UBP. Detto ciò, la gestione del rischio legato ai tassi resta un problema significativo per gli investitori obbligazionari. Una strategia d’investimento attiva – cosiddetta “absolute performance” – e mantenere le distanze dal segmento euro aggregate offriranno forza e stabilità. Con gli Stati Uniti che hanno preso il ruolo di motore della ripresa nell’ambito della crescita economica a livello globale, la Federal Reserve – a dicembre dell’anno scorso – ha avviato il processo di normalizzazione della politica monetaria. L’istituto centrale americano sta programmando un altro rialzo dei tassi nel 2017, in seguito a quello di marzo, e altri tre nel 2018. La solidità dei fondamentali dell’economia statunitense sta supportando le valutazioni degli asset rischiosi e la Fed potrà finalmente – anche se gradualmente – normalizzare la propria politica monetaria.

INCERTEZZA PER IL VOTO FRANCESE – Il rialzo dei “federal fund rate” dovrebbe supportare l’aumento dei tassi d’interesse sia negli Stati Uniti sia in Europa. Quelli statunitensi hanno già assistito a un rimbalzo di 50 punti base (per i tassi a 10 anni) da quando hanno toccato i minimi a giugno del 2016. I tassi europei hanno fatto lo stesso e continueranno a seguire questo trend nei mesi a venire. Questo rischio legato ai tassi (o per meglio dire, il rischio di correzioni sui mercati obbligazionari più sensibili ai movimenti dei tassi d’interesse) associato a un ritorno delle incertezze politiche in Europa, sta esponendo il segmento euro aggregate e, in particolare, il comparto del debito sovrano a potenziali sottoperformance. Quanto alla politica, le elezioni in Francia costituiscono una delle principali fonti di incertezza. Al momento, la possibilità che un partito estremista possa salire al potere e dare il via a una possibile “Frexit” è alquanto improbabile. Tuttavia, qualora dovesse verificarsi uno scenario simile, questo avrebbe un effetto disastroso sui mercati europei del debito sovrano. Gli investitori non possono ignorare tale rischio, indipendentemente da quanto possa sembrare contenuto, conclude Rendu de Lint.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubp: come proteggersi dal protezionismo

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Ubp: Bce sulla difensiva per buona parte del 2017

UBP chiude il 2016 in forte crescita

UBP: l’oro risente delle politiche della Fed

UBP e Partners Group lanciano una strategia innovativa sul reddito fisso

UBP: nel 2017 vento in poppa per le convertibili

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

UBP: Azionario, 2017 in crescita per le “smid cap” europee

Ubp: obbligazionario, ritorni sostenuti possibili solo con una strategia dinamica

Ubp: Opec, strategia fallimentare o vincente?

Ubp, Benjamin Schapiro rafforza il team sui bond convertibili

Ubp: petrolio, nessun congelamento della produzione in vista

Ubp punta sulle azioni europee con l’ingresso di Anniss

Ubp rafforza il team milanese con Anton Giulio D’Amato

Ubp: volatilità elevata e crescita lenta, dove puntare?

Ubp: il petrolio verso la risalita

UBP: oro, riflettori puntati sulla Fed

Cina, ottime opportunità sul lungo periodo

Ubp, utile in crescita del 13% nel primo semestre

Turchia, Ubp: dal tentato golpe volatilità nel breve termine

UBP: occhi puntati sull’azionario degli Emergenti

Ubp: la Fed attenderà ancora prima di rialzare i tassi

Ubp: azionario Europa, dividendi in aumento all’orizzonte

Ubp, le banche centrali sono sempre meno credibili

UBP cambia partner nel fondo azionario Usa

Ubp, al via la partnership con Old Mutual Wealth Italy

Ubp punta sugli Emergenti con un nuovo fondo azionario

Ubp, il 2016 sarà un anno impegnativo

Materie prime, Ubp: “La Cina è la chiave per i metalli”

Mercati, le due visioni opposte di Fed e PboC

Ubp e Adams Funds puntano sulle small cap Usa

Ubp: petrolio, l’eccesso di offerta sta diminuendo

Ti può anche interessare

Amundi, raccolta netta a 1,1 miliardi nel terzo trimestre

La raccolta netta dei primi nove mesi dell’anno si attesta a 3,4 miliardi di euro e le masse gesti ...

Bnp Paribas Ip: si accentua la divergenza tra le politiche monetarie

Per Joost van Leenders, chief economist del team Multi asset solutions, il tiro alla fune tra i merc ...

Bnp Paribas Ip: Brexit, uno shock regionale con ricadute globali

Per Joost van Leenders, chief economist del team Multi asset solutions di Bnp Paribas Ip, la strateg ...