Assogestioni, Bnp Paribas balza in testa

A
A
A

A marzo segue al secondo posto per raccolta Amundi, con 1.563 milioni di euro. Sul terzo gradino del podio si posiziona il gruppo Intesa Sanpaolo con 1.352,8 milioni di euro. Il gruppo Generali, nonostante i deflussi, resta in testa per patrimonio gestito.

Chiara Merico di Chiara Merico27 aprile 2017 | 11:25

IL BALZO DI BNP PARIBAS – Secondo la mappa mensile di Assogestioni l’industria del risparmio gestito ha registrato a marzo 2017 una raccolta netta positiva per 10,105 miliardi di euro, un dato che segna ancora una volta un’accelerazione rispetto ai 7,4 miliardi di euro registrati a febbraio. Per quanto riguarda le singole società, in testa alla classifica della raccolta netta nel periodo c’è il gruppo Bnp Paribas con 3.699,7 milioni di euro. Segue al secondo posto Amundi, con 1.563 milioni di euro. Sul terzo gradino del podio si posiziona il gruppo Intesa Sanpaolo con 1.352,8 milioni di euro, trainato da Eurizon Capital con 1.894,1 milioni di euro, mentre Fideuram registra deflussi per 541,3 milioni di euro.  Al quarto posto troviamo M&G Investments con una raccolta netta positiva per 884,1 milioni di euro, seguito dal gruppo Poste Italiane con una raccolta netta nel periodo di 705,8 milioni di euro. In classifica seguono al sesto posto il gruppo Axa (+543,7 milioni), poi JpMorgan Asset Management (+440,1 milioni), Ubi Banca (+422,8 milioni), Morgan Stanley (+378,1 milioni) e Invesco (+365,2 milioni).

DEFLUSSI – A registrare i maggiori deflussi nel mese è stato il gruppo Pioneer Investments, con -1192,8 milioni di euro. Seguono il gruppo Generali con -874,9 milioni e il gruppo Banco Bpm (-454,2 milioni).

PATRIMONIO GESTITO –
Prendendo in esame il patrimonio gestito, il gruppo Generali resta saldamente in testa alla classifica con con 459,626 miliardi di euro. Sul podio in seconda posizione troviamo il gruppo Intesa Sanpaolo con 379,177 miliardi di euro (290,1 Eurizon Capital e 89 Fideuram), e al terzo posto Pioneer Investments con 145,3 miliardi di euro. Seguono Poste Italiane (75,4 miliardi), Anima Holding (73,6 miliardi), BlackRock Investment Management (69,5 miliardi), Gruppo Ubi Banca (53,4miliardi), Allianz (48,3 miliardi), Amundi Group (48,2 miliardi) e Gruppo Mediolanum (46,4).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn141Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Amundi sceglie Palladio per il primo deal italiano

Amundi lancia un Etf Pir compliant

Amundi, il retail spinge la raccolta del semestre, utili a quota 308 milioni

La squadra di Amundi in Italia

Classifiche Bluerating: Amundi in testa tra i fondi a Ritorno Assoluto – Arbitrage Strategy

Pictet Alternative Advisors prende Merz da Amundi

Tutti gli uomini (e le donne) della nuova Amundi

Partenza boom per i Pir di Amundi

Risparmio gestito: oro Intesa Sanpaolo, argento Generali

Amundi, corre la raccolta nel primo trimestre

Amundi, salgono le masse e i profitti

Amundi lancia la distribuzione in Italia dei comparti Cpr Invest

SdR 17, Beani (Amundi): “Ancora rialzi per le azioni europee”

Finanza & Futuro distribuirà i comparti Amundi

Amundi lancia due fondi Pir

Amundi, al via l’aumento di capitale

Amundi quota un Etf smart beta in Borsa Italiana

Perrier (Credit Agricole): “L’integrazione tra Amundi e Pioneer va avanti spedita”

Classifiche Bluerating: Amundi in testa tra i fondi obbligazionari area euro- inflation linked

Classifiche Bluerating: Amundi in testa tra gli Azionari Area Euro – Mid & Small Cap

Consulentia 17/Proli (Amundi sgr): “Con la Mifid 2 puntiamo tutti sull’educazione finanziaria”

Credit Agricole, scende l’utile, crescono i ricavi

Amundi, in arrivo l’aumento di capitale

Classifiche Bluerating: Nordea in testa tra i fondi obbligazionari Usa-corporate

Fondi, il n.1 del 2016 è Vanguard

Amundi: Jobs Act, verso un nuovo referendum in Italia?

Amundi conquista Pioneer

Pioneer, prezzo di vendita attorno ai 3,5 miliardi

Unicredit: le novità su Pioneer non bastano a evitare il rosso

Pioneer, colpaccio di Amundi

Amundi e Tobam rafforzano la partnership strategica

Amundi, raccolta netta a 1,1 miliardi nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Ti può anche interessare

Lombard Odier: ecco le tre sfide per il mercato obbligazionario

Negli Usa, l’aumentata inclinazione della curva del mercato obbligazionario e il rafforzamento del ...

GAM: A-shares cinesi negli indici MSCI, un riconoscimento solo formale?

Il 21 giugno la notizia del giorno è stata l’inclusione della Cina nell’indice MSCI Emerging Ma ...

Axa Italia entra nel mercato dei Pir con Investimento Italia

La soluzione, spiega la società, "permette di accedere ai mercati finanziari, azzerare le tasse e i ...