Nel semestre Fonsai riduce le perdite a 61,9 milioni di euro

A
A
A

Il gruppo: a fronte del consistente calo di raccolta si segnala un confortante contributo della redditività ordinaria

di Redazione29 agosto 2011 | 16:47

Fondiaria Sai chiude il primo semestre del 2011 con un risultato netto di pertinenza del gruppo negativo per 61,9 mln di euro, contro i -144,8 mln del 30 giugno 2010. Lo comunica la compagnia assicurativa. La raccolta premi ammonta complessivamente ad 6.216,8 mln, con un calo del 16,1%. Nei rami Danni la raccolta del lavoro diretto ha raggiunto 3.655 mln (-1,2%). Il combined ratio (la percentuale dei costi complessivi per sinistri e spese rispetto al valore dei premi di competenza dell’esercizio) è al 101,9% (105,4% al 30 giugno 2010), “denotando un confortante progresso pur in presenza di un elevato peso degli oneri tecnici, la cui stagionalità incide in maniera rilevante nella prima parte dell’anno”.
La raccolta del lavoro diretto nei rami Vita ha raggiunto 2.559,9 mln (-31% anno su anno). La consistente diminuzione della raccolta “è imputabile prevalentemente al canale della bancassicurazione”. Il New Business Margin calcolato sulla nuova produzione del primo semestre 2011 è stato pari all’14,4%, in crescita rispetto al 12,0% fatto registrare sulla raccolta dell’intero esercizio 2010. Il settore, continua Fonsai, “fa emergere un utile prima delle imposte pari a 74 milioni (erano 107 milioni al 30 giugno 2010): a fronte del consistente calo di raccolta si segnala un confortante contributo della redditività ordinaria, anche se il risultato viene inficiato dall’impatto di 44 milioni (15 milioni al 30 giugno 2010) di impairments su strumenti finanziari disponibili per la vendita; di questi 33,8 milioni sono riferibili alla già citata svalutazione di titoli di Stato greci, al lordo della quota a carico degli assicurati”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Etica Sgr aderisce a “No fees nel settore Ict”

L’iniziativa è diretta alle aziende del settore della tecnologia per le telecomunicazioni per eso ...

Gam: biotech e biopharma portano in alto l’healthcare

Dall’insediamento di Trump il principale argomento di discussione nel settore healthcare ha riguar ...

State Street: Macron, sospiro di sollievo sui mercati

Secondo Timothy Graf il risultato è nel breve termine una buona notizia per gli asset rischiosi e p ...