Axa Private Equity sigla accordo con Hsh Nordbank Ag

A
A
A

Axa Private Equity, società di private equity, ha siglato un accordo con Hsh Nordbank Ag per l’acquisizione della maggioranza di un portafoglio da 620 milioni di euro composto da 47 limited partnership in fondi buyout europei di private equity.

di Redazione30 agosto 2011 | 15:00

Axa Private Equity, società di private equity diversificata leader in Europa, ha siglato un accordo con Hsh Nordbank Ag per l’acquisizione della maggioranza di un portafoglio da 620 milioni di euro composto da 47 limited partnership in fondi buyout europei di private equity. Il portafoglio acquistato da AXA Private Equity comprende 18 differenti limited partnership nei maggiori fondi buyout europei di media e grande capitalizzazione, rappresentanti € 478 milioni di original committments.

L’operazione rappresenta il terzo maggior accordo concluso negli ultimi mesi da Axa Private Equity nel campo dei fondi secondari, dopo l’acquisizione a giugno di un portafoglio di attività da Citigroup del valore di 1,7 miliardi di dollari e di un portafoglio di private equity da Barclays del valore di 740 milioni di dollari. In ciascuna di tali transazioni, la strategia di Axa Private Equity è stata quella di fornire al venditore una soluzione su misura che soddisfacesse le sue esigenze globali e, in linea con tale strategia, la società ha una forte predilezione per operazioni proprietarie dotate di un certo grado di complessità. Vincent Gombault, Managing Director Funds of Funds presso Axa Private Equity, ha così commentato : “L’operazione suggella il rapporto di lunga data con Hsh Nordbank Ag.

Questi asset sono gestiti in maniera eccellente, offrendo potenzialità concrete in termini di creazione di valore per i nostri investitori, oltre a rappresentare una soluzione unica per Hsh Nordbank AG. Le altre acquisizioni di fondi secondari concluse da Axa Private Equity nel corso dell’anno confermano che siamo perfettamente in grado di cogliere le migliori opportunità ovunque queste si presentino nel mondo, adattandoci rapidamente a nuovi contesti di mercato e rilevando attività di alta qualità che hanno mantenuto la propria forza nonostante la crisi finanziaria”.

Le tendenze in atto nel mercato globale dei fondi secondari Gombault ha aggiunto: “Il mercato secondario continuerà a registrare una crescita vigorosa nei prossimi due anni. Le banche sono interessate ad alleggerire i propri portafogli di private equity e i prezzi hanno raggiunto livelli più accettabili. Prevediamo che verranno messe in vendita attività bancarie per 40-50 miliardi di dollari. E una volta che gli istituti di credito avranno ridimensionato i propri portafogli, sarà la volta dei fondi pensione. Nel loro caso, i portafogli non sono in gravi difficoltà, ma i team dei fondi pensione sono spesso piccoli e difficilmente riusciranno a gestire 200 o più rapporti di general partnership, e per questo alcuni cercheranno di razionalizzate i propri portafogli”. performance dei suoi fondi e delle aziende nel suo portafoglio, che la società fornisce nell’ambito del servizio fornito agli investitori. 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Banco Popolare e Digital Magics: 1 milione di euro a sostegno delle startup

MutuiOnline e la marcia silenziosa verso un nuovo supermarket online per i fondi

Fondi, è ancora boom per Vanguard

Assogestioni, l’industria fa 13

Giri di poltrone per i fondi di Banque de Luxembourg

La raccolta di Anima fa +13% a febbraio

La finanza sostenibile piace al mercato: raddoppia l’utile di Etica Sgr

Legg Mason cresce nei fondi immobiliari

L’arrivo della Mifid2 potrebbe slittare di un anno

Tarabini Castellani (Vontobel), nel fixed income stanno per arrivare 280 miliardi di euro

Anima preme l’acceleratore sul retail nel 2014 e raccoglie 7,6 miliardi

Fondi quotati, ancora presto per parlare di trasformazione radicale

Il consulente del futuro? Quello che saprà leggere un bilancio: parola di un ex big di Merril Lynch

Bny Mellon e Credem insieme per la distribuzione di fondi a 500 promotori

Comgest, verso l’uscita il managing director Vincent Strauss

Usa: i bond ‘spazzatura’ solleticano ancora i grandi fondi

Fondi obbligazionari globali, ecco i nomi dei gestori più bravi secondo Citywire

Santé fa affari con Credit Agricole Assurances

Hines Italia sgr compra da Blackrock il LightBuilding di Milano

Perché il mercato fa meglio dei gestori

Ecco i migliori fondi dalla nascita dell’euro ad oggi

Classifiche, il gestore più bravo di aprile lavora per Aberdeen AM

Classifiche Citywire, nome per nome i migliori gestori di fondi absolute return

La Gnp lancia il comparatore dei fondi

Salone del Risparmio, al via le iscrizioni alle conferenze

Risparmio, gli italiani riscoprono i fondi di investimento

Ti può anche interessare

Carmignac: quanto pesa il populismo

L’ascesa del populismo e il suo impatto sui mercati costituisce un tipico caso di “riflessività ...

WisdomTree: gas naturale, boom produttivo ma restano i limiti infrastrutturali

timori circa l’eccesso di offerta globale continuano a pesare sui prezzi del gas naturale nel brev ...

Consultinvest: le obbligazioni convertibili, un’asset class alternativa

Gli investitori, infatti, concentrano le loro “energie intellettuali” principalmente sulle azion ...