Swissincanto si mette sulla difensiva

A
A
A

Per l’emittente di fondi di investimento e gestore patrimoniale, a fronte della persistente volatilità i titoli immobiliari svizzeri e gli hedge fund che seguono una strategia conservativa risultano leggermente sovrappesati nei portafogli

di Redazione31 agosto 2011 | 10:12

L’emittente di fondi di investimento e gestore patrimoniale Swisscanto si mette sulla difensiva. Secondo un rapporto pubblicato dalla società infatti, la scarsa fiducia degli investitori nei decision maker della politica economica continua a gravare sui mercati. “A fronte della persistente alta volatilità i titoli immobiliari svizzeri e gli hedge fund che seguono una strategia conservativa risultano leggermente sovrappesati nei portafogli”, hanno spiegato gli esperti. L’incertezza degli investitori non solo caratterizza l’umore sulle piazze finanziarie, ma si riflette in modo crescente anche sull’economia reale.

E proprio in Svizzera, “ci troveremo a percepirlo ancora più nettamente dal momento che il franco svizzero, che continua ad essere sopravvalutato, sta portando i primi segnali di rallentamento della crescita economica. Ma anche a livello internazionale purtroppo non sono rimasti più molti strumenti per evitare una eventuale recessione. Che si tratti di programmi di spesa statale, dell’abbassamento dei tassi d’interesse o dell’acquisto di titoli di Stato, tutte queste manovre sono già state effettuate senza tuttavia conseguire l’effetto desiderato. In questa situazione è aumentata la probabilità di rendimenti molto alti o al contrario molto bassi: ciò ci induce a modulare la nostra strategia in modo un po’ diverso da quanto faremmo in “normali” condizioni di mercato”.

In particolare Swissincanto non ha in programma alcuna sovraponderazione azionaria, ma intende adeguare nuovamente al peso che ha nel benchmark la quota azionaria ridotta a causa delle correzioni del mercato. Contemporaneamentesarà dimezzata la quota di private equity che in un contesto economico difficile potrebbe subire una forte pressione mentre sarà incrementata la quota investita in hedge fund ampiamente diversificati.

“Titoli di stato di Grecia, Portogallo e Irlanda continuano a restare esclusi dalle nostre considerazioni; verso i titoli di Stato italiani e spagnoli restiamo invece molto cauti. Continuiamo a sovrappesare le obbligazioni aziendali rispetto ai titoli di Stato. Da un lato i rischi di insolvenza, nonostante un leggero aumento, risultano tuttora a un livello basso inferiore alla media, dall’altro cerchiamo con grande attenzione alternative all’investimento in titoli di Stato. Ad eccezione dei portafogli in franchi svizzeri dove le scadenze a lungo termine sono sottopesate, in generale ci manteniamo su una duration 2 neutra”, hanno concluso gli esperti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Banco Popolare e Digital Magics: 1 milione di euro a sostegno delle startup

MutuiOnline e la marcia silenziosa verso un nuovo supermarket online per i fondi

Fondi, è ancora boom per Vanguard

Assogestioni, l’industria fa 13

Giri di poltrone per i fondi di Banque de Luxembourg

La raccolta di Anima fa +13% a febbraio

La finanza sostenibile piace al mercato: raddoppia l’utile di Etica Sgr

Legg Mason cresce nei fondi immobiliari

L’arrivo della Mifid2 potrebbe slittare di un anno

Tarabini Castellani (Vontobel), nel fixed income stanno per arrivare 280 miliardi di euro

Anima preme l’acceleratore sul retail nel 2014 e raccoglie 7,6 miliardi

Fondi quotati, ancora presto per parlare di trasformazione radicale

Il consulente del futuro? Quello che saprà leggere un bilancio: parola di un ex big di Merril Lynch

Bny Mellon e Credem insieme per la distribuzione di fondi a 500 promotori

Comgest, verso l’uscita il managing director Vincent Strauss

Usa: i bond ‘spazzatura’ solleticano ancora i grandi fondi

Fondi obbligazionari globali, ecco i nomi dei gestori più bravi secondo Citywire

Santé fa affari con Credit Agricole Assurances

Hines Italia sgr compra da Blackrock il LightBuilding di Milano

Perché il mercato fa meglio dei gestori

Ecco i migliori fondi dalla nascita dell’euro ad oggi

Classifiche, il gestore più bravo di aprile lavora per Aberdeen AM

Classifiche Citywire, nome per nome i migliori gestori di fondi absolute return

La Gnp lancia il comparatore dei fondi

Salone del Risparmio, al via le iscrizioni alle conferenze

Risparmio, gli italiani riscoprono i fondi di investimento

Ti può anche interessare

Consultinvest: Def 2017, più ombre che luci

Secondo Consultinvest il documento risente ancora troppo dell’incertezza politica e anche se prova ...

Bnp Paribas Ip: gli investitori cercano opportunità in Europa

La strategia settimanale di Joost van Leenders, chief economist del Team Multi Asset Solutions dell ...

Ethenea: il Trumpismo blocca l’inflazione mondiale

Che si abbia una visione ottimistica o pessimistica sull’attuale stato dell’economia mondiale, ...