Consultinvest: come scegliere un Etf?/2

A
A
A

Non esiste l’Etf o l’emittente migliore in assoluto, ma una gamma sempre più ampia di strumenti che possono essere più o meno adatti a seconda della tipologia di investitore e delle sue esigenze di investimento, spiega una nota della società.

Chiara Merico di Chiara Merico3 maggio 2017 | 10:44

ATTENZIONE AL CALCOLO DELLA PERFORMANCE – Gli Etf, come qualunque titolo quotato in borsa, sono soggetti alla legge di mercato, per cui in caso di forte domanda potrebbero avere un prezzo di borsa che tende a superare il valore degli attivi detenuti dall’Etf, ovvero un premio rispetto al valore del NAV (e viceversa in caso di eccesso di offerta), spiega una nota di Consultinvest. Questa informazione è normalmente disponibile sui siti degli emittenti o tramite i principali fornitori di informazioni finanziarie e da una indicazione di quanto sia temporaneamente caro (o a sconto) un Etf. Per gli Etf a leva o corti è necessario prestare attenzione al meccanismo con cui viene calcolata la performance dell’Etf. Senza scendere nei dettagli dei calcoli, che sono stati pubblicati più volte sui quotidiani finanziari o sui siti specializzati, non è sempre detto che a fronte di una performance di +5% nell’ultimo trimestre un Etf a leva due produca una performance del +10% e un Etf corto produca una performance del -5%. Ci sono da considerare i costi del finanziamento, ma è determinante capire il modo in cui la leva o la posizione corta vengono prese, per non restare poi delusi dall’andamento del titolo. Non è ancora il caso in Europa, ma negli Stati Uniti è già capitato che qualche Etf a leva su indici molto specifici si è trovato costretto a sospendere l’emissione di nuove azioni in quanto era arrivato ad avere un patrimonio troppo elevato rispetto al valore dell’indice sottostante.

VALUTARE IL COSTO – Infine, e non a caso siamo arrivati all’ultimo fattore, è ovviamente importante valutare il costo dell’Etf, ma solo dopo tutte le considerazioni precedenti. In genere indici con un numero limitato di titoli, su un mercato liquido e con una offerta da parte di diverse società di gestione avranno commissioni di gestione piuttosto basse e liquidità di mercato piuttosto elevata. Viceversa per mercati specifici e poco liquidi o in caso di indici concessi in esclusiva a una sola società di gestione le commissioni tenderanno a essere più elevate. Tutto questo può essere condizionato dalle politiche commerciali delle società di gestione che per aumentare la loro quota di mercato o entrare in specifici segmenti lanciano prodotti con un regime commissionale particolarmente favorevole. In conclusione, la scelta di un Etf non è così banale come si può pensare a priori. Nessuna delle caratteristiche descritte è più importante delle altre o imprescindibile, ma ognuna deve essere considerata nel contesto dell’indice in cui si intende investire. Oggi le società di gestione hanno fatto moltissimi passi avanti in termini di trasparenza e di tutela dell’investitore e praticamente tutte le caratteristiche descritte in precedenza si possono trovare sui siti delle società emittenti. Ci deve quindi essere uno sforzo da parte dell’investitore al dettaglio per arrivare a una sufficiente conoscenza dello strumento in cui investire e per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze. Non esiste l’Etf o l’emittente migliore in assoluto, ma una gamma sempre più ampia di strumenti che possono essere più o meno adatti a seconda della tipologia di investitore e delle sue esigenze di investimento. Tutto questo senza dimenticare che a monte andrebbe valutato se è più indicato utilizzare un Etf o un fondo a gestione attiva o un altro strumento finanziario per la propria esigenza di investimento.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il crowdfunding galeotto dei sospesi ex Consultinvest

La Consob colpisce a Macerata: radiato ex Consultinvest

Consultinvest: la Cina a caccia dello shadow banking

Consultinvest: guardare al futuro per creare valore

ITForum Milano / Vitolo (Consultinvest): noi presenti con sgr e sim

Consultinvest: evasione ed economia sommersa, un quadro (ufficiale) della situazione

Consultinvest: “Una panoramica sui fondi sovrani”

Consultinvest: utili USA, un trimestre di pausa prima del rilancio?

Consultinvest: buone e cattive notizie sull’Italia

Consultinvest: il ritorno dell’alpha e delle strategie attive

Consultinvest: i fondi market neutral, leggere bene l’etichetta

Consultinvest: gli standard di presentazione della performance GIPS

Consultinvest: uragani, non una buona notizia per i bond Usa

Consultinvest: i Paesi di frontiera, cosa sapere e come operare

Consultinvest si tinge di rosso

Consultinvest: euro dollaro a fine corsa?

Consultinvest: il fondo sovrano norvegese e i suoi rendimenti enormi

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Consultinvest: gli Etf e gli indici più strani, qualche considerazione

Consultinvest: Ch(Q)E trappola! (una storia di crisi, zombie e droga monetaria)

Consultinvest, Betti entra nel cda

Consultinvest: nel breve puntare su opzioni e convertibili

Consultinvest: Msci e azioni Cina, cosa cambia?

Consultinvest: sorpresa Fed

Consultinvest: Pir, moda o opportunità?

Consultinvest: crescita moderata con grandi attese

Consultinvest: possibile volatilità nel breve ma strategicamente l’equity è preferibile ai bond

Consultinvest: il ritorno della guerra valutaria

Consultinvest: gli indici dei mercati finanziari/3

Consultinvest: gli indici dei mercati finanziari/2

Consultinvest: la storia degli indici dei mercati finanziari

Consultinvest: come scegliere un Etf/1

Consultinvest: Def 2017, più ombre che luci

Ti può anche interessare

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

“Tutti le principali società di gestione di ETF oggi propongono una serie di ETF di più recente ...

Classifiche Bluerating: Pharma/wHealth in testa tra i fondi azionari settoriali – farmaceutico e sanitario

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria azionari settoriali - farmaceutico ...

Credit Suisse Am lancia il quinto fondo fixed maturity

Il comparto si pone l'obiettivo di offrire un premio a scadenza di circa il 4%, a seconda delle cond ...