Feldstein: il dollaro continuerà a indebolirsi per altri cinque anni

A
A
A

In un’intervista al Corriere della Sera, l’economista conservatore e presidente emerito del National Bureau of Economic Research Martin Feldstein ha detto che…

di Redazione28 marzo 2012 | 08:15

Certo l’Europa non sta vivendo un bel momento, tra continui conflitti politici e diversi interessi, ma di certo “la moneta unica non crollerà”. A dirlo in un’intervista al Corriere della Sera, l’economista conservatore Martin Feldstein, professore ad Harvar e presidente emerito del National Bureau of Economic Research, che ha anche sottolineato che potrebbe aspettarsi un’uscita dalla zona euro della Grecia o del Portogallo, “m non l’Italia e nemmeno la Spagna che pure ha le sue difficoltà”.

OlA parte le parole di apprezzamento al governo Monti, l’economista americano avverte che l’emergenza non è ancora finita, neanche per l’America che vive una fase di crescita. “Spero che duri e che si consolidi, ma quello che vedo somiglia più a una tregua che a una vera ripresa”, continua Feldstein. “Se a fine anno verranno lasciati scadere (e quindi cancellati) gli sconti fiscali dell’era Bush, nel 2013 anche gli Usa torneranno in recessione”.

Una possibile spinta alla crescita la può dare la crescita demografica e “il recupero di ricchezza spendibile generata dall’aumento delle quotazioni in Borsa. E poi c’è il dollaro che secondo me continuerà a indebolirsi per i prossimi cinque anni. Questo alla lunga dovrebbe avere un effetto di bilanciamento: il dollaro debole fa crescere il prezzo delle importazioni spingendo gli americani verso beni e servizi prodotti negli Stati Uniti”. L’economista settantaduenne inoltre crede che un’altra operazione di liquidità da parte della Fed, il quantitative easing, “sia poco efficace, oltre che molto rischioso. Si possono ancora abbassare, ma di molto poco, i tassi d’interesse a lungo termine”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

SdR18, via libera per le conferenze

Fondi, rivoluzione Fidelity

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Fondaco, un nuovo fondo equity income

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Mediobanca, ai fondi la maggioranza (relativa) nell’assemblea

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Banco Popolare e Digital Magics: 1 milione di euro a sostegno delle startup

MutuiOnline e la marcia silenziosa verso un nuovo supermarket online per i fondi

Ti può anche interessare

BlackRock: gli istituzionali amano la gestione attiva

L’indagine condotta dall'asset manager rivela un interesse degli investitori istituzionali per la ...

Vegagest: work in progress per Bankitalia

Prosegue l'attività degli organi di vigilanza sul caso del Fondo Europa Immobiliare 1 ...

Franklin Templeton: come gestire la volatilità costruendo il portafoglio

Un commento a cura del team della casa di gestione statunitense ...