Feldstein: il dollaro continuerà a indebolirsi per altri cinque anni

A
A
A

In un’intervista al Corriere della Sera, l’economista conservatore e presidente emerito del National Bureau of Economic Research Martin Feldstein ha detto che…

di Redazione28 marzo 2012 | 08:15

Certo l’Europa non sta vivendo un bel momento, tra continui conflitti politici e diversi interessi, ma di certo “la moneta unica non crollerà”. A dirlo in un’intervista al Corriere della Sera, l’economista conservatore Martin Feldstein, professore ad Harvar e presidente emerito del National Bureau of Economic Research, che ha anche sottolineato che potrebbe aspettarsi un’uscita dalla zona euro della Grecia o del Portogallo, “m non l’Italia e nemmeno la Spagna che pure ha le sue difficoltà”.

OlA parte le parole di apprezzamento al governo Monti, l’economista americano avverte che l’emergenza non è ancora finita, neanche per l’America che vive una fase di crescita. “Spero che duri e che si consolidi, ma quello che vedo somiglia più a una tregua che a una vera ripresa”, continua Feldstein. “Se a fine anno verranno lasciati scadere (e quindi cancellati) gli sconti fiscali dell’era Bush, nel 2013 anche gli Usa torneranno in recessione”.

Una possibile spinta alla crescita la può dare la crescita demografica e “il recupero di ricchezza spendibile generata dall’aumento delle quotazioni in Borsa. E poi c’è il dollaro che secondo me continuerà a indebolirsi per i prossimi cinque anni. Questo alla lunga dovrebbe avere un effetto di bilanciamento: il dollaro debole fa crescere il prezzo delle importazioni spingendo gli americani verso beni e servizi prodotti negli Stati Uniti”. L’economista settantaduenne inoltre crede che un’altra operazione di liquidità da parte della Fed, il quantitative easing, “sia poco efficace, oltre che molto rischioso. Si possono ancora abbassare, ma di molto poco, i tassi d’interesse a lungo termine”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Fondi, è ancora boom per Vanguard

Assogestioni, l’industria fa 13

Giri di poltrone per i fondi di Banque de Luxembourg

La raccolta di Anima fa +13% a febbraio

La finanza sostenibile piace al mercato: raddoppia l’utile di Etica Sgr

Legg Mason cresce nei fondi immobiliari

L’arrivo della Mifid2 potrebbe slittare di un anno

Tarabini Castellani (Vontobel), nel fixed income stanno per arrivare 280 miliardi di euro

Anima preme l’acceleratore sul retail nel 2014 e raccoglie 7,6 miliardi

Fondi quotati, ancora presto per parlare di trasformazione radicale

Il consulente del futuro? Quello che saprà leggere un bilancio: parola di un ex big di Merril Lynch

Bny Mellon e Credem insieme per la distribuzione di fondi a 500 promotori

Comgest, verso l’uscita il managing director Vincent Strauss

Usa: i bond ‘spazzatura’ solleticano ancora i grandi fondi

Fondi obbligazionari globali, ecco i nomi dei gestori più bravi secondo Citywire

Santé fa affari con Credit Agricole Assurances

Hines Italia sgr compra da Blackrock il LightBuilding di Milano

Perché il mercato fa meglio dei gestori

Ecco i migliori fondi dalla nascita dell’euro ad oggi

Classifiche, il gestore più bravo di aprile lavora per Aberdeen AM

Classifiche Citywire, nome per nome i migliori gestori di fondi absolute return

La Gnp lancia il comparatore dei fondi

Salone del Risparmio, al via le iscrizioni alle conferenze

Risparmio, gli italiani riscoprono i fondi di investimento

Jp Morgan, il rendimento al primo posto

Anima sgr raggiunge altri due “Traguardi”

Fondi, Otus Capital Management scende da Prelios

Emir, più responsabilità sul fronte dei derivati

Aifmd, il mercato interno per i gestori alternativi

Ti può anche interessare

Bnp Paribas Am lancia il team dedicato al private debt

Il gruppo di lavoro, guidato da David Bouchoucha, investe in prestiti sindacati, prestiti diretti e ...

Rilancio in vista per Alfieri & St.John

Un fatturato di 10 milioni entro il 2018. E' l'obiettivo di crescita per lo storico marchio della gi ...

Bnp Paribas IP: 2 miliardi di attivi nelle strategie Aqua

I fondi Aqua di BNP Paribas Investment Partners investono proprio in quelle aziende che trovano e sv ...