Henderson GI: bisogna cercare i rendimenti a un prezzo ragionevole

A
A
A

“Dimenticate il Garp, è tutta questione di Yarp”: il consiglio è di Michael Kerley, dirigente di Henderson Asian Dividend Income Unit Trust e Henderson Horizon Asian Dividend Income Fund

di Redazione20 agosto 2012 | 13:58

MEGLIO GARP O YARP? – La crescita a un prezzo ragionevole (growth at a reasonable price, Garp) rappresenta una valida filosofia per la selezione delle azioni in cui investire, in grado di trovare il giusto compromesso fra utili robusti e consistenti e un buon valore. “Nondimeno la corsa ai rendimenti, in Asia come altrove”, spiega Michael Kerley, dirigente di Henderson Asian Dividend Income Unit Trust e Henderson Horizon Asian Dividend Income Fund, “spinge gli investitori ad arrischiarsi in società ad alto rendimento caratterizzate da una crescita contenuta e da multipli elevati. La ricerca del rendimento a tutti i costi costituisce un approccio chiaramente illogico; per assumere decisioni di investimento migliori, occorre mirare a rendimenti a un prezzo ragionevole (yield at a reasonable price, Yarp).

ASIA IN CONDIZIONI RELATIVAMENTE SOLIDE – Sul piano economico le prospettive di crescita incerte del mondo occidentale contrastano con quelle delle economie asiatiche, relativamente robuste. Mentre l’espansione del prodotto interno lordo (PIL) ha rallentato soprattutto di riflesso alla debolezza delle esportazioni, ma anche per le politiche restrittive dei governi, le tendenze di fondo restano positive nel continente, specie nei settori connessi alla domanda dei consumatori. “Non per questo l’Asia è del tutto immune dai problemi dell’Occidente”, continua il manager di Henderson GI.

FILOSOFIA SELETTIVA – Ma “la buona notizia riguarda tuttavia le opportunità di investimento, ancora numerose nella regione. Per individuarle è necessario seguire una filosofia selettiva che si rivolga a mercati meno sensibili alla crescita economica mondiale e più concentrati su soggetti nazionali, coniugandola con un approccio dal basso verso l’alto volto a reperire azioni effettivamente interessanti sotto il profilo degli investimenti, e non soltanto ad alto rendimento. Occorre dunque puntare su nomi che siano orientati al valore (ovvero risultino sostanzialmente sottovalutati e offrano dunque un potenziale di crescita del capitale) e che, al tempo stesso, dovrebbero registrare un aumento dei dividendi negli anni a venire. Opportunità di rendimento a un prezzo ragionevole: è questa l’essenza dello Yarp, il nostro mantra”.

DOVE PUNTARE – Esistono numerose opportunità di reddito: attualmente il 60% delle società asiatiche rende più dei titoli di Stato decennali statunitensi, mentre il 39% offre rendimenti più elevati delle rispettive obbligazioni locali a 10 anni. “La condizione necessaria è che, in attesa dello sganciamento dei mercati azionari asiatici dall’Occidente, un processo destinato con ogni probabilità a protrarsi, si assuma una posizione di medio-lungo termine sugli investimenti. L’orientamento nazionale resta inoltre concentrato su società operanti nei settori finanziario, immobiliare, dei beni di consumo ciclici e delle telecomunicazioni, evitando quelle orientate alle esportazioni”, conclude Michael Kerley.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

In Asia Ubs va a caccia di clienti donne

Zimmermann, Lemanik: azionario Asia ancora attrattivo

Private Equity in Asia, tanti soldi ma meno occasioni

Ti può anche interessare

Foà (AcomeA): “Value e contrarian, ecco il nostro stile di gestione”

Intervista al fondatore di AcomeA e decano dell’industria dei fondi comuni, che ripercorre la sua ...

Assoprevidenza: “No al bail in anche per casse sanitarie e fondazioni bancarie”

La proposta arriva dopo l'approvazione dell’emendamento alla manovra-bis che esclude i fondi pensi ...

Anthilia e Banca Popolare di Sondrio sottoscrivono il bond di Psc

Si tratta della quinta emissione garantita dal Fondo Europeo degli Investimenti sulla base dell’ac ...