GAM: l’inflazione è già sotto l’ombrellone?

A
A
A

L’inflazione sta registrando un livello inferiore rispetto alle attese. I più recenti dati core sul consumo individuale negli Stati Uniti sono calati all’1,5% contro l’1,8% registrato pochi mesi fa.

Chiara Merico di Chiara Merico8 giugno 2017 | 10:03

CONTESTO FAVOREVOLE – Il contesto economico resta ampiamente favorevole, con i modelli di previsione che indicano un’accelerazione della crescita del Pil nel secondo trimestre dell’anno e la probabilità che il trend possa andare avanti anche nel terzo, spiega Larry Hatheway, capo economista di GAM. Gli Stati Uniti stanno viaggiando su ritmi di crescita intorno al 2,7% nel secondo trimestre con una previsione del 3% annualizzato per il terzo trimestre dell’anno, fattore che segnala di fatto un notevole miglioramento rispetto ai dati deludenti dei primi tre mesi del 2017. I dati economici di Europa e Giappone sono ugualmente rassicuranti. Nel contesto degli Emergenti, i più recenti dati ISM sull’attività cinese, manifatturiera e non, sono stati di poco superiori alle attese. Nonostante ciò, nella maggioranza dei casi, i dati sull’attività economica non stanno battendo le elevate aspettative. Questo spiega la momentanea fase di stallo del momentum sul mercato azionario globale e su quello obbligazionario. Su un altro versante, l’inflazione, dal canto suo, sta registrando un livello inferiore rispetto alle attese. I più recenti dati core sul consumo individuale negli Stati Uniti sono calati all’1,5% contro l’1,8% registrato pochi mesi fa. Il rallentamento, tuttavia, dipende in parte dalla significativa diminuzione dei prezzi per i servizi di telefonia mobile, al netto dei quali l’inflazione core a Stelle e Strisce sarebbe rimasta abbastanza stabile. Un’inflazione che è rimasta al di sotto delle aspettative anche in Germania e Francia, anche se, fino a un certo punto, i cali hanno invertito ad aprile alcune fluttuazioni stagionali. Nel complesso, l’inflazione rimane sottotono, nonostante i gap di produzione siano rimarginati negli Stati Uniti, nell’Europa Occidentale e in Giappone. Dato più rilevante, probabilmente, è quello che viene dal Giappone, laddove il rapporto tra candidati e posti di lavoro disponibili è arrivato a livelli mai registrati dal 1974, suggerendo una crescente carenza di lavoratori qualificati e un’inflazione salariale che, nonostante ciò, si conferma bassa.

CORREZIONI GRADUALI – L’assenza di pressioni inflative lascia intendere che le correzioni in termini di politica monetaria continueranno ad essere graduali. Sulla scia delle recenti annotazioni molto dovish da parte di Mario Draghi, è poco probabile che la BCE dia una svolta significativa alla propria politica monetaria nel prossimo meeting del Consiglio Direttivo. La Fed, dal canto suo, rimane su una traiettoria di rialzo dei tassi di 25 punti base prevista per metà giugno, ma continuerà a sottolineare l’indirizzo di graduale normalizzazione. La politica sta ricoprendo un ruolo adesso più importante negli sviluppi del mercato sulla scia del perdurare delle rivoluzioni legate a Trump. Le speculazioni riguardo a possibili elezioni in autunno in Italia, con un nuovo sistema elettorale proporzionale, hanno portato ad una dose di agitazione sul mercato obbligazionario italiano dovuta alle implicazioni politiche e di consolidamento fiscale. Nel Regno Unito, un nuovo e per certi versi controverso sondaggio, allude alla possibilità che venga eletto un Parlamento bloccato nelle prossime elezioni generali, mettendo sotto pressione la sterlina, facendo svanire le aspettative per una più ampia maggioranza conservatrice, conclude il gestore.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Friedman (Gam): “Ancora interessati ad acquisizioni, ma senza fretta”

Gam: l’Italia preoccupa ma il mercato esagera

Cervellin (Gam): “Investire con algoritmi e Big Data”

Se Twitter predice l’andamento della volatilità

Gam: 2018 anno di transizione. Le opportunità nel mondo obbligazionario

Accordo tra GAM e la Fondazione di Venezia

Gam, un terzo delle masse in più

GAM: lo stato di salute dell’economia globale dipende dall’inflazione

Biggs (Gam): “Cosa c’è dietro il rally dei mercati”

GAM: emergenti, maggiori opportunità tra le emissioni in valuta locale

Gam: gli eventi da monitorare nel 2018

GAM: Il valore aggiunto di una gestione obbligazionaria attiva

Gam: Cina, il ritorno delle blue chip a tre anni dal lancio dello Shanghai Stock Connect

Gam arruola un investment manager per l’obbligazionario

Le 3 strategie di Gam protagoniste dell’Equity Day 2017

Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

Gam: la Fed potrebbe rimescolare le carte

GAM: la partita USA – Germania è solo al primo tempo

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

GAM: A-shares cinesi negli indici MSCI, un riconoscimento solo formale?

Cervellin (GAM): “La fine del gestore classico”

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi a Azionari Cina

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Area Euro – Large & Mid Cap Value

Gam: come generare alpha dalle M&A

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Settoriali – Energie Alternative

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Globali – Mid & Small Cap

Gam: biotech e biopharma portano in alto l’healthcare

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra gli azionari Cina

Londra, anche Gam vuole trasferirsi fuori dal centro

Sette fondi di Gam nella rete di Fineco

Gam cambia il capo del marketing

Marveggio (Gam): “Il rally delle small e mid cap può andare avanti”

Gam: corporate bond Emergenti, Trump è un rischio a metà

Ti può anche interessare

Consultinvest: buone e cattive notizie sull’Italia

La nuova analisi di Consultinvest si concentra sull'Italia facendo il punto sulle notizie buone e me ...

LFDE: Echiquier Global diventa Echiquier World Equity Growth

Questo cambiamento, informa una nota, riflette la volontà di evidenziare la dimensione internazion ...

Una nuova crisi nei Subprime?

Torna lo spauracchio che ha dato il la alla crisi del 2008 ...