Carreri (Anima sgr): l’industria ha reagito bene alla crisi economica

A
A
A

Secondo l’amministratore delegato e direttore generale della sgr, è cruciale creare poli indipendenti che possano assumere il ruolo di “campioni” nazionali.

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini31 dicembre 2012 | 12:22

PREPARARSI AL NUOVO ANNO – Le sfide del 2013: il settimanale soldi&bluerating ne ha parlato tra gli altri con Marco Carreri, amministratore delegato e direttore generale di Anima sgr (vai qui per leggere l’intervista a Giovanni Papini, a.d. di Ubs Global Asset Management Italia sgr, e qui per Alessandro Gandolfi, country head per l’Italia di Pimco). Ecco la sua analisi.

Carreri, come è andato il mondo dei fondi nel 2012? Ci sono gli ingredienti per una crescita nel 2013?
L’ultima fotografia del risparmio gestito italiano scattata da Assogestioni nel mese di ottobre mostra un’industria che ha reagito bene a un contesto macroecomico particolarmente complesso, con una raccolta netta da inizio anno sostanzialmente in pareggio. Per quanto riguarda Anima, il 2012 è stato un anno molto positivo. Per il 2013, pertanto, considerato anche il progressivo miglioramento del contesto di riferimento, in particolar modo delle tensioni nell’eurozona, ci auguriamo di proseguire nel percorso di crescita, basato sulla qualità dei prodotti e sulla prossimità ai nostri partner distributivi.

Quali sono i problemi che il settore dovrà affrontare e risolvere il prossimo anno?
Da tempo l’industria italiana è soggetta a una forte pressione competitiva da parte degli operatori esteri, attratti da un mercato in cui il risparmio è nel “dna” della popolazione. Ecco allora che per vincere questa sfida è cruciale creare poli indipendenti che possano assumere il ruolo di “campioni” nazionali. Questo determinerà probabilmente un’ulteriore spinta ad aggregazioni e la progressiva scomparsa degli operatori “generalisti” di piccole dimensioni.

Cosa c’è da fare ancora a livello normativo?
Sul piano normativo sono stati fatti molti passi in avanti e oggi il quadro di riferimento offre molte nuove possibilità – penso per esempio alla riduzione delle barriere a livello europeo a cui mira la direttiva comunitaria Ucits IV. Ora spetta, però, all’industria dell’asset management cogliere le opportunità messe a disposizione. Un esempio su tutti: la costruzione di prodotti in logica “master-feeder” potrebbe consentire significative efficienze dal punto di vista gestionale, mantenendo al tempo stesso una personalizzazione delle caratteristiche commerciali per ogni distributore.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Anima, i Pir trainano la raccolta ad agosto

Anima conquista Aletti Gestielle

Anima, offerta in vista per Aletti Gestielle

Anima, nel primo semestre corre la raccolta

Anima-Aletti Gestielle, prove tecniche di terzo polo

Anima, Colombi entra nel board

Anima, più raccolta con il retail

Fondi, nasce un gigante italiano

Pir a tutto tondo, Widiba e Anima ne parlano a Milano

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

I Pir spingono la raccolta di Anima

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

Anima, Melzi d’Eril nominato direttore generale

Anche Mps punta sui Pir, con un fondo di Anima

Anima in testa nella Pir selection di Banca Imi

SdR 17, Gatti (Anima): “Il valore del brand nel risparmio gestito”

Anima, raccolta di marzo a 267 milioni

Anima, analisti positivi dopo il riassetto

Anima ridisegna l’assetto organizzativo

Anima, la raccolta cresce ancora nel 2016

Anima prende Di Naro da Esperia

Anima, risultati a due facce

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Aletti Gestielle, salgono le chance di una vendita ad Anima

Anima, nozze in vista con Aletti?

Pir, le strategie delle banche e delle reti

Anima, frena la raccolta ma crescono le masse

Sul mercato il primo Pir italiano

Pir, le società di gestione pronte a lanciarli

Ferrari (Mediobanca): “Ipotesi fusione per Anima”

Anima, la produzione cala di 140 milioni

Poste Italiane incassa la sconfitta e rilancia sul gestito

Ti può anche interessare

Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

La maggioranza dei numeri ha superato le aspettative del mercato, mentre alcuni amministratori hanno ...

La scomparsa di Paolo Federici, patron di Eurogest

Finanziere di lungo corso, veniva considerato l’inventore dei titoli atipici che diedero vita a un ...

Risparmio gestito: Allianz e Poste regine di febbraio

Terzo posto per il gruppo Intesa Sanpaolo. Generali registra nuovi deflussi dopo la ripresa di genna ...