Il team dell’Università di Napoli vince la Fund Management Challenge

A
A
A

La competizione si è svolta dal 9 febbraio al 24 maggio 2017. Il 28 giugno si terrà a Milano la cerimonia di premiazione delle tre squadre con la migliore performance, sulle 19 partecipanti, provenienti da altrettanti atenei di tutta Italia.

Chiara Merico di Chiara Merico16 giugno 2017 | 09:58

IL PREMIO – La squadra Cucurbeta dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, ha vinto la sesta edizione della Fund Management Challenge (FMC), competizione di equity fund management istituzionale dedicata agli studenti delle università italiane organizzata da CFA Society Italy (CFASI) con il sostegno economico e tecnico di CFA Institute, FactSet, UBS ETF, Hammer Partners, Aequitax SA e Kaplan-Schweser. La competizione si è svolta dal 9 febbraio al 24 maggio 2017. Il 28 giugno si terrà a Milano la cerimonia di premiazione delle tre squadre con la migliore performance, sulle 19 partecipanti, provenienti da altrettanti atenei di tutta Italia. I team Patavium Investments dell’Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Statistiche e Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali e il Team LUISS della LUISS – Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli – Dipartimento di Economia e Finanza e Dipartimento di Impresa e Management, si sono classificati rispettivamente al secondo e terzo posto.

LA GARA – La Fund Management Challenge offre agli studenti universitari l’opportunità di gareggiare in un contesto che simula le condizioni reali tipiche dell’investimento istituzionale, permettendo ai partecipanti di sviluppare le competenze professionali individuali e di gruppo necessarie per raggiungere elevati standard di gestione. Sotto la supervisione di un docente, ogni squadra cerca di massimizzare il rendimento di un portafoglio, la cui composizione può essere modificata ogni settimana purché vengano mantenute al suo interno cinque posizioni lunghe e cinque posizioni corte equipesate. Le squadre – che possono avvalersi del supporto di un gruppo di professionisti della finanza che svolgono la funzione di mentori – hanno l’obbligo di spiegare le ragioni delle proprie scelte d’investimento e di impegnarsi ad applicare il codice di deontologia professionale promosso da CFA Institute, che rilascia la massima certificazione professionale in ambito finanziario internazionale. Un comitato di professionisti e un indice di qualità appositamente costruito valutano settimanalmente il lavoro degli studenti incoraggiandoli ad imparare e a migliorarsi durante tutta la competizione. La squadra Cucurbeta, Università degli Studi di Napoli – Federico II, ha commentato “Siamo felicissimi di questo risultato. Con questa gara abbiamo trasformato le conoscenze acquisite nel corso di Laurea in Finanza della Federico II in competenze professionali. Il supporto di CFA Society Italy, grazie agli insegnamenti di professionisti di elevato profilo etico e tecnico, ci ha permesso di maturare una esperienza professionalizzante che richiede tempi ed occasioni che non sono scontate. Al termine della gara, oltre alla soddisfazione, resta la consapevolezza critica delle tecniche di asset allocation acquisite”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn2Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fidelity, al via il roadshow invernale per incontrare i consulenti

FIDELITY, AL VIA IL ROADSHOW – Prende il via mercoledì 11 gennaio il Fidelity Roadshow Winter ...

Nuovo assetto e nuovi vertici per Equita Sim

Nasce una holding di direzione e coordinamento, denominata Equita Group S.p.A, che deterrà il 100% ...

Mifid 2, anche Ethenea si fa carico dei costi di ricerca

La società ribadisce inoltre la volontà di continuare ad avvalersi comunque delle analisi interne ...