M&G punta sugli emergenti con due prodotti

A
A
A

Il primo prodotto è focalizzato sul debito in valuta forte e il secondo sulle opportunità di generare reddito.

Chiara Merico di Chiara Merico10 luglio 2017 | 14:17

NUOVI FONDI – M&G Investments, tra le società di asset management leader a livello internazionale, annuncia il lancio di due nuovi fondi dedicati ai mercati emergenti; il primo focalizzato sul debito in valuta forte e il secondo sulle opportunità di generare reddito. M&G (Lux) Emerging Markets Hard Currency Fund sarà gestito dallo stesso team che gestisce l’M&G Emerging Markets Bond Fund, fondo posizionato nel primo quartile dall’inizio del mandato del suo fund manager*. L’approccio seguito dal gestore Claudia Calich e dal vicegestore Charles de Quinsonas unirà l’analisi fondamentale del credito a scelte macroeconomiche incentrate su forti convinzioni, per costruire un portafoglio fondato sulle “migliori idee” provenienti dall’universo di investimento del fondo. L’obiettivo del fondo è di generare un rendimento totale** maggiore rispetto a quello del mercato obbligazionario dei mercati emergenti in valuta forte su un periodo di tre anni. Almeno l’80% del portafoglio sarà investito in obbligazioni governative e quasi-governative dei mercati emergenti denominate in valuta forte. M&G (Lux) Emerging Markets Income Opportunities Fund  mirerà a fornire un reddito (4-6% p.a.) e una crescita del capitale sul lungo periodo investendo in azioni e obbligazioni societarie dei mercati emergenti. Michael Bourke, membro del team Emerging Market Equities di M&G, sarà il gestore del fondo e Charles de Quinsonas, del team Retail Fixed Interest di M&G, il vicegestore. Le obbligazioni societarie e le azioni dei mercati emergenti sono classi di attività complementari che, combinati all’interno di uno stesso portafoglio, offrono il vantaggio della diversificazione, nonché una ampia possibilità di combinare in modo ottimale gli asset capaci di generare reddito in un particolare momento. I gestori del fondo seguiranno un approccio bottom-up; le azioni detenute dal fondo saranno tutte di aziende che pagano dividendi, con un’attenzione particolare sul rendimento totale potenziale di lungo periodo. Le obbligazioni societarie saranno selezionate attraverso l’analisi dei fondamentali, valutando i  rischi finanziari e di business delle società e integrando valutazioni sul rischio sovrano.

UN MERCATO INTERESSANTE – Matteo Astolfi, country head di M&G in l’Italia ha commentato: “I mercati emergenti e le economie in via di sviluppo rappresentano il 60% del Pil mondiale e offrono agli investitori, che oggi navigano un contesto di accresciuta incertezza, opportunità di rendimenti più elevati di quelli accessibili oggi nei mercati sviluppati. I nuovi fondi sfruttano le competenze e il track record comprovati dei nostri team di investimento dedicati all’azionario e al reddito fisso sui mercati emergenti, i quali vantano, insieme, oltre 100 anni di esperienza negli investimenti in queste asset class”.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

M&G: il vero problema è ignorare le elezioni giapponesi

Astolfi (M&G): “più rendimento con gli Emerging”

M&G: titoli tech, è bolla?

Ti può anche interessare

Partenza boom per i Pir di Amundi

Amundi Valore Italia PIR e Amundi Dividendo Italia hanno già raccolto oltre 125 milioni di euro e s ...

Classifiche Bluerating: iShares/BlackRock in testa tra i fondi a azionari Europa Orientale

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria ritorno assoluto obbligazionari (e ...

GAM: BoJ e Trump trainano il listino giapponese

Osservando i driver degli utili societari a livello di indice, vale la pena sottolineare che i titol ...