Gautry (Ubp): una sfida importante per Janet Yellen, nuova “regina” della Fed

A
A
A

Patrice Gautry, chief economist di Union Bancaire Privée, spiega che ora la Fed è più fiduciosa sulla crescita economica statunitense e…

di Redazione31 gennaio 2014 | 11:51

LA NUOVA ERA YELLEN – “L’Era Bernanke è finita con un pianto, più che con il botto”, osserva Patrice Gautry (nella foto), chief economist di Union Bancaire Privée: “il benvenuto dei mercati all’ultima decisione del presidente della Fed, che ha ulteriormente ridotto gli acquisti mensili di bond della Banca centrale americana, è arrivato sotto forma di segno meno. Tuttavia, non ci sono solo brutte notizie, poiché ora la Fed è più fiduciosa sulla crescita economica statunitense, con gli outlook che quest’anno raggiungeranno facilmente il 3,5%, o anche più”.

LA FED DOVRA’ CAMBIARE TATTICA? – “Di conseguenza, aumenterà la pressione sul nuovo capo della Fed, Janet Yellen. Il prossimo incontro del FOMC (programmato a marzo) sarà seguito da una conferenza stampa, che catalizzerà l’attenzione dei mercati. E’ molto probabile che il tasso di disoccupazione sarà molto vicino – o forse persino sotto – la soglia del 6,5%, obbligando quindi la Fed a cambiare tattica o forse addirittura a evitare qualsiasi riferimento esplicito a questo indicatore. Se la fine del programma di allentamento quantitativo è sostenuta dai mercati, ci sono ancora operatori che restano scettici riguardo alla ‘forward guidance’ espressa dalla Fed, cioè in pratica riguardo alla capacità della Fed di guidare le aspettative sui tassi di interesse sia nel breve sia nel lungo termine, fintanto che l’inflazione resterà sui livelli più bassi di sempre”.

UNA SFIDA IMPORTANTE – “Nella sua ‘salita al trono’, Yellen deve affrontare quindi una sfida importante. I prezzi dell’azionario hanno effettivamente aiutato la ripresa economica degli Stati Uniti nel 2013 e costituiscono chiaramente una variabile per la trasmissione della politica monetaria americana: in breve, affinché il ciclo di crescita continui, deve esserci fiducia sull’azionario, dunque una politica monetaria chiara e visibile che sia allineata alle aspettative dei vari mercati. Il processo è molto più delicato rispetto al mero aumento o taglio di 25 punti base dei tassi di interesse e, agli occhi dei meno esperti, potrebbe sembrare riguardare più la psicologia che l’economia. Invece di parlare semplicemente del contenuto dei nostri portafogli, i banchieri centrali devono parlare alle nostre anime e alla nostra immaginazione. Quindi, lunga vita alla Regina Janet! E buona fortuna”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Ti può anche interessare

Old Mutual Global Investors inaugura la sede italiana

OMGI, con sede a Londra,è stata fondata nel 2012 e gestisce attualmente 40,6 miliardi di euro per c ...

State Street Global Advisors prende Roy da Credit Suisse

Roy, una delle personalità più note nel settore per la sua esperienza sulla macroeconomia, sull ...

Investec: mercati emergenti, come muoversi tra bond e valute?

Adottiamo un posizionamento sovrappesato sulle valute dei mercati emergenti, spiega una nota a cura ...