Sheard (Swiss&Global): l’Italia non è un Paese periferico

A
A
A

Daniel Sheard, co-lead portfolio manager del JB Absolute Return Bond Funds (Gam), ricorda che in Italia, a fare da contraltare a un debito pubblico alto, c’è un risparmio privato che…

di Elisa Zeri20 marzo 2014 | 09:03

L’ITALIA NON E’ UN PAESE PERIFERICO – L’Italia non è da annoverare tra i Paesi periferici dato che è da qui che, insieme a Francia e Germania, arrivano i tre quarti della produzione dell’Eurozona. Parola di Daniel Sheard (nella foto), co-lead portfolio manager del JB Absolute Return Bond Funds (Gam), intervistato da Bluerating in occasione dello Swiss&Global L@B 2014 che si è svolto a Milano. Che precisa: “Abbiamo delle posizioni in Italia, sia sul fronte del governativo a 5-7 anni sia sul settore bancario corporate. Noi non abbiamo mai considerato l’Italia tra i paesi periferici dell’Eurozona, è molto differente da altri stati, come la Spagna, dove ad esempio c’è stata la bolla del settore immobiliare. La Spagna è stata fortunata con l’intervento di Draghi, con il suo “whatever it takes”. In Italia, inoltre, a fare da contraltare a un debito pubblico alto, c’è un risparmio privato che è tra i più consistenti in Europa.

L’UNIONE BANCARIA – Intanto, secondo il money manager, i dati economici di inizio anno non sono di univoca lettura a causa dell’inverno particolarmente rigido che ha rallentato l’attività ma le previsioni della crescita globale sono state riviste al rialzo dalla Banca Mondiale. Grande assente nelle economie avanzate è l’inflazione, che “resta una questione aperta”. Infine, sul fronte dell’ipotesi di ulteriore immissione di liquidità nei prossimi mesi in Europa, spiega: “Per la Banca centrale europea sarebbe molto difficile avviare un Quantitative Easing, dato che dovrebbe comprare – e poi vendere – bond di diversi Paesi, mantenendo però le stesse specifiche quote. Per questo, pensiamo che la Bce finirà per essere di nuovo molto creativa nel suo modo di operare, come lo è stata già nel passato per esempio con le Long Term Rifinancing Operations (LTRO). La Bce, del resto, è molto pragmatica”. Infine la tanto vituperata Unione bancaria, che non riesce a vedere la luce. Conclude Sheard: “L’Unione bancaria è uno degli ingredienti di una futura Unione europea federale ma ci vorrà del tempo. Al momento, il maggior rischio per l’Ue è legato al prossimo referendum sull’indipendenza della Scozia”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investire in volatilità tramite fondi Ucits

Julius Baer Funds, tre fattori che fanno correre i mercati azionari

Swiss & Global AM Italia, l’a.d. La Scala lascia il gruppo

Ti può anche interessare

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

La società di gestione guidata da Marco Carreri ha registrato flussi netti positivi per 280 milioni ...

Potstada (Deutsche Am) tra gli Asset management Rising stars

Il premio viene assegnato da Financial News ai 25 più talentuosi e importanti esperti dell'industri ...

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Si chiama ReFees ed è una startup che permette di valutare un eventuale risparmio ottenibile dall ...