Ipo Anima, l’a.d. Carreri a BLUERATING: un grande passo in avanti

A
A
A

L’a.d. ha presentato a Milano, insieme al presidente Claudio Bombonato e al direttore finanziario Alessandro Melzi d’Eril, gli obiettivi dell’offerta partita oggi. Dentro la notizia, anche la videointervista a Carreri.

Maria Paulucci di Maria Paulucci31 marzo 2014 | 13:00

PRESENTAZIONE A MILANO – A pochi giorni dall’annuncio sull’ok incrociato di Consob e Banca d’Italia che ha dato il via libera all’offerta globale di vendita finalizzata all’ammissione alle negoziazioni delle azioni sul Mercato telematico azionario (Mta) e proprio nel giorno in cui l’offerta parte (si chiuderà il 10 aprile), Anima incontra a Milano giornalisti e analisti per presentare l’operazione e i suoi obiettivi. Lo fa mettendo in prima fila il presidente Claudio Bombonato, l’amministratore delegato Marco Carreri e il direttore finanziario Alessandro Melzi d’Eril (nella foto, durante la conferenza stampa). La società protagonista dello sbarco in Borsa – come ha ricordato Carreri, in procinto di partire per Londra, dove proseguirà il roadshow – è Anima Holding, che controlla il 100% della sgr Anima, che a fine febbraio contava 48,6 miliardi di euro in gestione. L’intera struttura è il risultato di una serie di integrazioni che hanno subito un’accelerazione nel 2011 con la fusione di Prima sgr e della vecchia Anima sgr, delistata da Piazza Affari per opera della Popolare di Milano con un’opa all’inizio del 2009.

LA CRESCITA INTENDE PROSEGUIRE – Ed è proprio nel solco di una crescita fatta anche – ma non solo – di integrazioni che Anima adesso vuole continuare il suo cammino. Nella strategia al 2016, secondo le parole dell’a.d., rientrano: il consolidamento del ruolo di Anima come fornitore di soluzioni di investimento per i segmenti affluent e famiglia e di “risolutore di problemi” per le banche; il rafforzamento della quota di mercato; l’ulteriore sviluppo di soluzioni per investitori istituzionali, con un focus sugli operatori assicurativi; il mantenimento dell’efficienza dei costi; ultimo, ma non meno importante, un approccio disciplinato nell’individuare in modo attivo opportunità di fusioni e di acquisizioni, con un focus sugli asset manager che hanno accesso alla distribuzione. Riguardo a quest’ultimo punto, Carreri non ha fatto nomi, limitandosi a dire che “guardiamo a qualcosa di simile al Creval (nel 2012 Anima ha rilevato dal Credito Valtellinese Aperta sgr e la Lussemburgo Gestioni, n.d.r.), a operatori con un dna simile al nostro”.

COSA CAMBIA CON LA QUOTAZIONE – Cosa cambierà con la quotazione? Gli attuali azionisti di Anima Holding sono Lauro 42 (interamente controllata dal fondo Clessidra Capital Partners II) con il 37%, Banca Popolare di Milano con il 35,5%, Banca Monte dei Paschi con il 22,7%, Credito Valtellinese con il 2,8% e, per il restante 2,2%, Banca Etruria, Finnat e i manager. Oggetto dell’offerta globale di vendita sono un massimo di 164.892.260 azioni ordinarie di Anima Holding, corrispondenti al 55% del capitale sociale. L’offerta globale si compone di un’offerta pubblica di minimo 16.485.000 azioni (il 10%) rivolta al pubblico indistinto in Italia e comprensiva di una tranche riservata ai dipendenti e di un massimo di 148.407.260 azioni (il 90%) per gli istituzionali. Un’opzione greenshoe per l’acquisto, pari al 15% dell’offerta globale (l’8,25% del capitale), è concessa da Lauro 42, Mps e Bpm ai coordinatori dell’offerta stessa. In caso di integrale collocamento delle azioni oggetto dell’offerta e integrale esercizio dell’opzione greenshoe, dopo la quotazione Mps e Bpm resteranno azioniste con, rispettivamente, il 9,90% e il 14,72% del capitale, mentre Lauro 42 rimarrà con l’8,1%.

Nel video, l’a.d. Carreri spiega cosa cambierà con la quotazione.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Anima, i Pir trainano la raccolta a novembre

Anima-GfK: italiani sempre più ottimisti e disposti a investire

Anima, raccolta e utile positivi nei primi tre trimestri

Anima, a ottobre raccolta col segno meno

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Anima, i Pir trainano la raccolta ad agosto

Anima conquista Aletti Gestielle

Anima, offerta in vista per Aletti Gestielle

Anima, nel primo semestre corre la raccolta

Anima-Aletti Gestielle, prove tecniche di terzo polo

Anima, Colombi entra nel board

Anima, più raccolta con il retail

Fondi, nasce un gigante italiano

Pir a tutto tondo, Widiba e Anima ne parlano a Milano

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

I Pir spingono la raccolta di Anima

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

Anima, Melzi d’Eril nominato direttore generale

Anche Mps punta sui Pir, con un fondo di Anima

Anima in testa nella Pir selection di Banca Imi

SdR 17, Gatti (Anima): “Il valore del brand nel risparmio gestito”

Anima, raccolta di marzo a 267 milioni

Anima, analisti positivi dopo il riassetto

Anima ridisegna l’assetto organizzativo

Anima, la raccolta cresce ancora nel 2016

Anima prende Di Naro da Esperia

Anima, risultati a due facce

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Aletti Gestielle, salgono le chance di una vendita ad Anima

Anima, nozze in vista con Aletti?

Pir, le strategie delle banche e delle reti

Anima, frena la raccolta ma crescono le masse

Ti può anche interessare

Robeco: lo standby della Trump export tax spinge gli emergenti

Rispetto ad altre asset class come il credito investment grade o i titoli high yield USA, il debito ...

Hermes Im: cinque motivi di ottimismo per le small e mid cap Usa

Mark Sherlock, lead portfolio manager del fondo Hermes US SMID Equity Fund, ritiene vi siano ancora ...

Pir, volano per l’Aim Italia

Sulla base della metodologia utilizzata da IR Top la stima dell’impatto generato dai Pir sul merca ...