Natixis Am: la Bce non cambia diagnosi sull’area euro

A
A
A

La ripresa è sempre più forte e i rischi sono ben bilanciati. Ma il tasso di inflazione è ancora al di sotto del target della Bce, inferiore ma vicino al 2%.

Chiara Merico di Chiara Merico21 luglio 2017 | 09:26

POLITICA ACCOMODANTE – La Bce mantiene il suo commitment verso l’estensione di un periodo molto accomodante in termini di politica monetaria, spiega Philippe Waechter, chief economist di Natixis Asset Management. Non c’è alcun cambiamento strategico in riferimento alla diagnosi economica della Bce  sull’area euro. La ripresa è sempre più forte e i rischi sono ben bilanciati. Ma il tasso di inflazione è ancora al di sotto del target della Bce, inferiore ma vicino al 2%. Su questo punto la Bce  sostiene che il basso prezzo del petrolio giustifica, anche se non è ancora sufficiente, un tasso di inflazione core ancora vicino all’1%. Draghi ha affermato che l’inflazione dovrebbe mantenersi vicina all’attuale livello (1,3%) nei prossimi mesi. Inoltre, nessuna convergenza verso il target è atteso dalla Bce nell’immediato futuro. In altre parole, la ripresa è forte dal lato dell’economia reale, ma limitata dal punto di vista nominale. Fino a quando il tasso di inflazione rimarrà basso, la politica monetaria resterà accomodante; la Bce continuerà ad acquistare importanti asset fino a quando le aspettative di inflazione non convergeranno verso il tasso obiettivo. Potrebbe cambiare idea solo nel caso in cui l’inflazione dovrebbe crescere nei prossimi messi, ma questo al momento non rientra nell’ambito del profilo delle percezioni della Bce.

 

NIENTE CAMBIAMENTI DI TONO – Non avverto nella dichiarazione della Bce un cambiamento nel tono o nelle modalità con le quali la politica monetaria verrà modificata in futuro, sottolinea Waechter. Coloro che pensano che avrebbe potuto esserci un messaggio differente rispetto a quanto affermato nel seminario della Banca Centrale Europea di Sintra si sono sbagliati. Il programma di acquisto degli asset verrà discusso nel corso del meeting in autunno (probabilmente a settembre) in quanto si prevede che il programma attuale debba chiudersi a dicembre se le prospettive di lungo termine dell’inflazione dovessero convergere al 2% o se il tasso di inflazione si avvicinasse al target. L’importo attuale di 60 miliardi di euro al mese verrà probabilmente abbassato nel 2018 in quanto la ripresa è vigorosa, ma non avremo una data ultima fino a quando il tasso di inflazione al 2% non si registri in tempi rapidi. Ci aspettiamo 60 o 40 miliardi al mese dopo dicembre 2017. La Bce non ha necessità di velocizzare il cambiamento della sua politica monetaria in quanto il suo impatto è asimmetrico. Un cambiamento troppo repentino si dimostrerebbe un rischio negativo per la ripresa e non è quello che la Bce vuole per l’economia dell’area euro. La Bce può aspettare prima di cambiare idea, fino a quando non si aspetti un tasso di inflazione più elevato. L’obiettivo della Bce deve essere la creazione di un momentum di crescita più vigoroso e autonomo supportato da una domanda privata interna. Per questo motivo, una politica monetaria accomodante per un periodo più esteso continua a essere la giusta via.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Lafferty (Natixis Global Am): “Cosa pensano i cf delle elezioni americane”

Natixis, il roadshow fa tappa a Catania il 20 ottobre

Banca Generali apre le porte a Natixis Global Am

Natixis GAM rafforza il team con Avonto e Grzunov

Citywire, i gestori di BlueBay spadroneggiano nei fondi obbligazionari in euro

Portafogli italiani terzi per rendimenti nel 2015

Bottillo (Natixis) a Consulentia 2016: “cambio di denominazione a consulente? Va nella direzione giusta”

Emozioni e investimenti: I tre errori da evitare secondo Natixis

Natixis Global AM: cinque errori da evitare quando si investe

Classifiche Bluerating, Natixis e Pictet tra i migliori per gli investimenti sostenibili

Natixis Global AM, tutto pronto per il roadshow autunnale

Bottillo (Natixis Global AM): aprirsi alle strategie alternative

Natixis Global AM: tre idee per bilanciare rischio e rendimento

I fondi di Natixis Global AM arrivano sulla piattaforma di CheBanca!

Gli esperti di Natixis Global AM: Europa risale, occhio alla Fed

Natixis Gam e Dnca, l’acquisizione è conclusa

Natixis Global AM lancia Emerise

Mifid II, domina l’incertezza tra consulenti e promotori

Natixis Global AM, una nuova head of equity per Mirova

Natixis Global AM: 3 strategie da seguire con la Fed che aumenta i tassi

Fondi, Natixis Global AM apre in Uruguay

Natixis Global AM: consulenti cruciali per l’85% degli investitori italiani

Bottillo (Natixis GAM): “vogliamo portare Dnca nel nostro modello di business”

Natixis Global AM, al via in Italia quattro nuovi fondi H2O AM

Fondi, Natixis Global AM si compra il 71% di Dnca

Natixis Global AM, nuova nomina in Loomis Sayles

Bottillo (Natixis Global AM): presto due eventi a Milano e Roma

Natixis Global AM: se ci si vuole proteggere, meglio le asset class alternative

Fondi, Natixis Global AM apre in Messico

Fondi quotati, Bottillo (Natixis Global AM): un punto di svolta

Natixis Global AM: più si invecchia peggio sarà per i mercati

Natixis Global AM: i pf non riescono a dominare l’emotività dei clienti

Classifiche fondi BLUERATING, tra i bond Usa vincono Nordea e Natixis

Ti può anche interessare

Classifiche Bluerating: Amundi in testa tra gli Azionari Area Euro – Mid & Small Cap

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Area Euro - Mid & Smal ...

Classifiche Bluerating: Bnp Paribas Ip in testa tra i fondi azionari settoriali- telecomunicazioni

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria azionari settoriali - telecomunicaz ...

Harte (Bnp Paribas Am): invariata la posizione lunga sull’Ibex rispetto al Mib

La strategia settimanale del responsabile della ricerca, allocazione degli investimenti attiva - Mu ...