Swiss & Global, gli etf azionari a gestione attiva arrivano sul mercato Italiano

A
A
A

La nuova gamma di prodotti comprende quattro fondi autorizzati al collocamento in Italia da fine aprile 2014.

di Redazione12 maggio 2014 | 10:30

NUOVI FONDI DISPONIBILI AGLI INVESTITORI ISTITUZIONALI ITALIANI – Swiss & Global porta in Italia i JB Smart Equity ETF, offerti ai soli investitori istituzionali. La nuova gamma di prodotti, spiega la società, comprende quattro fondi autorizzati al collocamento in Italia da fine aprile 2014. Ammessi al listino della Borsa tedesca nel segmento Active etf nel 2012 come primi fondi azionari a pura gestione attiva, dal 14 aprile i JB Smart Equity etf sono accessibili anche in Italia per gli investitori istituzionali. Permettono di investire sul mercato azionario globale, europeo, asiatico (escluso il Giappone) e sui Paesi emergenti. Si tratta di prodotti a replica fisica, che investono cioè esclusivamente in titoli fisici rinunciando all’uso di derivati, tra cui swap, future e opzioni. Il prestito di azioni (securities lending) inoltre non è consentito, pertanto gli investitori non sono esposti al rischio emittente o di controparte.

I DTETAGLI – I JB Smart Equity UCITS ETF investono al massimo in 200 azioni e combinano i vantaggi della gestione attiva con quelli degli etf quotati in Borsa, tra cui la trasparenza, l’efficienza dei costi e la liquidità. Seguono un approccio sistematico e investono in azioni selezionate all’interno del rispettivo indice di riferimento MSCI, sottoponendo ogni posizione ad una verifica qualitativa.  L’obiettivo dei fondi consiste nel sovraperformare il rispettivo benchmark, combinando in un unico prodotto due modelli sistematici sviluppati al proprio interno:

•    La strategia trend: si concentra su opportunità d’investimento risultanti da tipici comportamenti degli investitori. Basandosi su indicatori tecnici, la strategia identifica tendenze e inversioni di tendenza, con l’obiettivo di sfruttare anomalie di prezzo nel breve-medio termine. Tutte le azioni in questo portafoglio hanno la stessa ponderazione;
•    La strategia value: è imperniata sulla valutazione delle azioni. Identifica e sfrutta le anomalie di prezzo sulla base di criteri di valutazione in un’ottica di medio-lungo periodo. Le azioni in questo portafoglio sono ponderate in base alla capitalizzazione di mercato. Quanto maggiore è il rendimento ponderato per il rischio (misurato sull’information ratio ex-post), tanto più elevata è la quota della rispettiva strategia nel portafoglio complessivo.

Di seguito tutti i dettagli:

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investire in volatilità tramite fondi Ucits

Julius Baer Funds, tre fattori che fanno correre i mercati azionari

Swiss & Global AM Italia, l’a.d. La Scala lascia il gruppo

Ti può anche interessare

Daly (Aberdeen Standard): “Tutte le opportunità sui mercati di frontiera”

Nigeria, Egitto, Sri Lanka, Mongolia e Ghana: ecco i paesi più interessanti secondo il senior inves ...

Gurzal (La Française Am): “Perché puntare sui bond subordinati”

Il gestore del fondo La Française Sub Debt Fund spiega le sue strategie di investimento e le opport ...

Classifiche Bluerating: Nordea in testa tra i fondi azionari globali settore immobiliare

Secondo le analisi di Bluerating basate su 89 fondi della categoria azionari globali settore immobil ...