T.Rowe Price, gli Aum superano i 900 miliardi di dollari

A
A
A

Il patrimonio in gestione è pari a 903,6 miliardi di dollari (al 30 giugno 2017), registrando una crescita di 42 miliardi di dollari rispetto al 31 marzo 2017.

Chiara Merico di Chiara Merico26 luglio 2017 | 08:30

AUM IN CRESCITA – T.Rowe Price, una delle principali società di asset management al mondo, ha archiviato il secondo trimestre del 2017 con un patrimonio in gestione pari a 903,6 miliardi di dollari (al 30 giugno 2017), registrando una crescita di 42 miliardi di dollari  rispetto al 31 marzo 2017. Nel secondo trimestre dell’anno, la società ha riportato ricavi netti pari a $1,2 miliardi e un utile netto pari a 373,9 milioni di dollari, con un utile per azione diluito pari a 1,50 dollari. Quanto alle performance di investimento, per i 3 anni terminati al 30 giugno 2017, l’81% dei fondi di T. Rowe Price ha sovraperformato le medie comparabili di Lipper in termini di ritorno assoluto; percentuale che sale all’85% a 10 anni. Quotata dal 1986 sul listino NASDAQ di New York e parte dell’indice S&P 500, T. Rowe Price denota anche una forte stabilità finanziaria, confermata da un bilancio che mostra $2,2 miliardi in cash e investimenti e nessun debito di lungo termine.

SOLIDI RITORNI – William J. Stromberg, presidente e ceo del gruppo, ha commentato: “Il nostro patrimonio in gestione è cresciuto del 5% nel secondo trimestre del 2017, grazie ai forti ritorni di mercato, alla buona generazione di alpha e ai solidi afflussi netti. In generale, i crescenti livelli di attività dei clienti e l’esecuzione della nostra strategia ci incoraggiano. La nostra performance relativa di investimento resta robusta, l’interesse degli investitori continua a crescere a livello globale, e stiamo facendo buoni progressi nei nostri investimenti in prodotti, distribuzione e tecnologia. Con i progressi che stiamo facendo sulle nostre priorità strategiche e con il lavoro eccellente dei nostri colleghi, siamo fiduciosi di poter restare sulla strada giusta per migliorare la nostra competitività e accrescere e diversificare il nostro business. Nel nostro ottantesimo anno di attività, continuiamo a impegnarci a rispettare il nostro principio guida: fare sempre ciò che è giusto per i nostri clienti. Nel tempo, crediamo che questo approccio ci permetterà di restare un asset manager di primo piano e di creare valore di lungo termine allettante per i nostri azionisti”, ha concluso Stromberg.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

T.Rowe Price si rafforza con Drew

Doppia nomina per T.Rowe Price

T.Rowe Price: il Pakistan diventa mercato emergente

T.Rowe Price, Aum in crescita nel primo trimestre

T. Rowe Price inaugura il Technology Development Center a New York

Alto Rendimento, premiati Azimut, Arca, T.Rowe Price ed Ersel

T.Rowe Price, al via la partnership con Allfunds Bank

T.Rowe Price: l’inflazione Usa e GB prende il largo, l’Eurozona resta indietro

T.Rowe Price chiude il 2016 in crescita

T.Rowe Price: azionario Europa, una strada per attraversare l’incertezza

T.Rowe Price prende Astley da State Street

T. Rowe Price, Aum in crescita a 812,9 miliardi di dollari

T.Rowe Price: bond high yield, nuove opportunità e nuove sfide

T.Rowe Price: azionario Giappone, barra dritta per cogliere le opportunità

T.Rowe Price: high yield europeo, il mercato torna alla ribalta

T.Rowe Price, cresce di 12 miliardi il patrimonio in gestione

T.Rowe Price, su Asia ex-Japan vicini alla svolta

T.Rowe Price: bond, nel secondo semestre premia l’approccio selettivo

T.Rowe Price, opportunità in aumento sugli Emergenti

T.Rowe Price: Usa, oltre alle elezioni c’è di più

T.Rowe Price, ecco le quattro sfide per l’economia globale

T. Rowe Price: cosa cambia per i bond europei con gli interventi di Draghi

T. Rowe Price, Savatteri sceglie Mazzuccato

T.Rowe Price e la crescita irresistibile delle masse

Obbligazionario, restare flessibili per cogliere le opportunità

T.Rowe Price, dati incoraggianti sull’Europa

Mercati emergenti, nessuna bolla per l’obbligazionario corporate

Ti può anche interessare

Columbia Threadneedle: sottopeso sull’azionario Usa

Per gli strategist della casa di investimenti, ci sono buone ragioni per vedere un arretramento dei ...

Anche i fondi pensione vogliono i Pir

L'associazione di categoria Assoprevidenza propone di consentire ai fondi pensione l'accesso ai pian ...

Martinelli (Artemis): “E’ il momento della gestione attiva”

Negli Stati Uniti, secondo James Martinelli, ci si attende che continui la ripresa ciclica iniziata ...