Fondi, il gestore di Threadneedle che mette sotto la lente gli emergenti

A
A
A

Per il suo terzo anniversario in qualità di gestore del Threadneedle Global Emerging Markets Equity Fund, Irina Miklavchich illustra i settori e i titoli che privilegia.

di Redazione30 giugno 2014 | 12:32

L’IMPATTO POSITIVO DELLA RIPRESA NEI PAESI SVILUPPATI – L’asset class dei mercati emergenti comprende un’ampia gamma di economie con dinamiche politiche diverse. in una sua recente relazione, e per il suo terzo anniversario in qualità di gestore di Threadneedle Global Emerging Markets Equity Fund, Irina Miklavchich (nella foto) illustra i fattori politici ed economici sui quali pone l’accento e i settori e i titoli che attualmente privilegia. “Uno dei temi che perseguiamo all’interno del portafoglio è l’impatto positivo della ripresa dei Paesi sviluppati sui mercati emergenti. L’aumento della domanda di beni industriali da parte dei consumatori dei Paesi sviluppati sostiene le esportazioni di prodotti tecnologici, automobilistici e di altri settori dai mercati emergenti. Il Messico, che rappresenta una nostra sovraponderazione a lungo termine, beneficia chiaramente di questa tendenza, dal momento che gli Stati Uniti sono di gran lunga il suo principale mercato di esportazione”.

SOVRAPPESARE IL MESSICO – “Sovrappesiamo diversi settori in Messico, incluso quello finanziario, poiché riteniamo che l’attività economica più vigorosa sosterrà un cospicuo aumento dei prestiti bancari. Siamo inoltre esposti a società industriali come Grupo Alfa, la cui controllata Nemak fornisce componenti ai produttori statunitensi ed europei di automezzi e beneficia del rinnovato interesse dei Paesi sviluppati per le automobili: negli Stati Uniti, per esempio, le vendite sono aumentate dell’8% ad aprile su base annua e questa crescita vigorosa sembra destinata a proseguire. Inoltre, nel Paese abbiamo un’esposizione ai titoli collegati alle infrastrutture, tra i quali citiamo Ohl Mexico, un operatore delle autostrade a pedaggio. La società dovrebbe beneficiare di una crescita del Pil più sostenuta, di una ripresa dei nuovi appalti e dell’aumento della spesa per infrastrutture”.

SCELTE “TECNOLOGICHE”
– “L’aumento della penetrazione dei dispositivi intelligenti è alla base del nostro sovrappeso sulla tecnologia. Nei mercati emergenti ci sono tuttavia aree che destano preoccupazione”. La Cina, secondo Miklavchich, “è alle prese con i problemi del settore immobiliare e con quelli derivanti dalla rapida espansione del credito che si è verificata nel Paese e i cui effetti hanno appena iniziato a manifestarsi. Gli investimenti immobiliari e nelle infrastrutture sono stati la locomotiva dell’economia dal 2005 in poi, dopo aver superato le esportazioni, che avevano trainato la rinascita economica della Cina dagli anni Ottanta. Tuttavia, il ritmo e il volume delle costruzioni hanno attualmente raggiunto livelli insostenibili e il potenziale rallentamento frenerà la crescita del Paese in misura significativa. Quando inizierà sul serio, il riassestamento economico in Cina sarà doloroso sia per la congiuntura nazionale che per i Paesi e i settori dell’universo emergente che hanno beneficiato della crescita vigorosa del settore edilizio cinese”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, ecco i migliori di Piazza Affari

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Raccolta, le polizze battono i fondi

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Degroof Petercam: 5 buoni motivi per puntare sui bond corporate high yield in euro

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

La Brexit fa paura: disinvestimenti netti per 3,5 miliardi di sterline dai fondi inglesi in giugno

Fondi: non si arresta la fuga dagli azionari, ecco dove stanno andando i flussi globali

Azimut Trend Italia recupera parte del terreno perso da inizio anno

Plurima Junior Resources Fund termina giugno in grande rimonta

Assoreti, raccolta stabile a maggio

Fonditalia Euro Financials paga cara la Brexit

Gestielle Obiettivo Europa approfitta della volatilità per rimbalzare

Fondi aperti, 13 miliardi raccolti in un trimestre

Fonditalia Euro Bond Long Term R, il rialzo prosegue

Generali sul tetto d’Europa

Aberdeen Global Select Emerging Mkt Bond A1 in ripresa da inizio anno

Materiali industriali in ripresa, Amundi ringrazia

Zenit Pianeta Italia I riduce il rosso da inizio anno

Interfund Equity Japan A prova a ripartire

Eurizon Azioni Salute prova a ripartire

Anima Bluebay Reddito Emergenti cavalca il rimbalzo

Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III recupera terreno

Oddo European Banks ringrazia la Bce e spicca il volo

Alkimis Capital Ucits Coupon dimezza il calo da inizio anno

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Promotori, training class: mettetevi alla prova con il benchmark dei fondi comuni d’investimento

Fonditalia Equity China R risale la china

Ti può anche interessare

Anima prende Di Naro da Esperia

Il money manager era amministratore delegato di Banca Esperia e chief investment officer di Duemme ...

T.Rowe Price: bond high yield, nuove opportunità e nuove sfide

Dopo cinque anni di attività, il fondo European High Yield Bond ha raggiunto 5 stelle Morningstar e ...

LFdE: crescita mondiale, prime tensioni rialziste sui prezzi

L'analisi di Olivier De Berranger, cio di La Financière de l’Echiquier, nel report “Il punto de ...