Ing IM, puntiamo con decisione sul real estate nella zona euro

A
A
A

Gli esperti del gruppo hanno deciso di ridurre il sovrappeso sull’equity immobiliare globale. A livello regionale invece…

di Redazione7 luglio 2014 | 09:43

ING IM – L’azionario sul real estate è un settore molto gettonato dagli investitori alla ricerca di rendimento, per questo sta sovraperformando le altre asset class, osservano gli esperti di Ing IM nell’ultimo “Market express” diffuso dal gruppo. “Gli ultimi sviluppi sul fronte monetario tuttavia, ci hanno spinti a ridurre il nostro sovrappeso sul comparto immobiliare globale. A livello regionale invece, abbiamo aumentato la nostra esposizione all’Eurozona e ridotto quella al Regno Unito”.

REGNO UNITO – La corsa registrata di recente dal settore, spiegano ancora  da Ing IM, potrebbe però diventare meno regolare in scia alla speculazione su quando e quale banca centrale deciderà di passare a una politica monetaria più restrittiva impattando il rendimento dei bond. Il deciso incrememto degli yield dei bond a dieci anni registrato a maggio e giugno 2013, soprattutto negli Stati Uniti e nel Regno Unito, scatenato dal discorso di Ben Bernanke sul “tapering”, è ancora fresco nella mente degli investitori: quell’aumento aveva provocato una forte correzione nell’equity immobiliare. Secondo gli esperti di Ing, la prima banca centrale a muoversi dovrebbe essere quella britannica, come ha confermato il governatore della BoE, Carney, nel suo discorso dello scorso 12 giugno, causando un’immediata correzione del mercato immobiliare domestico.

ZONA EURO – Proprio alla luce di questo la posizione di sovrappeso sul Regno Unito è stata ridotta a “neutrale”, mentre è stato aumentato il sovrappeso sul mercato della zona euro, dove le valutazioni sono ritenute più interessanti.

UNA VALUTAZIONE GLOBALE – Infine, Ing Im ha ridotto la posizione sul real estate globale, ritenendo che la parte più semplice del viaggio sia ormai alle spalle e che si prospettino nuove difficoltà.  Globalmente, concludono gli esperti, “rimandiamo positivi sull’equity immobiliare, perché i fondamentali sui mercati sviluppati stanno migliorando e la ricerca di rendimento dovrebbe rimanere elevata acora per qualche tempo. Questo discorso vale soprattutto per la zona euro, mentre in altre parti del mondo, in particolare nel Regno Unito, il meglio potrebbe già essere alle nostre spalle”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il consulente digitale secondo Ing

NN IP: emergenti, nel 2018 ancora buone prospettive di crescita, ma c’è l’incognita Fed

NN Ip: azionario, nel 2018 puntare sui settori ciclici

NN IP: economia globale in crescita, ma persistono venti contrari

NN IP: vento in poppa per gli emergenti

NN IP: Bce, annuncio tapering a settembre

I tre nomi delle startup fintech italiane su cui investire

Cresce il mobile banking in Europa

L’Europa riparte grazie alle trimestrali, Atene cade ancora

Fondi, Ing IM diventa NN Investment Partners

Fondi, Ing IM cresce nel retail in Italia con Credem e Barclays

Borse in attesa dell’accordo sulla Grecia

ING torna a mettersi in luce grazie alla trimestrale

Ing si mette in luce su mercati prudenti

Bakkum (Ing IM), gli azionari emergenti torneranno a correre nel 2015

Ing IM Top funds gennaio 2015

Ing IM nomina un ex AllianceBernstein come ceo per il Giappone

Fondi, due new entry nel team bond convertibili di Ing IM

Ing IM Top funds dicembre 2014

Classifiche BLUERATING, tra i bond Asia Pacifico bene Acpi, Credit Suisse e Ing

Banche, Ing taglia 1.700 posti di lavoro

Ing IM Top funds novembre 2014

De Ruijter (Ing): se ben usati, i bond hanno il loro perché

Ing allunga il passo, frenano Mediolanum e Azimut

Nordea sale, per Ing giornata da dimenticare

Ing IM Top funds settembre 2014

Ing IM Top funds ottobre 2014

Classifiche BLUERATING, Ing è tra più forti nei bond area euro corporate e governativi

Ing IM Top funds agosto 2014

Merzagora (Ing IM): sovrappeso su azioni e governativi periferici

Classifiche BLUERATING, AcomeA e Ing spopolano tra gli azionari Europa

Ing IM Top funds giugno 2014

Listini europei prudenti dopo rialzo iniziale

Ti può anche interessare

Prospetti informativi, i fondi sotto accusa

Secondo un articolo l’inserto FTfm del Financial Times, quasi un terzo dei prodotti del risparmio ...

Pir, boom anche nel 2018

Il settimanale Milano Finanza dedica un ampio servizio ai piani individuali di risparmio, citando le ...

Hermes lancia la strategia Impact Opportunities

Si tratta di un portafoglio azionario globale concentrato su 25-50 titoli, detenuti per un periodo d ...