A Natixis Global AM la maggioranza di IML

A
A
A

Con questa operazione, Natixis Global Asset Management consolida anche la propria piattaforma di distribuzione in Australia.

Maria Paulucci di Maria Paulucci4 ottobre 2017 | 13:12

Natixis ha annunciato oggi la firma dell’accordo definitivo per acquisire una quota di maggioranza (51,9%) in Investors Mutual Limited in Australia, che diventa così una nuova società di gestione di Natixis Global Asset Management. Attraverso IML, una società di gestione consolidata con un patrimonio di 9,1 miliardi di dollari australiani (pari a 6,1 miliardi di euro), Natixis Global Asset Management conclude la prima acquisizione di rilievo in Australia, sviluppando la propria presenza nel mercato retail locale e nel settore previdenziale. Con questa operazione, Natixis Global Asset Management consolida anche la propria piattaforma di distribuzione in Australia, dopo l’apertura dell’ufficio di Sidney nel 2015. Si tratta di un passo importante, in linea con l’obiettivo di espansione in Australia e nell’area Asia-Pacifico di Natixis Global Asset Management.

Secondo quanto previsto dall’accordo, Natixis Global Asset Management acquisirà tutte le azioni di IML detenute da NatixisPacific Current Group Limited, così come la quota detenuta dal fondatore di IML Anton Tagliaferro, fino a un massimo di 155 milioni di dollari australiani (103 milioni di euro) in contanti. In questo modo Natixis Global Asset Management avrà una quota in IML pari al 51,9%. Il closing dell’operazione è previsto a ottobre 2017. L’acquisizione sarà finanziata con fondi propri di Natixis. L’impatto sul CET1 di Natixis è stimato intorno ai -15 bp (sul quarto trimestre 2017). IML è una società di gestione australiana creata nel 1998, consolidata e con track record di successo, con un focus sulla gestione azionaria value. La società ha uno stile di investimento di lungo periodo, conservativo e basato su qualità e valore.

All’interno della strategia multi-gestore che caratterizza Natixis Global Asset Management, IML continuerà a mantenere la propria autonomia, la propria filosofia di investimento e la propria cultura, ma allo stesso tempo potrà beneficiare del supporto e della stabilità di un gruppo globale specializzato nel risparmio gestito e con un ottimo track record di ownership e sviluppo di società di gestione in tutto il mondo. Non sono previsti cambiamenti nel modo in cui IML è gestita quotidianamente né nel suo management. “In passato abbiamo dichiarato la nostra intenzione di perseguire progetti di crescita sul mercato Asia-Pacifico e questa prima acquisizione rientra in questi piani. IML ha un solido track record come uno tra gli asset manager australiani con performance tra le più consistenti e il suo impegno nei confronti degli investitori e la reputazione sul mercato daranno un contributo significativo al modello multi-gestore di Natixis Global Asset Management“, ha affermato Jean Raby, membro del senior management committee di Natixis e ceo di Natixis Global Asset Management.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Bnp Paribas Am: la continuità prevale sulle turbolenze, azioni in rialzo in ottobre

Gli osservatori di mercato hanno interpretato in senso espansivo la decisione del presidente della B ...

Tensioni geopolitiche primo fattore di rischio percepito

L’indagine RiskMonitor di Allianz GI rivela che oggi le questioni geopolitiche sono la principale ...

Ambrosetti AM: occhi puntati sulla Bce, l’Italia guida l’azionario

L'analisi sui mercati in questa ultima parte dell'anno a cura di Alessandro Allegri, amministratore ...