De Ruijter (Ing): se ben usati, i bond hanno il loro perché

A
A
A

In un contesto di bassi rendimenti, seppure in graduale aumento, meglio un portafoglio diversificato in obbligazioni a spread e titoli di Stato periferici, consiglia il gestore di Ing (L) Renta Fund Global Bond Opportunities.

di Redazione11 novembre 2014 | 11:22

SYLVAIN DE RUIJTER – “Alla fine degli anni Novanta, era opinione comune che il rendimento dei governativi giapponesi a 10 anni, intorno all’1,75%, fosse eccessivamente basso, tanto che i gestori dell’epoca erano soliti mantenere posizioni short o neutrali rispetto a questi titoli. Dal 2000, il rendimento medio a 10 anni in Giappone è sceso fino all’1,25%. L’attuale situazione dei titoli di Stato europei e americani è molto simile”. A dirlo è Sylvain De Ruijter (nella foto), gestore di Ing (L) Renta Fund Global Bond Opportunities.

Cosa glielo fa pensare?
L’andamento dei salari e dei prezzi, unitamente alla fragilità della ripresa economica, ci lasciano prevedere una politica monetaria ancora accomodante per il prossimo futuro. Ciò implica che la “ricerca di rendimento” non è terminata. In conclusione, l’investimento in obbligazioni potrebbe sorprendere ancora, regalando rendimenti migliori delle attese.

Qualcosa è cambiato, dopo l’annuncio del tapering da parte della Fed.
Dopo diversi anni di quantitative easing, i mercati obbligazionari sono molto sensibili a qualsiasi notizia che possa indicarne la fine. Questo spiega gran parte del sell off di titoli di Stato avvenuto tra maggio e agosto 2013. Discorso a parte meritano le obbligazioni dei mercati emergenti. In parte a causa dei forti disavanzi dei bilanci di alcuni paesi sviluppati, il debito emergente è stato visto spesso come investimento “sicuro”. Ciò ha contribuito a generare forti afflussi sul debito emergente locale. Dopo l’annuncio di tapering, i mercati hanno iniziato a temere difficoltà finanziarie e il debito emergente ne ha sofferto.

Dove vede opportunità di rendimento interessanti?
I rendimenti dei Paesi con elevato merito creditizio sono estremamente bassi. Sebbene non ci si attenda un loro sostanziale rialzo, questi titoli appaiono poco interessanti dato il limitato potenziale di discesa dei tassi. La situazione è diversa per i periferici europei, dove vediamo spazio per una diminuzione degli spread. Al di fuori dei titoli di Stato, vediamo valore nei titoli corporate e dei paesi emergenti. Le aspettative di bassa inflazione porteranno le banche centrali ad agire per stimolare l’economia. Shock inattesi, come eventi geopolitici o rapidi inasprimenti della politica monetaria della Fed, a nostro avviso, rappresentano i principali rischi dell’asset class.

Qual è l’approccio del suo comparto, dunque?
Il comparto Ing (L) Renta Fund Global Bond Opportunities – ex Ing (L) Renta Fund World – adotta una strategia flessibile, globale, total return che massimizza il rendimento del portafoglio sfruttando tatticamente valute, tassi d’interesse e merito creditizio a livello globale. Crediamo che le dinamiche del mercato del reddito fisso globale forniscano molteplici opportunità per conseguire interessanti rendimenti nel tempo attraverso un posizionamento attivo. L’adozione di una strategia Total Return consente di costruire un portafoglio liquido, globale e fortemente improntato alla ricerca di alpha. Obiettivo del comparto è generare un rendimento lordo annuo pari a 350 punti base sopra il benchmark (Barclays Global Aggregate) su un ciclo economico di tre anni con una volatilità attesa tra il 5 e il 10%. Attualmente, crediamo che la divergenza in termini di politica monetaria condurrà a differenziali di crescita e di inflazione tra Stati Uniti, Regno Unito ed eurolandia. Ci aspettiamo che le obbligazioni di Stati Uniti e Regno Unito generino performance inferiori rispetto a quelle dell’area euro e che la Fed e la Bank of England siano più prossime a mettere in atto un inasprimento della politica monetaria rispetto alla Banca centrale europea. Crediamo che il tema della ricerca di rendimento sia ancora attuale: restiamo quindi sovrappesati sui titoli investment grade e sul debito dei mercati emergenti in valuta forte (Emd Hc) e abbiamo rafforzato la nostra posizione in obbligazioni high yield.

Che tipo di asset class state favorendo?

Premetto che non credo che ci si trovi in un contesto di aumento dei tassi globali. La crescita è ancora molto moderata, in Europa l’occupazione è debole e le aspettative di inflazione continuano a diminuire. Potrebbe esserci qualche moderata correzione al rialzo rispetto ai livelli attuali (storicamente bassi), ma non sarebbe una ragione sufficiente per fare cambiamenti nella nostra allocazione. In un contesto di bassi rendimenti, seppure in graduale aumento, è da preferire un portafoglio diversificato in obbligazioni a spread e in titoli di Stato periferici.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ing, profitti in calo ma più alti del previsto

Ing taglia i posti e l’utile cresce del 16%

P2P: quell’app fallimentare di Ing

I tre nomi delle startup fintech italiane su cui investire

ING prepara il ritorno in grande stile sulla scena digitale

Ing Italia strappa Bragadin a Mps

Cresce il mobile banking in Europa

ING Groep si mette in evidenza sul Blueindex

L’Europa riparte grazie alle trimestrali, Atene cade ancora

Fondi, Ing IM diventa NN Investment Partners

Fondi, Ing IM cresce nel retail in Italia con Credem e Barclays

Borse in attesa dell’accordo sulla Grecia

ING torna a mettersi in luce grazie alla trimestrale

Ing si mette in luce su mercati prudenti

Bakkum (Ing IM), gli azionari emergenti torneranno a correre nel 2015

Ing IM Top funds gennaio 2015

Ing IM nomina un ex AllianceBernstein come ceo per il Giappone

Fondi, due new entry nel team bond convertibili di Ing IM

Ing IM Top funds dicembre 2014

Classifiche BLUERATING, tra i bond Asia Pacifico bene Acpi, Credit Suisse e Ing

Banche, Ing taglia 1.700 posti di lavoro

Ing IM Top funds novembre 2014

Ing allunga il passo, frenano Mediolanum e Azimut

Nordea sale, per Ing giornata da dimenticare

Ing IM Top funds settembre 2014

Ing IM Top funds ottobre 2014

Classifiche BLUERATING, Ing è tra più forti nei bond area euro corporate e governativi

Ing IM Top funds agosto 2014

Merzagora (Ing IM): sovrappeso su azioni e governativi periferici

Classifiche BLUERATING, AcomeA e Ing spopolano tra gli azionari Europa

Ing IM Top funds giugno 2014

Ing IM, puntiamo con decisione sul real estate nella zona euro

Listini europei prudenti dopo rialzo iniziale

Ti può anche interessare

Consultinvest: rischi sull’obbligazionario ad alto rating

A medio terminesi può essere più costruttivi sulle azioni rispetto alle obbligazioni, spiega una n ...

WisdomTree: petrolio, cosa significa per gli investitori la mossa dell’Opec

Alla notizia, i prezzi sono saliti: il greggio WTI Crude è passato dai 45 dollari Usa al barile di ...

Marco Passafiume Alfieri (UBI Pramerica SGR): “La finanza non va in vacanza”

UBI Pramerica SGR, società di gestione del risparmio nata 15 anni fa dalla joint venture tra il Gru ...