Africa e Medio Oriente fanno guadagnare Franklin Templeton

A
A
A

Franklin Templeton negli ultimi due anni è riuscito a segnare importati guadagni investendo in Africa e Medio Oriente, nonostante il permanere di un’elevata tensione geopolitica

Luca Spoldi di Luca Spoldi15 gennaio 2015 | 16:08

FRANKLIN GUADAGNA ANCHE IN MEDIO ORIENTE – L’Africa e il Medio Oriente restano sotto i riflettori per via delle continue tensioni geopolitiche che da anni sfociano in guerre e attentati, ma per alcuni gestori si stanno rivelando un terreno interessante in termini di ritorni sugli investimenti. E’ il caso di Franklin Mena A Dis $ Classe A, comparto di Franklin Templeton Investment Sicav che con un rialzo dello 0,7% segnato il 14 gennaio ha portato a +4,7% il guadagno da inizio anno e, cosa più importante, al 23,88% quello registrato negli ultimi 12 mesi.

UN BIENNIO DA INCORNICIARE – Merito di un anno, il 2014, che si è rivelato proficuo per il comparto (+23,34% il risultato), dopo che già il 2013 aveva visto un incremento del valore delle quote del 28,06%. Il trend positivo è partito dal 2012 (anno conclusosi con un rialzo del 6,46%), dopo la battuta d’arresto del 2011 (-12,47%). Al momento il comparto, il cui patrimonio ammontava a fine settembre a poco meno di 2,7 milioni di euro, è investito prevalentemente in titoli azionari a grande o media capitalizzazione del comparto finanziario e immobiliare, con circa un 10% di patrimonio mantenuto in liquidità.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Consultinvest: gli standard di presentazione della performance GIPS

Le origini risalgono al 1987 con un articolo sul Financial Analyst Journal che poneva le basi di q ...

Nordea, record di masse nel 2016

Nel quarto trimestre 2016 l'asset manager ha fatto segnare un calo dei ricavi operativi del 2% (in v ...

Huber (T. Rowe Price): “I riflettori dei mercati sui bond bancari”

Per il fixed income portfolio manager di T. Rowe Price ci sono buone prospettive per le obbligazioni ...