Marco Passafiume Alfieri (UBI Pramerica SGR): “La finanza non va in vacanza”

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre18 agosto 2017 | 09:15

UBI Pramerica SGR, società di gestione del risparmio nata 15 anni fa dalla joint venture tra il Gruppo UBI Banca e Pramerica Financial, propone due nuove soluzioni di investimento che puntano sulla gestione attiva e su un’ampia diversificazione del portafoglio. I due nuovi strumenti sono il fondo di fondi multimanager UBI Pramerica Euro Multifund, e il fondo multiasset UBI Pramerica Global Multiasset II. Entrambi gli strumenti sono annoverati nella categoria Assogestioni bilanciati obbligazionari e prevedono un flusso cedolare predefinito. “Gli ultimi nati nella gamma UBI Pramerica”, sottolinea Marco Passafiume Alfieri, Vice Direttore Generale e Responsabile Commerciale di UBI Pramerica SGR, “sono due prodotti bilanciati obbligazionari che puntano sulla gestione attiva e sull’ampia diversificazione del portafoglio.

Quali sono le caratteristiche principali dei nuovi prodotti?
Si tratta di “UBI Pramerica Euro Multifund”, un fondo di fondi che valorizza le competenze del nostro team multi-manager e ha come fonte principale di rendimento la selezione delle migliori case di gestione italiane ed estere, e “UBI Pramerica Global Multiasset II”, un fondo multi-asset che valorizza le nostre competenze di asset allocation e investe in modo diversificato su tutte le principali asset class a livello globale. Entrambi i prodotti, che abbiamo disegnato coniugando le esigenze dei nostri collocatori con il contesto di mercato, offrono un flusso cedolare periodico predefinito per i primi tre anni e poi variabile in caso di performance positiva dal lancio. Il flusso cedolare sta diventando un atout sempre più richiesto dagli investitori retail, che sono alla ricerca di fonti di rendimento alternative ai classici conti deposito e Titoli di Stato.

Quale approccio consigliate per affrontare al meglio il periodo estivo?
L’attuale contesto di mercato, caratterizzato da una crescita economica diffusa, ci fa intravedere buone prospettive sui mercati azionari e sui mercati obbligazionari corporate, dal momento che lo stato di salute delle aziende sta gradualmente migliorando. Tuttavia, a discapito di quanto l’investitore comune potrebbe pensare, il mondo della finanza globale non va mai vacanza e, nonostante i fondamentali positivi di cui sopra, l’estate può portare un aumento della volatilità sui mercati. In questi casi il miglior suggerimento è quello di non farsi prendere dall’emotività e restare coerenti con i propri “obiettivi di investimento” in termini di profilo di rischio ed orizzonte temporale. Su questi aspetti il supporto di un consulente di fiducia può essere determinante perché aiuta l’investitore a valutare con maggiore oggettività il contesto di mercato e la propria posizione finanziaria. Infine, con riferimento ai prodotti di risparmio gestito, la delega nelle specifiche scelte di investimento che caratterizza i fondi comuni è quanto mai importante d’estate perché assicura all’investitore un costante presidio e la capacità di adottare scelte tempestive nel caso fosse necessario.

Dopo il lancio di questi due fondi, quali novità per i prossimi mesi?
Tra i caratteri distintivi di UBI Pramerica vi sono da sempre la stretta relazione con i collocatori e l’innovazione di prodotto. È proprio in questi ambiti che intendiamo concentrarci ancora di più nel prossimo semestre. Abbiamo infatti in programma diversi momenti di formazione e di confronto con le nostre reti e con i loro clienti, per aiutarli ad effettuare scelte di investimento in modo sempre più consapevole. Inoltre, abbiamo già sul trampolino di lancio alcune novità di prodotto che mirano a soddisfare nuove esigenze della clientela.

Stanno avendo molto successo i Pir: qual è la vostra opinione in merito?
I PIR sono senz’altro una interessante opportunità sia per gli investitori, in ottica di diversificazione di portafoglio e di vantaggi fiscali, sia per l’economia reale italiana, in termini di sostegno concreto alle piccole e medie imprese. Ci auguriamo che attraverso i PIR un numero sempre maggiore di risparmiatori si avvicini all’industria del risparmio gestito, sposando le caratteristiche principali del nostro modo di investire: diversificazione, gestione attiva e orizzonte temporale di medio-lungo periodo. Con particolare riferimento all’orizzonte temporale, auspichiamo che i PIR possano rappresentare anche un efficace strumento di educazione finanziaria, nella misura in cui portano l’investitore a ragionare su un orizzonte temporale di lungo periodo, sull’importanza della diversificazione del portafoglio e sul valore di una valida e solida asset allocation. L’offerta PIR di UBI Pramerica consta di due prodotti: “UBI Pramerica MITO 25” e “UBI Pramerica MITO 50”, che beneficiano del solido track record di UBI Pramerica nella gestione di prodotti azionari Italia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Due nuovi fondi per Ubi Pramerica Sgr

Ubi Pramerica Sgr, raccolta su del 2,8% da inizio anno

Tipp (Ubi Pramerica): “Tassi ancora bassi. Soddisfazioni dai bond”

Ti può anche interessare

Edmond de Rothschild, Taupin al vertice dell’asset management

Taupin succederà nel ruolo a Roderick Munsters, che lascia l’incarico per motivi personali. ...

Ubp, Benjamin Schapiro rafforza il team sui bond convertibili

Nel suo incarico, Schapiro lavorerà insieme a Raphaël di Marzio, responsabile delle strategie conv ...

Classifiche Bluerating: Loomis (Gruppo Natixis Global Am) in testa tra i fondi obbligazionari USA – corporate high yield

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Obbligazionari USA - Corporate High ...