Azionario USA, rally o bolla di mercato?

A
A
A
di Redazione17 agosto 2017 | 09:45

L’attuale rally azionario degli Stati Uniti non ha i segni caratteristici delle bolle di mercato verificatesi in passato. Lo dice Moudy el Khodr, Senior Portfolio Manager, US High Dividend & Global High Dividend di NN Investment Partners, spiegando che dall’inizio del 2009, l’S&P 500 ha reso circa il 12,5% su base annualizzata al lordo dei dividendi. “È questo un dato che perde di rilevanza se paragonato ai rendimenti registrati negli anni 80 e 90 del secolo scorso: dall’inizio del 1982 fino al crash del mercato azionario a fine 1987, infatti, l’S&P 500 è cresciuto quasi del 20% su base annualizzata e poi dal 1995 al 2000, l’indice ha visto ritorni annualizzati del 26% prima di crollare di nuovo”.

“Con i titoli che continuano a muoversi verso l’alto con una esuberanza contenuta e praticamente zero volatilità al ribasso, gli investitori hanno più tempo libero per preoccuparsi di quando tutto questo finirà. Ma se questa è davvero una bolla, allora è piuttosto debole se paragonata ai bull market del passato”.

“Se da un lato pensiamo che vedremo quasi sicuramente un nuovo crollo del mercato azionario prima o poi, dall’altro crediamo che sia sbagliato presumere che ciò debba verificarsi in modo clamoroso a partire dai livelli attuali. Inoltre, se gli utili societari continuano a rivelarsi solidi come in questa ultima stagione e il dollaro continua a indebolirsi, il floor dei titoli rimarrà probabilmente piuttosto elevato per un po’. Il mercato in rialzo guidato dalla crescita degli utili sembra quindi in ottima salute”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

NN IP: economia globale in crescita, ma persistono venti contrari

NN Investment Partners: Francia, i rischi di una presidenza Le Pen

NN IP, al via la partnership con South Pole Group

NN Investment Partners: il voto olandese non spaventa i mercati

Classifiche Bluerating: NN Investment Partners in testa tra i fondi obbligazionari area euro-governativi

Tre ingressi Sri per NN Investment Partners

Classifiche Bluerating: Nordea in testa tra i fondi obbligazionari Usa-corporate

Huntjens (NN IP): “India e Indonesia eclissano la Cina”

NN Investment Partners: trimestrali, ecco perché gli Usa battono l’Eurozona

I fondi di NN Ip saranno distribuiti dalla struttura private di Bpm

Classifiche Bluerating: Nn Ip in testa nella categoria obbligazionari area euro inflation linked

NN Investment Partners si rafforza con Lewis Jones

NN Investment Partners, Claudia Corso a capo del marketing

NN Investment Partners, i mercati emergenti verso una nuova ripresa

L’high yield europeo offre ottimi rendimenti

Moonen (NN Investment Partners): “I mercati Usa meglio dell’Europa”

NN Investment Partners, il rialzo della Fed potrebbe arrivare a luglio

NN Investment Partners, torna la fiducia sul debito degli Emergenti

NN IP, il reddito fisso è ancora un’opportunità. Ecco perché

NN Investment Partners si rafforza con Michela Molinaro

Gli istituzionali puntano sui fondi multi-asset alla ricerca di rendimento

NN Investment Partners, 5 Paesi emergenti molto vulnerabili

NN Investment Partners: tragedia greca, in che atto siamo?

NN IP, il tempo della Grecia sta per scadere

Morgan Stanley Investment Management annuncia due nuovi ingressi

Da ING IM a NN Investment Partners, cambia il brand

NN Investment Partners: gli istituzionali e l’attrazione per il multi asset

Ti può anche interessare

Vontobel lancia il Vontobel Fund – Euro Short Term Bond

Il fondo punta a sovraperformare l’indice di riferimento e generare rendimenti superiori corretti ...

Indosuez Wealth Management si rafforza con Bayet

Bayet sarà responsabile del servizio "Investing Wealth" di Indosuez Wealth Management in Lussemburg ...

Generali Investments rafforza il private con Alberici

Lo riferisce MF. Proveniente da Ubs Wealth Management, Alberici è stato nominato senior sales. ...