Carmignac (Saint-Georges): i mercati sono troppo rigidi e poco flessibili

A
A
A

La turbolenza dei mercati obbligazionari, azionari e valutari nelle ultime settimane ha infatti confermato la perdita di flessibilità dei mercati finanziari, lo afferma il manager di Carmigna che spiega dove investire per evitare problemi. .

Gianluca Baldini di Gianluca Baldini12 giugno 2015 | 10:37

Didier Saint-Geroges (nella foto) ci spiega quali sono i problemi che affliggono i mercati e come investire per evitare problemi. “Non è passato molto tempo per intravedere una conferma della diagnosi da noi formulata due mesi fa. La turbolenza dei mercati obbligazionari, azionari e valutari nelle ultime settimane ha infatti confermato la perdita di flessibilità dei mercati finanziari. Questi ultimi sono diventati vulnerabili al minimo passo falso compiuto al di fuori dallo stretto sentiero dello scenario perfetto: crescita sufficiente, sostegno monetario costante e traiettoria dell’inflazione stabilizzata. L’entità della volatilità dei mercati dipenderà dal futuro di questi tre fattori rispetto alle aspettative. È pertanto utile interrogarsi sulla lucidità dei mercati relativamente a questi tre pilastri della fiducia. In seguito a questa valutazione emerge la coesistenza di diverse carenze, tra cui la meno anticipata dai mercati è forse la possibilità di un lieve rimbalzo inflazionistico nel secondo semestre”. Allora, cosa fare?

Valute – Dopo avere ritrovato vigore rispetto al dollaro nel mese di aprile, l’euro, nel corso del mese di maggio ha di nuovo perso terreno. Il ribilanciamento dell’allocazione valutaria avviato nel primo trimestre ha permesso di affrontare questi movimenti in buone condizioni. La gestione valutaria attiva costituisce un elemento essenziale della costruzione del portafoglio, dato che la strategia reflattiva della BCE dipende dall’andamento dell’euro. Continuiamo ad evitare la maggior parte delle valute emergenti, ancora vulnerabili alla normalizzazione della politica monetaria statunitense.

Obbligazioni – I rendimenti dei titoli sovrani europei sono sensibilmente aumentati negli ultimi mesi, evidenziando la fragilità di un mercato sostenuto dalla Banca centrale e diventato pertanto molto poco indipendente. Abbiamo assorbito questo movimento continuando a realizzare prese di profitto in maniera selettiva sulle posizioni in obbligazioni sovrane periferiche e aumentando le posizioni sell sui tassi core tedeschi e statunitensi. La flessibilità della gestione obbligazionaria sarà essenziale in un contesto macroeconomico dove le incertezze che abbiamo identificato in materia di inflazione (vedasi editoriale) prevalgono su quelle relative alla crescita. Nella nostra strategia integriamo la funzione di reazione della Banca centrale statunitense puntando su un appiattimento della curva dei tassi USA. Manteniamo infine le posizioni sulle obbligazioni corporate (principalmente del settore finanziario europeo).

Azioni – Dopo una buona performance ad aprile, i mercati azionari hanno registrato un andamento più modesto a maggio. I mercati emergenti, in particolare Brasile e Russia, hanno subito una decisa correzione rispetto al mese precedente. L’India è l’unico grande paese emergente ad avere chiuso il mese di maggio in netto rialzo. Nei paesi sviluppati, il Giappone e l’Europa si sono decisamente apprezzati sulla scia dei ribassi delle rispettive valute. Le posizioni recentemente aperte su Dassault Aviation e Rolls-Royce sono state pertanto favorite dal deprezzamento della moneta unica. Dassault Aviation capitalizza i recenti successi dell’esportazione del caccia Rafale, mentre il business dei jet privati dovrebbe beneficiare della ripresa dell’attività e del miglioramento del product mix. Rolls-Royce capitalizza il crescente successo dell’Airbus A350, per il quale sarà sostanzialmente l’unico a produrre i propulsori. Queste posizioni si aggiungono ai titoli di qualità già in portafoglio che offrono una crescita visibile dei risultati.

Materie prime -  Carmignac Portfolio Commodities ha registrato una performance stabile negli ultimi due mesi. Abbiamo continuato a diversificare il Fondo su segmenti promettenti, in particolare a favore dell’energia solare. Abbiamo infatti aperto nuove posizioni sul fornitore di soluzioni fotovoltaiche Scatec Solar Asa e su produttori di componenti per l’industria solare, come SunEdison Semico e Wacker Chemie.

Fondi di Fondi – I nostri Fondi di Fondi hanno messo a segno performance molto positive negli ultimi due mesi. Siamo stati favoriti dall’esposizione azionaria elevata che a fine mese rimane vicina ai massimi consentiti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Carmignac, a Roma e Milano è giunta l’ora degli Investment Seminar

Carmignac a Roma e Milano per parlare di scelte d’investimento

Crowl (Carmignac): “Giustificata l’euforia sui mercati”

Carmignac: dove trovare valore nel mercato obbligazionario

Carmignac: azionario, continua la crescita moderata

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Carmignac: niente rischi di bolla nel settore tech

Carmignac: quanto pesa il populismo

Carmignac: per i mercati inizia un cammino difficile

Classifiche Bluerating: Carmignac in testa tra i fondi Obbligazionari Area Euro – Governativi (1-3 Anni)

Crowl (Carmignac): “Puntiamo sulla gestione flessibile e attiva”

Carmignac: 2017, attenti a quello che desiderate

Carmignac: attenti a Donald Trump, è un rigoroso neo mercantilista

Carmignac: Trumponomics e protezionismo, le chiavi del 2017

Doppia nomina per Carmignac

Carmignac: il 12 ottobre la web conference sulle sfide di mercato

Fondi, Carmignac costa troppo rispetto ai rendimenti

Carmignac, Denham a capo del team azionario europeo

Carmignac: cosa significa gestire il rischio

Carmignac: sviluppi positivi in Brasile

Carmignac: l’azione delle banche centrali non basterà

Hulme (Carmignac): è il momento di puntare sulle commodities

Classifiche BLUERATING: Carmignac in testa sui Monetari euro/Alta volatilità

Classifiche BLUERATING: Carmignac primo sull’obbligazionario area euro 1-3 anni

Carmignac: la transizione opportunità per le gestioni attive

Carmignac, Morgan Stanley e Nordea al top tra gli Azionari Globali

Classifiche BLUERATING: Carmignac e Morgan Stanley tra i più forti con gli azionari globali

Classifiche BLUERATING: tra gli azionari globali dominano Carmignac, AllianceBernstein e Morgan Stanley

Classifiche BLUERATING: fondi azionari globali, la medaglia va a Carmignac e Morgan Stanley

Classifiche, Fondi monetari euro: brillano Credit Suisse e Carmignac

Classifiche BLUERATING, Carmignac e Fidelity al top con gli azionari globali

Classifiche BLUERATING: Ubs, Aberdeen e Carmignac tra i migliori azionari Europa

Ti può anche interessare

Ubi Pramerica punta gli investimenti etici

Nuovo comprto per la sicav Social 4 Future. Il 4% delle commissioni di avviamento e di gestione del ...

Henderson si rafforza con Tabberer

Il manager entra a far parte del team Henderson Emerging Market Equities nel ruolo di investment dir ...

Al via il roadshow autunnale 2017 targato Pictet AM

L’edizione autunnale 2017 del consueto roadshow di Pictet Asset Management prenderà il via il 18 ...