GAM: la partita USA – Germania è solo al primo tempo

A
A
A

Dall’elezione di Trump, il dollaro è la valuta con la terza peggiore performance, meglio solo dello yen, in calo del 6%, e della lira turca, svalutata del 3%.

Chiara Merico di Chiara Merico22 agosto 2017 | 10:55

IL DOLLARO CALA – È interessante vedere come i grandi temi dettati dal presidente Trump non si siano sviluppati secondo le attese. Dalla sua elezione, il dollaro è la valuta con la terza peggiore performance, meglio solo dello Yen, in calo del 6%, e della Lira Turca, svalutata del 3%, spiega Tim Haywood, responsabile strategie obbligazionarie Absolute Return di GAM. Ironicamente, la valuta che ha messo a segno la miglior performance relativa rispetto al dollaro è il Rublo russo, rivalutatosi del 15%, e seguito, altrettanto ironicamente, dal Peso messicano (+10%). Da inizio anno il dollaro è di gran lunga la valuta con la performance peggiore, mentre il Peso la migliore (+22%). Allo stesso tempo, i Treasury USA hanno perso 17 punti base in termini di rendimento quest’anno, mentre il Bund tedesco ha guadagnato 35 punti base. Ciò evidenzia il fatto che sebbene la crescita americana sia stabile, non ha raggiunto i livelli di ottimismo che avevano i Repubblicani dopo le elezioni, per via della mancanza di supporto del progresso politico. La Germania, invece, continua a crescere in silenzio e in maniera impressionante e molti dei suoi titoli con rendimento negativo stanno tornando, o sono già tornati, in territorio positivo.

TASSI DI CRESCITA SIMILI – La Germania e gli Stati Uniti stanno crescendo a tassi molto simili. All’inizio dell’anno la differenza di rendimento dei titoli di Stato dei due Paesi era del 3,6%, ora diminuita al 3%. Questo tema persisterà se gli USA continueranno a non stupire economicamente e la Fed rimarrà leggermente avanti rispetto alla curva, con le preoccupazioni che ciò possa intaccare la crescita economica. Altra tematica che ha destato la nostra attenzione quest’anno è stata quella delle obbligazioni emergenti in valuta locale e dei tassi di interesse. Le obbligazioni decennali dei Mercati Emergenti con il maggior rendimento sono, in ordine decrescente, Turchia, Brasile, Sud Africa, Russia, Indonesia e Messico, con il decennale turco che rende il 10,26% e quello messicano il 6,8%. Tutte queste obbligazioni offrono un buon livello di rendimento e hanno vissuto un apprezzamento capitale nel 2017, con il decennale sudafricano che ha registrato l’apprezzamento minore. Vediamo ancora spazio perché possano continuare la corsa e ci sono stati significativi afflussi verso il settore. In linea di massima, il nostro approccio di investimento è quello di avere un’esposizione lunga verso i tassi dei Paesi Emergenti e una posizione corta verso i paesi core che hanno visto una generale crescita, in particolare nell’Europa centrale, conclude Haywood.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gam: Cina, il ritorno delle blue chip a tre anni dal lancio dello Shanghai Stock Connect

Gam arruola un investment manager per l’obbligazionario

Le 3 strategie di Gam protagoniste dell’Equity Day 2017

Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

Gam: la Fed potrebbe rimescolare le carte

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

GAM: A-shares cinesi negli indici MSCI, un riconoscimento solo formale?

Cervellin (GAM): “La fine del gestore classico”

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi a Azionari Cina

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Area Euro – Large & Mid Cap Value

Gam: come generare alpha dalle M&A

GAM: l’inflazione è già sotto l’ombrellone?

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Settoriali – Energie Alternative

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Globali – Mid & Small Cap

Gam: biotech e biopharma portano in alto l’healthcare

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra gli azionari Cina

Londra, anche Gam vuole trasferirsi fuori dal centro

Sette fondi di Gam nella rete di Fineco

Gam cambia il capo del marketing

Marveggio (Gam): “Il rally delle small e mid cap può andare avanti”

Gam: corporate bond Emergenti, Trump è un rischio a metà

Gam: mercati emergenti, è tutta una questione di fondamentali

Gam prende Beesley da Henderson

Benetti (Gam): Quattro pilastri per il portafoglio

GAM, quattro motivi per preferire gli Emergenti

Il Nobel Spence: “Usa, Europa e Cina, cosa porterà il 2017”

Gam lancia il terzo fondo sistematico

Gam: 2017, ecco nove opportunità di investimento

Classifiche Bluerating: BlackRock in testa tra i fondi azionari settoriali sulle energie alternative

Gerlach (Gam): “Due scenari per le materie prime”

GAM: BoJ e Trump trainano il listino giapponese

L’economia nella mente e il caso del GAM Star (Lux) Financials Alpha Fund

GAM: il rischio Cina nelle M&A

Ti può anche interessare

Ethenea: improbabile l’ipotesi di un’Italexit

I rischi politici legati alle elezioni in Francia e in Italia sono sopravvalutati: i veri rischi in ...

Asset management, BlackRock sulla vetta d’Europa

Il settimanale Milano Finanza, su dati Thomson Reuters Lipper, pubblica la classifica delle società ...

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Nel 2017 le obbligazioni della Repubblica Popolare diverranno più accessibili agli investitori inte ...