Comgest: la crescita degli utili traina i listini globali

A
A
A

Per la prima volta dal 2010, la progressione dei mercati azionari nel primo semestre è stata trainata principalmente dall’incremento degli utili societari.

Chiara Merico di Chiara Merico24 agosto 2017 | 11:33

UTILI SOCIETARI IN CRESCITA – Per la prima volta dal 2010, la progressione dei mercati azionari nel primo semestre è stata trainata principalmente dall’incremento degli utili societari, spiega Céline Piquemal, gestore del fondo Comgest Growth World. In un contesto in cui le condizioni economiche restano complessivamente favorevoli a livello mondiale e l’accesso al credito agevole, gli analisti hanno dovuto, per la prima volta in sei anni, rivedere al rialzo le previsioni di crescita degli utili attestandosi sul +14% a livello mondiale per il 2017 e l’11% per il 2018. Se però gli utili sono stati il principale fattore trainante dei mercati, è innegabile che il calo di prezzo delle materie prime, che lascia presagire deboli pressioni inflazionistiche, e quindi tassi d’interesse stabilmente bassi, ha anche permesso ai mercati azionari di continuare ad apprezzarsi. A livello geografico, gli Emergenti hanno registrato il maggiore rialzo (+9,58%), mentre la crescita degli utili ha subito una forte accelerazione con un’espansione attesa del 20% nel 2017. Peraltro, l’indebolimento del dollaro, in una situazione di ripresa della crescita in Europa e di dati leggermente deludenti sul fronte statunitense, ha favorito, come spesso avviene, l’assunzione di rischio in questa parte del mondo. Infine, il rimbalzo delle esportazioni cinesi in un contesto economico più favorevole, associato alla tenuta del mercato immobiliare e a condizioni monetarie che permangono molto vantaggiose, ha permesso all’area asiatica, e soprattutto al mercato cinese di distinguersi. Anche il mercato europeo ha tratto vantaggio dall’elezione di Macron in Francia e dal generale miglioramento degli indicatori economici. Viceversa, il mercato nipponico è stato penalizzato da una crescita interna atona e dallo yen forte. Infine, il mercato statunitense ha risentito della delusione degli investitori in merito al concretizzarsi delle promesse di Donald Trump, nonché dei livelli delle valutazioni già elevati dopo otto anni di primato rispetto agli altri indici mondiali.

LE SCELTE – Siamo positivi sul settore tecnologico per quanto riguarda Hangzhou Hikvision, il maggiore produttore cinese di sistemi di videosorveglianza, che si è apprezzato del 95,7%, mentre gli utili operativi hanno evidenziato una progressione del 37% nel primo trimestre, in particolare grazie al deciso aumento del fatturato estero, che ora rappresenta quasi un terzo delle vendite. Amadeus, leader mondiale nei software di gestione dei viaggi per le compagnie aeree, ha guadagnato il 23,2%, mentre il fatturato è cresciuto del 12%, grazie soprattutto al guadagno continuo di quote di mercato, nei servizi informatici o nella gestione delle prenotazioni. Nel settore dei consumi non voluttuari, la performance di Kweichow Moutai, in portafoglio da più di un anno, resta impressionante: la quotazione segna un rialzo del 33,9% grazie a un incremento del fatturato del 36%, a sua volta favorito dagli aumenti dei prezzi dei suoi alcolici in un contesto di produzione limitata. Anche Unilever si è distinta (+24,6%), avendo approfittato dell’offerta di Kraft Heinz che, benché alla fine ritirata, ha indotto il management a puntare in modo più esplicito sul contenimento dei costi e su un netto miglioramento del margine operativo (dal 16,4% nel 2016 al 20% nel 2020) nei prossimi tre anni. Infine, abbiamo di recente assunto una view positiva su Shin Etsu Chemical, primo produttore mondiale di wafer di silicio, sui quali sono stampati i microprocessori; SAP, leader dei software gestionali; Intuit, principale operatore statunitense nei software gestionali di contabilità per le piccole e medie imprese e di gestione delle imposte per i privati; Naspers, conglomerata sudafricana il cui principale pregio consiste nella partecipazione del 33% detenuta in Tencent, leader cinese dei videogiochi e dei social media; Eli Lilly, uno dei principali laboratori farmaceutici mondiali, leader nel trattamento del diabete, in oncologia e nella salute animale; infine, Oracle, leader mondiale dei software per la gestione di database.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Comgest: Cina, Brasile e Sudafrica guidano i listini

Comgest rafforza il team Asia con Chen

Comgest rafforza il team Esg con Voravong

Comgest, Aum record nel 2016

Comgest premiata di nuovo per le strategie Sri

Comgest lancia la versione euro hedged della strategia sull’azionario giapponese

Comgest: growth vs.value, dietro il dibattito fondamentali fragili

Comgest: azionario emergente, lo Stock Connect è l’avvenimento cruciale

Comgest punta sugli Usa con la registrazione degli uffici presso la Sec

Comgest: in Europa torna l’appetito per il rischio

Comgest compie 30 anni. Italia al centro delle strategie di crescita

Comgest: emergenti, troppo presto per il bull market

Comgest: il Brasile va verso Rio tra incertezza e speranza

Comgest: sul Giappone il pessimismo è eccessivo

Stanislawski (Comgest): “L’India attrae gli investitori”

Comgest, tra i mercati emergenti attenzione al Brasile

Comgest: Giappone, ecco come avere rendimenti nel 2016

Comgest, Usa: mercato azionario sotto i riflettori

Cina, le ragioni del rimbalzo di ottobre

Comgest, Cosserat sarà il nuovo Ceo

Comgest, l’innovazione spinge l’azionario in un contesto in perdita

Comgest: la soluzione flessibile azionaria che punta agli emergenti

Classifiche BLUERATING, Comgest brilla con gli azionari Asia Pacifico

Classifiche BLUERATING, Comgest va forte con gli azionari sull’India

Classifiche BLUERATING, Comgest prima su tutti con gli azionari Asia-Pacifico

Classifiche BLUERATING, Amundi e Comgest al top con gli azionari sull’India

Classifiche BLUERATING: fondi azionari Asia Pacifico, tra i migliori ci sono Comgest e Pictet

Classifiche BLUERATING: azionari India, performance a tre cifre per Amundi e Comgest

Comgest, Cosserat diventa cio al posto di Vincent Strauss

Comgest dà il benvenuto a un manager con 17 anni di esperienza

Classifiche BLUERATING, Comgest e Amundi tra i più forti con gli azionari sull’India

Comgest, verso l’uscita il managing director Vincent Strauss

Fondi, Comgest recluta due analisti per le strategie sui mercati emergenti

Ti può anche interessare

Allfunds Bank, volano gli asset intermediati

Il valore complessivo dei fondi negoziati sulla dalla nota piattaforma ha superato i 350 miliardi di ...

Terremoto fondi: Vanguard supera BlackRock

Il gruppo di Malvern sta per battere quello di Wall Street per masse gestite: nel primo semestre 215 ...

Assicurazioni, l’Ivass segnala due compagnie abusive

Nuovo campanello d'allarme dell'authority sul fenomeno delle polizze contraffatte. ...