Gam: la Fed potrebbe rimescolare le carte

A
A
A

I mercati azionari hanno corso per dodici mesi di fila e stanno mostrando alcuni segnali di stanchezza per via delle valutazioni più alte e della chiusura positiva della stagione di trimestrali.

Chiara Merico di Chiara Merico25 agosto 2017 | 14:12

SEGNALI DI STANCHEZZA – Gli investitori dovrebbero cominciare ad attendersi rendimenti più contenuti per la seconda metà del 2017. I mercati azionari hanno corso per dodici mesi di fila e stanno mostrando alcuni segnali di stanchezza per via delle valutazioni più alte e della chiusura positiva della stagione di trimestrali, spiega Larry Hatheway, capo economista di GAM. Sebbene il rischio geopolitico abbia aumentato la volatilità nel breve periodo, il caso di investimento per l’azionario si fonda ancora su una moderata crescita globale accompagnata da bassi livelli di inflazione. Fintantoché questa combinazione persiste, i sell-off sui mercati azionari tenderanno a essere brevi e superficiali. I rendimenti delle obbligazioni globali hanno continuato a muoversi nei range storici, al di sotto dei picchi di fine primo trimestre. Un’inflazione inferiore alle attese ha supportato il mercato obbligazionario nonostante segnali che la Federal Reserve si conferma impegnata nella propria politica di normalizzazione dei tassi e sulle aspettative di un annuncio da parte della Bce dell’avvio del suo programma di tapering nel 2018.

DOLLARO IN RIPRESA? Il dollaro ha sofferto un’ampia svalutazione negli ultimi mesi. Tuttavia, una ulteriore debolezza del dollaro sembra improbabile per diverse ragioni. In primo luogo, le posizioni speculative nel mercato sono molto concentrate in posizioni short sul dollaro, che suggeriscono minori vendite in futuro. In secondo luogo, gli investitori non anticipano un altro rialzo dei tassi da parte della Fed prima della fine dell’anno. E questo è, probabilmente, sbagliato. Anche se la prossima manovra della Fed dovrebbe concentrarsi sulla riduzione graduale del proprio bilancio, la maggioranza dei membri del Fomc sono convinti che le politiche monetarie USA rimangano altamente accomodanti, in particolare se a fronte di un contesto economico prossimo alla prima piena occupazione. Perciò, la Fed potrebbe più probabilmente aumentare i tassi ancora una volta nel 2017, con buone probabilità a dicembre, e questo rappresenterebbe un fattore di supporto per il dollaro. L’espansione economica in atto nella maggior parte delle economie emergenti appare stabile. Le preoccupazioni sulla crescita della Cina non sono mai lontane dalla verità, in particolare con l’impulso del credito che ha virato in negativo suggerendo un ulteriore rallentamento degli investimenti immobiliari e nei macchinari. Altrove, rosei segnali di ripresa stanno cominciando ad affiorare in Brasile e larga parte dell’Europa centrale sta beneficiando della più sostenuta crescita europea. Nel complesso, è possibile che nel corso dell’anno gli Emergenti possano ancora mettere a segno una crescita moderata. Cionondimeno, abbiamo adottato un approccio più cauto in termini di asset allocation. Abbiamo ridotto le nostre posizioni sull’azionario globale, che ha performato bene e che ora avrà un minor supporto visto che la stagione delle trimestrali volge al termine. I mercati obbligazionari restano pienamente prezzati e in vista della futura normalizzazione della politica monetaria confermiamo la nostra visione per una posizione short duration. Inoltre, stiamo tenendo in maggiore considerazione le strategie alternative, incluse le tradizionali strategie relative value tipiche degli hedge fund, così come gli approcci target return. Quest’ultima strategia, in particolare, si è rivelata fino a questo momento appropriata per questo contesto in quanto potrebbe offrire rendimenti poco correlati sia all’azionario sia all’obbligazionario globale, così come stabili rendimenti e una bassa volatilità, conclude Hatheway.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gam: Cina, il ritorno delle blue chip a tre anni dal lancio dello Shanghai Stock Connect

Gam arruola un investment manager per l’obbligazionario

Le 3 strategie di Gam protagoniste dell’Equity Day 2017

Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

GAM: la partita USA – Germania è solo al primo tempo

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

GAM: A-shares cinesi negli indici MSCI, un riconoscimento solo formale?

Cervellin (GAM): “La fine del gestore classico”

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi a Azionari Cina

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Area Euro – Large & Mid Cap Value

Gam: come generare alpha dalle M&A

GAM: l’inflazione è già sotto l’ombrellone?

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Settoriali – Energie Alternative

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Globali – Mid & Small Cap

Gam: biotech e biopharma portano in alto l’healthcare

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra gli azionari Cina

Londra, anche Gam vuole trasferirsi fuori dal centro

Sette fondi di Gam nella rete di Fineco

Gam cambia il capo del marketing

Marveggio (Gam): “Il rally delle small e mid cap può andare avanti”

Gam: corporate bond Emergenti, Trump è un rischio a metà

Gam: mercati emergenti, è tutta una questione di fondamentali

Gam prende Beesley da Henderson

Benetti (Gam): Quattro pilastri per il portafoglio

GAM, quattro motivi per preferire gli Emergenti

Il Nobel Spence: “Usa, Europa e Cina, cosa porterà il 2017”

Gam lancia il terzo fondo sistematico

Gam: 2017, ecco nove opportunità di investimento

Classifiche Bluerating: BlackRock in testa tra i fondi azionari settoriali sulle energie alternative

Gerlach (Gam): “Due scenari per le materie prime”

GAM: BoJ e Trump trainano il listino giapponese

L’economia nella mente e il caso del GAM Star (Lux) Financials Alpha Fund

GAM: il rischio Cina nelle M&A

Ti può anche interessare

Classifiche Bluerating: Clerical Medical in testa tra i fondi Azionari Regno Unito – Large & Mid Cap

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Regno Unito - Large & ...

Gam: come generare alpha dalle M&A

Il punto chiave della strategia d’investimento del fondo GAM Star (Lux) Merger Arbitrage risiede ...

Balls (Pimco): “Nessuno shock in vista sul debito italiano”

La grande casa di gestione grande acquirente di Buoni del Tesoro ha oggi una posizione neutrale sul ...