Schroders, Draghi si confermerà Super Mario?

A
A
A

Secondo il chief economist Keith Wade vari fattori hanno delineato un quadro favorevole a potenziali ulteriori allentamenti di politica monetaria.

Chiara Merico di Chiara Merico9 marzo 2016 | 15:29

FATTORI FAVOREVOLI A UN NUOVO QE – “Forse è arrivato il momento che le autorità di politica monetaria pensino a qualcosa fuori dagli schemi, se vogliono mantenere la propria credibilità. In vista del meeting di giovedì 10 marzo della Banca centrale europea, sono tre i fattori ad aver delineato un quadro favorevole a potenziali ulteriori allentamenti di politica monetaria: i bassi prezzi del petrolio, i timori per la crescita globale e il deterioramento delle aspettative sull’inflazione basate sull’andamento del mercato”, sottolinea Keith Wade, chief economist & strategist di Schroders. “Risposte di politica monetaria simili a quelle già date in passato, cioè tagli dei tassi o un’espansione del QE, potrebbero non produrre nel medio periodo risultati significativamente diversi da quelli osservati finora, con crescita e inflazione basse, in un contesto di espansione economica globale debole. Sono queste considerazioni forse a spingere il mercato a chiedersi quali siano le politiche veramente efficaci che le banche centrali possono ancora porre in essere”.

NESSUN SEGNALE DI AUMENTO DELL’INFLAZIONE – “Ammettere la sconfitta di fronte alla persistente debolezza dell’inflazione comporterebbe una revisione al ribasso a livello globale dei target sui prezzi al consumo, qualcosa di completamente nuovo. In particolare, il presidente della Bce, Mario Draghi, è stato risoluto nel sottolineare di non essere disposto ad “arrendersi” alla bassa inflazione. Per almeno tutto lo scorso decennio, il credo generale dei mercati è stato che, al di là della situazione, le banche centrali avrebbero aiutato a limitare le perdite negli asset rischiosi, tagliando i tassi di interesse o introducendo il QE (idea conosciuta anche come “opzione put”). Questa scuola di pensiero è stata messa in discussione nelle ultime settimane, in quanto le ulteriori azioni di politica monetaria possibili a disposizione degli Istituti centrali appaiono limitate, perlomeno se confrontate a quelle disponibili in passato. La politica monetaria è stata mantenuta molto accomodante. Ciononostante, è difficile vedere segnali di forte crescita e inflazione”, spiega Wade. “Il problema dell’inflazione è che più a lungo resta bassa, più si consolidano le basse aspettative di lungo periodo sull’andamento della stessa.Questo non è solo un problema europeo, visto che le attesesull’inflazione media a 6-10 anni stanno calando in tutti i mercati principali. Anche le aspettative dei consumatori sull’indice dei prezzi al consumo si sono deteriorate negli ultimi anni. Le attese di medio-lungo periodo sull’inflazione hanno seguito un trend ribassista dal 2011 e i livelli attuali sono prossimi ai minimi storici (nonostante si mantengano ancora ben al di sopra del target di inflazione al 2%). Con l’inflazione, o l’assenza di essa, il meeting della Bce e le parole del presidente, Mario Draghi, saranno inevitabilmente un argomento chiave per gli investitori.Il mercato ha già soprannominato il presidente della Bce “Super Mario” dopo l’annuncio a sorpresa del programma di acquisto asset (QE) a gennaio 2015. Giovedì scopriremo se il soprannome sarà ancora meritato, dopo la delusione del meeting di dicembre”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il controllore bacchettato

Aberdeen Standard Investments: Bce, una decisione hawkish

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Esame Srep superato per le banche italiane

Credem supera l’esame della solidità patrimoniale

Credit Suisse: nuove regole Bce negative per le banche italiane

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Allianz GI: Bce, quale scenario per la riunione del 7?

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Mutui, che succederà quando la Bce interromperà il QE?

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Borse a ritmo ridotto, si attendono le parole di Mario Draghi

Banco Bpm frena, per Mediobanca sofferenze valgono il 5% del nominale

Banche centrali valutano ritorno alla normalità, bond e dollaro in calo

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Standard and Poor’s: la pazienza della Bce sta diventando leggendaria

Banca Carige, la Bce dà tempo fino al 23 giugno per fornire informazioni

Draghi (Bce): nessuna novità per tassi e QE, crescita si rafforza senza inflazione

Banco Popular, non passa la paura

Commerzbank propone prepensionamenti

Draghi (Bce) non cambia idea su misure straordinarie: restano necessarie

Grecia: accordo sulle nuove misure di austerity, ma Fmi resta critico

Draghi (Bce) più ottimista sulla ripresa, ma i tassi resteranno fermi a lungo

Draghi: non è ancora ora di cambiare la politica monetaria della Bce

Rumors: BpVi e Veneto Banca sarebbero solvibili per la Bce

Coeure: tassi a breve negativi, non dipende dalla Bce

Bce: all’ultima asta Tltro protagoniste ancora una volta le banche italiane

Bce: per Credit Suisse aumento tassi sui depositi può precedere conclusione QE

Draghi: QE ha creato 4 milioni di posti di lavoro, ma per Schaeuble va interrotto

La Bce non cambia registro, confermati tassi e quantitative easing

Ti può anche interessare

Doppia nomina per T.Rowe Price

Yoram Lustig avrà il ruolo head of multi-asset solutions per Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) ...

Generali, la trimestrale batte le attese

Utile netto di 581 milioni pe la compagnia triestina, in crescita dell’8,6% ...

Morris (Bnp Paribas Am): “2018, la ripresa continua”

Attenzione ad alcuni rischi: in particolare al ritorno dell'inflazione e a un eccesso di zelo da par ...