Bmo lancia un fondo sui mercati emergenti

A
A
A

Il fondo BMO LGM Global Emerging Markets Smaller Companies mira a generare una crescita del capitale nel lungo periodo investendo in società a piccola capitalizzazione che generano gran parte dei propri profitti nei mercati emergenti.

Chiara Merico di Chiara Merico11 settembre 2017 | 10:51

FOCUS SULLE PICCOLE – BMO Global Asset Management lancia oggi il fondo BMO LGM Global Emerging Markets Smaller Companies, a completamento della propria offerta di fondi specializzati sui mercati asiatici, emergenti e di frontiera. Il fondo è gestito da Irina Hunter, lead portfolio manager e Claire Franklin, co-portfolio manager, di LGM Investments, la boutique di BMO Global Asset Management specializzata nei mercati emergenti. Il fondo BMO LGM Global Emerging Markets Smaller Companies mira a generare una crescita del capitale nel lungo periodo investendo in società a piccola capitalizzazione che generano gran parte dei propri profitti nei mercati emergenti. Il fondo potrebbe investire parte dei propri asset anche nei mercati di frontiera, in linea con lo stile di investimento agnostico tipico di LGM Investment. Il fondo avrà un orizzonte temporale di investimento di lungo periodo, cercando di investire in società di elevata qualità e in grado di generare flussi di cassa con valutazioni ragionevoli. La qualità delle società viene definita in base a quattro criteri: sostenibilità dei modelli di business; solidità dei bilanci, track-record dei team manageriali e il livello di allineamento degli interessi degli azionisti di maggioranza con quelli degli azionisti di minoranza.

PRODOTTO PER GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI – “Siamo felici di lanciare questo nuovo fondo. Il settore delle società a piccola capitalizzazione nei mercati emergenti offre agli investitori di lungo periodo opportunità di trovare business di qualità non ancora conosciuti dal resto del mercato. Il nostro processo basato sulla qualità si adatta molto bene a questo genere di contesto nel quale cerchiamo di identificare società che hanno il reale potenziale per crescere a ritmi sostenuti nel lungo periodo”, commenta Thomas Vester, chief investment officer di LGM Investments. Le società a piccola capitalizzazione dei mercati emergenti rappresentano uno dei pochi universi di investimento dove è possibile acquisire un reale vantaggio informativo. Il settore non ha alcuna copertura di ricerca e, per questo, manca di una verifica oggettiva del prezzo”, ha aggiunto Irina Hunter, lead portfolio manager di BMO LGM Global Emerging Markets Smaller Companies. Il fondo, domiciliato in Irlanda, è disponibile per il momento in Italia agli investitori istituzionali. Il fondo BMO LGM Global Emerging Markets Smaller Companies è registrato per la vendita nel Regno Unito e in Belgio, Danimarca, Finlandia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna e Svezia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BMO: quale sarà il torero che fermerà il bull market?

Bmo: la crescita e l’inflazione dopo la “nuova normalità”

Bmo presenta il rapporto sull’investimento etico nei mercati emergenti

Ti può anche interessare

Classifiche Bluerating: Santander AM in testa tra gli azionari Brasile

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Brasile, il migliore negli ...

Consultinvest: obbligazioni, investitori confusi?  

Nel mondo attuale le prospettive di crescita economica sono improvvisamente e sorprendentemente migl ...

Robeco: lo standby della Trump export tax spinge gli emergenti

Rispetto ad altre asset class come il credito investment grade o i titoli high yield USA, il debito ...