Pictet: il rischio geopolitico riaccende la volatilità

A
A
A

Il simposio di Jackson Hole ha deluso le aspettative di chi si attendeva indicazioni concrete di politica monetaria da parte della FED e dell’ECB.

Chiara Merico di Chiara Merico13 settembre 2017 | 10:54

RISCHI DALLA COREA – Il rischio geopolitico ha riacceso la volatilità durante il mese di agosto. Le tensioni nella penisola coreana hanno raggiunto livelli di guardia, con minacce reciproche fra il dittatore nordcoreano Kim e il presidente Usa Trump, spiega una nota a cura di Andrea Delitala, head of Euro Multi Asset e Marco Piersimoni, senior portfolio manager di Pictet Asset Management. Il simposio di Jackson Hole ha deluso le aspettative di chi si attendeva indicazioni concrete di politica monetaria da parte della FED e dell’ECB. In questo contesto i mercati obbligazionari hanno fatto registrare buone performance (Barclays Global-Aggregate +1% sul mese), indici azionari in leggera perdita con sottoperformance degli indici europei rispetto all’S&P in conseguenza di un euro in ulteriore rafforzamento. Il meeting della BCE ad inizio settembre ha visto Draghi continuare a fornire un giudizio positivo sullo stato di salute dell’economia in Europa, senza ridurre significativamente le prospettive sull’inflazione per 2018 e 2019 (nonostante il rafforzamento dell’euro a 1,20). Il messaggio veicolato è stato nel complesso accomodante, tanto che l’eccessiva volatilità del cambio è stata citata come uno dei rischi da mantenere sotto controllo. Questo non è stato comunque sufficiente a far arretrare il cambio in maniera significativa, complice la mancanza d’inflazione negli USA e flussi d’acquisto sull’euro che probabilmente giungono dalle riserve delle banche centrali.

LA STRATEGIA – Stiamo riducendo la duration obbligazionaria a partire dagli USA: i rendimenti sul decennale sono prossimi al 2%, molto distanti dal 2,6% toccati nella primavera scorsa, sottolinea la nota. Riteniamo che esista ancora la possibilità di un rialzo entro fine anno da parte della FED (questo aiuterebbe anche il $ di conseguenza). Le obbligazioni fino ad ora non hanno registrato il miglioramento ciclico osservabile sui dati dei PMI globali o sulle materie prime (rame +25% negli ultimi 2 mesi). Sul comparto azionario la sottoperformance accumulata la parte dell’€stoxx da inizio maggio è stata pari a 7 punti percentuali rispetto all’indice S&P: si tratta di un movimento eccessivo e potrebbe essere giunto il momento di inversione del trend. Una condizione necessaria per permettere questo movimento è arrestare l’apprezzamento dell’euro. Il comportamento positivo del DAX (indice con molti titoli attivi nel comparto export, auto, industriali etc.) nel corso della prima settimana di settembre è incoraggiante. Le banche (europee e non) hanno continuato a sottoperformare ad agosto, complice il rally dei rendimenti che comprime il margine di intermediazione. Sul cambio €/$ crediamo che si stia per aprire una fase di consolidamento tattico: 1,15-1,17 potrebbe essere l’obiettivo in questa fase. Oro in forte rafforzamento su rottura del livello di 1300$/oncia per merito della discesa del dollaro e dei tassi Usa.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter2Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet: occhi puntati sui rialzi dei tassi

Pictet: la ripresa c’è, ma quanto è sostenibile?

Piersimoni (Pictet Am): “L’Agenda Trump è sparita dai radar dei mercati”

Pictet Am lancia fondo con strategie long/short

SdR 17, Noia (Pictet): “Formula 1 e asset management, gestire il rischio per fare performance”

Pictet, al Salone del Risparmio il pilota di F1 Marc Gené

Sito web rinnovato per Pictet

Classifiche Bluerating: Pictet in testa tra i fondi Obbligazionari Yen Giapponese

Classifiche Bluerating: Pictet in testa tra i fondi azionari Russia

La digital revolution secondo Pictet

Top Advisor, missione sostenibilità

Classifiche Bluerating: Pictet in testa sugli Azionari Russia

Terzo compleanno in crescita per il Mago di Pictet

Pictet: Brexit, un mese dopo reazione composta dai mercati

Pictet Am: “Valute emergenti, riscossa in vista”

Classifiche Bluerating: Pictet in testa sugli Obbligazionari globali governativi

Top Advisor, ecco i vincitori della terza edizione

Pictet, cosa aspettarsi in caso di Brexit

Pictet, obiettivo proteggersi dal rischio Brexit

Classifiche Bluerating: Pictet in testa sugli Obbligazionari euro hedged mercati emergenti

Top Advisor, per i privati vince il fattore curiosità

Noia (Pictet Am): “Il robo-advisor sarà un aiuto per i consulenti ma non li sostituirà mai”

Pictet: azioni pronte al recupero, con qualche rischio

B. Consulia il 21 aprile a Padova con gli esperti di fintech e private

Salone del Risparmio, Noia (Pictet AM): “Anche nel 2016 puntiamo al multiasset”

Pictet, arriva il simulatore di piani di accumulo

Pictet AM, ecco il nuovo responsabile globale institutional business

Pictet Russian Equities R registra segnali di ripresa

Delitala (Pictet Asset Management): “Come far ripartire le azioni”

Bevilacqua salta da La Française a Pictet Am

Pictet, partenza convulsa per i mercati nel 2016

Pictet, perché conviene puntare sui Premium brand

Ruiz nuovo Cio di PWM dal 1 marzo

Ti può anche interessare

Byblos investe nel Supply Chain Fund di Groupama Am

Byblos è il primo fondo pensione italiano che investe in via diretta nel Supply Chain Fund e uno de ...

Consultinvest: obbligazioni, investitori confusi?  

Nel mondo attuale le prospettive di crescita economica sono improvvisamente e sorprendentemente migl ...

La Française riorganizza la divisione Securities Fund Management

Jean-Luc Hivert e Laurent Jacquier Laforge saranno rispettivamente a capo delle due divisioni Fixed ...