Pir, raccolta col turbo fino al 2021

A
A
A

Secondo le previsioni di Intermonte, in 5 anni i flussi verso i piani individuali di risparmio raggiungeranno i 68 miliardi di euro

Andrea Telara di Andrea Telara14 settembre 2017 | 10:06

Un futuro roseo attende i pir (piani individuali di risparmio), almeno da qui al 2021. Secondo le previsioni diffuse ieri da Intermonte, i flussi verso questa forma di investimento che ha debuttato in Italia a gennaio saranno pari complessivamente a 68 miliardi di euro nell’arco dei prossimi 5 anni. Già da quest’anno, la raccolta dei pir viaggia col turbo: nella prima metà del 2017 i piani di risparmio hanno registrato flussi netti per 5 miliardi di euro circa, che saliranno a 10 miliardi entro dicembre.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn8Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Record di investitori per la campagna di equity crowdfunding sostenuta da Intermonte SIM

La start-up fa il pieno con il crowdfunding e la consulenza di Websim

Brexit, Intermonte Advisory: “Le decisioni politiche locali tornano a influenzare i mercati”

Ti può anche interessare

Nolan (Aberdeen Am): “Perché puntare ancora sull’high yield europeo”

Secondo BofA Merill Lynch il mercato è passato dai 41,1 miliardi di fine 2012 ai 75,4 di fine 2007 ...

Lombard Odier lancia la partnership con Affirmative Investment Management

L’obiettivo delle due società è ampliare le proprie competenze e soluzioni di investimenti sulle ...

Candriam, primo semestre in crescita

Nei primi sei mesi del 2017 le masse in gestione sono aumentate di 6,1 miliardi di euro, passando da ...