Lemanik: dollaro debole ed eccesso di debito indeboliscono l’economia Usa

A
A
A

L’economia Usa non riuscirà a smuoversi dai tassi di crescita recenti ed eventuali uscite al rialzo da questa tendenza non potranno durare.

Chiara Merico di Chiara Merico19 settembre 2017 | 15:09

FASE DI DEBOLEZZA – “Il dollaro si trova esposto a una fase di debolezza di lungo termine che avrà importanti ripercussioni sugli equilibri finanziari internazionali e sui mercati. Dato che la Fed non potrà alzare i tassi come vorrebbe per non procurare una recessione e dato che il ciclo del credito al consumo negli Stati Uniti è in una fase piuttosto matura, l’economia Usa non riuscirà a smuoversi dai tassi di crescita recenti ed eventuali uscite al rialzo da questa tendenza non potranno durare”. È l’analisi di Maurizio Novelli, gestore del Lemanik Global Strategy Fund. Negli ultimi due anni i mercati finanziari hanno interpretato il rialzo dei tassi americani come una conferma della ripresa dell’economia e del successo del reflation trade. Il dollaro ha però interrotto il suo trend di rialzo a dicembre 2016, quando invece avrebbe dovuto rafforzarsi grazie ai piani fiscali promessi dal nuovo governo Repubblicano. La Fed nel frattempo ha aumentato i tassi d’interesse ma la divisa americana ha iniziato comunque a cedere contro tutte le valute. Ora si teme che, senza un’ulteriore spinta derivante dallo stimolo fiscale, il ciclo americano possa cedere sotto il peso raggiunto dal debito privato accumulato in questi ultimi tre anni.

QE VERSO LA FINE? – “La massa di ulteriore debito accumulata è tale che forse è meglio pensarci due volte prima di intraprendere deleterie politiche monetarie restrittive solo per far credere che il ciclo dell’economia è solido. Nella realtà la crescita di questi ultimi tre anni si è basata ancora una volta sull’esplosione del leverage, non più nelle banche, ma nel settore privato e corporate” spiega Novelli. “Altro punto che non depone a favore del dollaro è che i mercati valutari hanno ormai capito che il Quantitative Easing della Bce difficilmente può essere sostenuto ancora per molto tempo. E’ infatti molto probabile che la prossima notizia proveniente dalla Bce sarà quella di una riduzione del Qe e non di una sua espansione o prolungamento”. In aggiunta a questi segnali si deve sottolineare il recente rafforzamento della divisa cinese, un fattore molto importante per la direzione del dollaro sui mercati valutari. Le autorità cinesi si sono infatti impegnate da diversi mesi a stabilizzare il renminbi e frenare il deflusso di capitali dalla Cina. Questo porta inevitabilmente a un calo della domanda di dollari per finanziare acquisizioni sui mercati esteri. Nel complesso sia Cina che Stati Uniti preferiscono un dollaro debole e anche se la Bce cerca di “ribellarsi” a questo meccanismo sarà molto difficile impedirlo.

RIVALUTAZIONE DELLE DIVISE EMERGENTI – “Nei prossimi due-tre anni il dollaro dovrebbe muoversi verso livelli di 1,45/1,55 contro euro e subire un netto deflusso di capitali a favore dei mercati emergenti che andrebbero a colmare il gap strutturale di svalutazione competitiva attuato in questi ultimi dieci anni. Il “mondo emergente” sarebbe dunque sottoposto a una generale rivalutazione delle divise e a un contestuale abbassamento generale dei tassi d’interesse che porterebbe benefici strutturali in termini di stimolo all’economia mondiale”, continua Novelli. Da questo punto di vista si metterebbe fine al processo deflazionistico alimentato dalle svalutazioni competitive e l’inflazione si muoverebbe al rialzo con ovvie implicazioni negative per i mercati obbligazionari. Il potere d’acquisto generato dalle rivalutazioni delle divise dei paesi emergenti dovrebbe sostenere i consumi internazionali. La domanda interna in Europa e in Giappone continuerà invece a ristagnare per motivi demografici, mentre negli Stati Uniti l’eccesso di debito accumulato dal sistema pubblico e privato rischia di incidere negativamente sui consumi e sulla crescita nel medio lungo periodo.“In questo contesto, la nostra allocazione di portafoglio non si è modificata rispetto al mese scorso e rimaniamo negativi sui mercati di Stati Uniti e Canada ma anche su quelli europei a causa del dollaro debole” conclude Novelli. “Le nostre posizioni long su oro hanno iniziato a beneficiare del recente recupero ma riteniamo che l’attuale fase di rialzo dell’oro possa essere l’inizio di un trend atteso ormai da parecchi mesi. Il dollaro potrebbe anche beneficiare di qualche recupero tecnico ma la tendenza verso una probabile parità con l’euro sembra essersi dissolta ed eventuali rafforzamenti sarebbero opportunità per ampliare posizioni short”

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Lemanik: il mercato high yield paga ancora

Zimmermann, Lemanik: azionario Asia ancora attrattivo

Lemanik si rafforza con Foglia

Novelli (Lemanik): “La trappola del debito rischia di far deragliare qualsiasi politica fiscale espansiva”

Andreani, (Lemanik): “I Pir trainano il mercato azionario italiano”

Classifiche Bluerating: Candriam in testa tra i fondi a ritorno assoluto – long short strategy

Lemanik: la Trumpenomic rilancerà l’economia Usa?

Classifiche Bluerating: Lemanik in testa tra i fondi a ritorno assoluto (media volatilità)

Lemanik, con Trump i tassi Usa saliranno

Lemanik: la luna di miele tra banche centrali e mercati sta per finire

Lemanik: Asia in espansione nel 2017

Lemanik, contesto fragile e banche centrali in affanno

Lemanik, nessuna ripresa nel secondo semestre

Classifiche Bluerating: Lemanik in testa sui Ritorno assoluto – media volatilità

Lemanik: le obbligazioni subordinate bancarie superano la prova Brexit

Lemanik, valutazioni interessanti per l’azionario italiano

Novelli (Lemanik): “Usa in affanno per tutto il 2016”

Lemanik si rafforza con l’arrivo di Fabrizio Biondo

Rossi (Lemanik) a Consulentia 2016: “avremo gestori interni”

Novelli, Lemanik: politiche monetarie inutili a far ripartire il ciclo economico

Lemanik, i tassi resteranno ancora invariati

Lemanik: l’Italia continua a essere un mercato su cui puntare

Novelli, Lemanik: la crescita non è solida come le banche centrali vogliono farci credere

Zimmermann (Lemanik): positivi sul mercato giapponese

Lemanik si affida ad Andreani per la gestione dei fondi azionari sull’Italia

Fondi, Lemanik rafforza il suo team di gestione

Classifiche BLUERATING, Azimut e Lemanik tra i migliori con gli azionari sull’Italia

Fondi, Novelli lascia Zest per Lemanik

Classifiche BLUERATING, Lemanik tra i migliori azionari sull’Italia

Zimmermann (Lemanik): valutazioni interessanti in Cina e Giappone

Classifiche BLUERATING: Lemanik, Azimut e AcomeA trionfano con gli azionari sull’Italia

Classifiche BLUERATING, AcomeA e Lemanik tra i più forti fondi azionari sull’Italia

Classifiche BLUERATING, Kairos e Lemanik tra i migliori con gli azionari sull’Italia

Ti può anche interessare

Ethenea: il Trumpismo blocca l’inflazione mondiale

Che si abbia una visione ottimistica o pessimistica sull’attuale stato dell’economia mondiale, ...

Salone del Risparmio 2017, i protagonisti della prima giornata

Il presidente di Assogestioni Corcos e la firma del Financial Times Martin Wolf accanto al ministro ...

Consultinvest: mercati spinti in maniera significativa dalle aspettative

Secondo la società le aspettative di maggiore crescita nominale dovrebbero continuare a favorire le ...