Brexit, Artemis: “Dai mercati volatili arrivano anche opportunità”

A
A
A

Negli ultimi giorni la politica ha avuto raramente un effetto positivo sui mercati, ma non appena si calmeranno le acque, il premio per il rischio azionario cadrà e i fondamentali dei titoli ritorneranno di nuovo alla ribalta, spiega il gestore Paul Casson.

Chiara Merico di Chiara Merico30 giugno 2016 | 13:13

ATTENDIAMO LE NOVITA’ – Per Paul Casson, manager dell’Artemis Pan European Absolute Return, dopo la Brexit “senza dubbio ci saranno molte novità nelle prossime settimane. Nel frattempo cerchiamo di interpretare ciò che sappiamo, prevedere cosa accadrà e ricerchiamo le inevitabili e imprevedibili conseguenze. Quello che dirò di seguito avrà dunque una evoluzione in futuro. Prima di tutto, lo shock. Sapevamo che si trattava di una possibilità ma, certamente, i mercati finanziari e gli scommettitori si erano schierati dalla parte del “Remain”. Per questo motivo, parte dei movimenti dei mercati rappresentano un naturale unwinding di quella posizione, in particolare il mercato delle valute dove la sterlina si era rafforzata”.

I MERCATI REAGISCONO VELOCEMENTE – “Gli shock dei mercati non sono una novità”, rimarca Casson. “I mercati finanziari reagiscono velocemente e scontano il rischio e la paura. A volte vanno anche troppo oltre. Questa volta è improbabile che andrà diversamente e, nei prossimi giorni, molti titoli e settori cadranno sotto il valore equo. Tocca a noi sfruttare la situazione al massimo delle nostre potenzialità. Il panorama short term sarà sicuramente sgradevole. Febbraio 2009 fu esattamente così ma portò grandi opportunità. L’estate del 2011 presentò lo stesso scenario. Noi tutti sappiamo cosa accadde poi. Alcune posizioni short verranno chiuse, guadagnando consistenti profitti. Aggiungeremo delle posizioni long alla ricerca di nuove opportunità per gettare le basi di profitti futuri. Nel fare questo abbiamo campo libero. L’esposizione lorda del fondo è sotto il 100% e questo significa che, in teoria, possiamo raddoppiare il capitale allocato nelle migliori idee che troviamo. In un momento di stress il peggior sentiment sarebbe quello di una impossibilita’ di trarre vantaggio dalle opportunità che si presentano perché non c’è il capitale disponibile per farlo. Questa NON è la posizione del nostro fondo: abbiamo un sacco di ‘cartucce’ da sparare nelle prossime settimane”, spiega il gestore.

I MERCATI VOLATILI SONO FONTE DI OPPORTUNITA’ – Per Casson “un aumento dei tassi di interesse in Europa è una prospettiva ancora distante. Questo scenario è molto negativo per le banche. La pazienza degli investitori sarà poca con le aziende poco robuste, dandoci la possibilità di capitalizzare sullo short. La ripresa dei titoli di energia e materie prime, che abbiamo riscontrato fino a ora nel 2016, ha continuato durante il sell off dello scorso venerdì. Questi sono i settori nei quali gli investitori hanno scelto la sottoponderazione. Che questi possono sovraperformare in momenti come questi ne è testimone la ripresa che e’ in atto. Inoltre questi settori guadagnano in dollari, un altro punto a favore in questo momento. Noi intendiamo rimanere long e continuare a comprare. Ryanair continuerà a portare le masse al sole e nelle città. Ci sono un sacco di opportunità attraenti nel mercato così come buone ragioni per essere pazienti. Il fondo genererà capitale un passo alla volta per trarre profitto, ma non prematuramente o in una volta sola. Intanto la politica torna alla ribalta. La Spagna ha avuto le elezioni domenica scorsa e l’Italia ha un referendum in ottobre. Germania e Francia affronteranno le elezioni nel 2017. In questi ultimi giorni la politica ha avuto raramente un effetto positivo sui mercati, ma non appena si calmeranno le acque, il premio per il rischio azionario cadrà e i fondamentali dei titoli ritorneranno di nuovo alla ribalta. Questo scenario si è ripetuto più volte e solleva nuovi dubbi, dubbi che svaniscono non appena la paura si allontana. L’Europa non è perfetta, ma i mercati volatili sono la fonte delle nostre opportunità, non una causa per arrendersi e ‘andare a casa’”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Brexit, il rischio di un’uscita brusca aumenta

Ti può anche interessare

Classifiche Bluerating: Nordea in testa tra i fondi ritorno assoluto-multi strategy

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria assoluto-multi strategy, il primo ...

Tikehau Capital, al via la riorganizzazione

Nell'ambito dell'operazione, Tikehau ha lanciato un'offerta pubblica di acquisto sulla controllata ...

Axa: niente scalata a Generali

Durante le presentazione dei dati di bilancio, il cfo della società francese ha detto che non è in ...