Consultinvest: i fondi market neutral, leggere bene l’etichetta

A
A
A

La strategia prevede che il gestore, a fronte di posizioni in acquisto di titoli azionari, venda allo scoperto una posizione equivalente di altri titoli azionari.

Chiara Merico di Chiara Merico21 settembre 2017 | 11:38

LE CARATTERISTICHE – La strategia market neutral prevede che il gestore, a fronte di posizioni in acquisto di titoli azionari, venda allo scoperto una posizione equivalente di altri titoli azionari, spiega una nota di Consultinvest. E’ una strategia semplice e particolarmente interessante per gli investitori, in quanto teoricamente è poco sensibile alla direzione del mercato. Infatti produce risultati positivi quando le posizioni lunghe vanno meglio delle posizioni corte, indipendentemente dalla direzione del mercato. Morningstar include in questo peer group i fondi che seguono questo tipo di strategia e  che hanno una esposizione al mercato sottostante limitata (beta inferiore a 0.3), mentre i fondi con esposizione più elevata vengono classificati come long/short. L’interesse del mercato è dimostrato dal fatto che questa categoria comprende quasi 100 fondi. Con queste premesse ci si potrebbe aspettare che l’andamento dei vari fondi sia piuttosto simile, ma la realtà e piuttosto diversa. Infatti il rendimento annualizzato sugli ultimi tre anni, dei soli fondi denominati in Euro, varia tra -2% e +13%, la volatilità tra 0.20% e 7.50% e il massimo drawdown tra 0.02% e 14.5%. Un andamento con una elevata dispersione che può essere spiegato da alcuni motivi. Prima di tutto la volatilità e il drawdown dipendono dal modo in cui ogni gestore definisce la neutralità. Alcuni infatti cercano di avere esposizione neutrale sia ai settori, che alle capitalizzazioni e alle aree geografiche. Altri invece si riservano la possibilità di comprare ad esempio un titolo industriale e vendere un titolo energetico, assumendo così una posizione relativa tra i settori (oltre che tra i due titoli), anche se complessivamente neutrale rispetto al mercato azionario.

LE MOTIVAZIONI – Un altro motivo può essere legato al tipo di mercato su cui sono fatti gli arbitraggi: europeo, globale o interno a un settore. Un altro ancora può essere legato alla esposizione al mercato, che per quanto contenuta, può arrivare fino a un beta di 0.3 (secondo la classificazione di Morningstar), prosegue la nota. Alcuni gestori si riservano anche la possibilità di vendere allo scoperto il future sull’intero mercato o su un settore industriale e di variare dinamicamente l’esposizione al mercato. Infine c’è da considerare quanta leva può assumere il gestore, ovvero quale è la massima posizione lorda che il gestore può assumere. Per quanto riguarda la dispersione dei rendimenti, dipende ovviamente dalla capacità del gestore di indentificare i titoli sottovalutati (per le posizioni lunghe) e quelli sopravalutati (per le posizioni corte), oltre che da una rigorosa gestione degli stop-loss, soprattutto sulle posizioni corte. Anche se in apparenza la strategia sembra potere funzionare sempre (ipotizzando che il gestore riesca a fare un corretto stock picking), è necessario che il mercato abbia una certa volatilità e che ci sia una adeguata dispersione tra i rendimenti dei titoli di un mercato (la cosiddetta “ampiezza”). Inoltre in quelle fasi di rialzo in cui vengono premiati i titoli di minore qualità questa strategia tende a essere penalizzata perché la maggior parte dei gestori seleziona i titoli per la parte lunga con la analisi fondamentale, piuttosto che con indicatori tecnici (momento). Non a caso negli ultimi mesi con la bassa volatilità che caratterizza i mercati azionari, molti gestori hanno avuto difficoltà a realizzare risultati interessanti. Per l’investitore è quindi necessario analizzare con attenzione il tipo di strategia o rivolgersi al proprio consulente di fiducia per identificare il fondo più adatto ai propri obiettivi di investimento. Non tutti i fondi market neutral hanno bassa volatilità e attesa di rendimento di poco superiore al monetario.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn6Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consultinvest: buone e cattive notizie sull’Italia

Consultinvest: il ritorno dell’alpha e delle strategie attive

Consultinvest: gli standard di presentazione della performance GIPS

Consultinvest: uragani, non una buona notizia per i bond Usa

Consultinvest: i Paesi di frontiera, cosa sapere e come operare

Consultinvest si tinge di rosso

Consultinvest: euro dollaro a fine corsa?

Consultinvest: il fondo sovrano norvegese e i suoi rendimenti enormi

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Consultinvest: gli Etf e gli indici più strani, qualche considerazione

Consultinvest: Ch(Q)E trappola! (una storia di crisi, zombie e droga monetaria)

Consultinvest, Betti entra nel cda

Consultinvest: nel breve puntare su opzioni e convertibili

Consultinvest: Msci e azioni Cina, cosa cambia?

Consultinvest: sorpresa Fed

Consultinvest: Pir, moda o opportunità?

Consultinvest: crescita moderata con grandi attese

Consultinvest: possibile volatilità nel breve ma strategicamente l’equity è preferibile ai bond

Consultinvest: il ritorno della guerra valutaria

Consultinvest: gli indici dei mercati finanziari/3

Consultinvest: gli indici dei mercati finanziari/2

Consultinvest: la storia degli indici dei mercati finanziari

Consultinvest: come scegliere un Etf?/2

Consultinvest: come scegliere un Etf/1

Consultinvest: Def 2017, più ombre che luci

Bluerating AWARDS, ecco i cf Consultinvest

Consultinvest: le obbligazioni convertibili, un’asset class alternativa

Consultinvest: sono davvero confrontabili i fondi della stessa categoria?

Consultinvest: si incarta la Trumponomics

Consultinvest: mercati azionari più vulnerabili

Consultinvest: Etf, mito o realtà?

Consultinvest: come costruire un portafoglio obbligazionario oggi

Consultinvest: mercati spinti in maniera significativa dalle aspettative

Ti può anche interessare

Bmo porta in Italia un fondo sull’immobiliare Usa

Il fondo BMO US REELS mira a generare rendimenti positivi per gli investitori in tutte le condizioni ...

Bnp Paribas Ip: gli investitori cercano opportunità in Europa

La strategia settimanale di Joost van Leenders, chief economist del Team Multi Asset Solutions dell ...

Sectoral Asset Management, accordo con Online Sim

L’accordo rafforza la strategia di espansione di Sectoral sul mercato italiano, ha sottolineato il ...