Rahman (Pimco): “Scenario favorevole agli Emergenti”

A
A
A

Per la responsabile globale del credito sovrano nel team di gestione dedicato ai mercati emergenti “le performance delle singole nazioni e delle singole valute saranno sempre più diverse tra loro. Per questo bisogna adottare un approccio differenziato”.

Chiara Merico di Chiara Merico17 ottobre 2016 | 06:33

UNO SCENARIO MIGLIORE – Lo scenario globale è favorevole agli investimenti nei Paesi emergenti, che hanno ormai superato la “tempesta perfetta” degli ultimi tre anni. Sulle opportunità offerte da questi mercati si è incentrato l’intervento di Lupin Rahman, responsabile globale del credito sovrano nel team di gestione di Pimco dedicato ai mercati emergenti, nel corso del Pimco Investment Summit di Londra. Per Rahman occorre innanzitutto distinguere tra i singoli mercati, perché la crisi non ha colpito tutti i Paesi emergenti allo stesso modo e le differenze tra i vari mercati permangono: in uno scenario così variegato lo stile di gestione attiva è il più adatto per cogliere le varie opportunità.

I FATTORI CHIAVE – Anche nell’outlook relativo ai mercati emergenti, l’esperta di Pimco si è focalizzata sui tre fattori che hanno condizionato il 2016: le tre C di Cina, commodities e Central banks. “La Cina è più stabile e questo fa sì che le prospettive per tutti i Paesi emergenti siano orientate alla stabilità”, sottolinea Rahman. Anche sul fronte delle commodities, “la stabilizzazione è molto positiva per i fondamentali dei mercati emergenti, che sono in gran parte esportatori di materie prime”. Infine, “le politiche monetarie estremamente accomodanti di Bce e BoJ, e l’atteggiamento più ‘dovish’ della Federal Reserve, sono entrambi fattori positivi per i mercati emergenti”. Poste queste premesse, l’attuale contesto di tassi bassi catalizza l’attenzione degli investitori su questi mercati, sui quali, “dopo due anni con il segno meno, sono tornati gli afflussi di investimenti, locali e dall’estero”, aggiunge Rahman.

LE RAGIONI PER INVESTIRE – Negli anni scorsi “una combinazione di fattori esogeni e locali ha fatto sì che gli asset locali dei Paesi emergenti realizzassero performance inferiori rispetto ad altre asset class del credito”, spiega Rahman. Nello scenario attuale, le valutazioni sono interessanti e “il contesto globale più favorevole, combinato alle valutazioni e ai fattori tecnici, potrebbe fungere da catalizzatore per una outperformance del debito dei Paesi emergenti”. Tuttavia, conclude Rahman, “le performance delle singole nazioni e delle singole valute saranno sempre più diverse tra loro. Per questo bisogna adottare un approccio differenziato”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pimco si rafforza con due gestori

Asset management, BlackRock sulla vetta d’Europa

Il “rinascimento” di Pimco

Pimco: tassi bassi ancora a lungo

Balls (Pimco): “Nessuno shock in vista sul debito italiano”

Pimco: perché puntare sugli emergenti

Hyman (Pimco): “Mbs, appeal che continua”

UniCredit, accordo con Pimco e Fortress per gli Npl

Pimco: il populismo non riesce a mutare i fattori che ne hanno decretato il succeso

Titoli di stato italiani, i rendimenti non sono adeguati al rischio

Andrew Balls (Pimco): state attenti ai titoli di stato italiani, rendonon troppo poco

Sundstrom (Pimco): “Diversificazione, chiave di tutto”

Sundstrom (Pimco): “Le opportunità nel mercato del credito”

Sundstrom (Pimco): “Perché le azioni europee potrebbero rivelarsi interessanti nel 2017?”

Sundstrom (Pimco): “Le opportunità con il dollaro forte”

Pimco-Gross, la pace vale 81 mln $

Allianz Bank-Pimco, 10 anni alla grande

Classifiche Bluerating: Pimco in testa tra i fondi monetari dollaro Usa

Pimco: la raccolta netta accelera, Allianz può sorridere

Pimco punta sulle cartolarizzazioni

Pimco: affrontare il cambiamento, ecco le opportunità

Pimco lancia una nuova strategia Esg

Pimco: strategia Income, posizionamento attivo in un contesto incerto e volatile

Pimco: verso l’ignoto, quali prospettive per l’economia globale nel 2017

Classifiche Bluerating: Vontobel in testa tra i fondi Ritorno Assoluto – Materie Prime

Classifiche Bluerating: Fidelity in testa tra i fondi obbligazionari Asia Pacifico

Classifiche Bluerating: Pimco in testa tra i fondi obbligazionari inflation linked

Pimco nomina una nuova senior vicepresident

Mai (Pimco): “Paesi periferici, prospettive positive per il debito sovrano”

Pimco rafforza il team investimenti alternativi con Alice Cavalier

Fels (Pimco): “Non è in vista una recessione, ma preoccupano i rischi nascosti”

Pimco lancia un fondo sui corporate bond IG in dollari Usa

Elezioni Usa, l’indice S&P svelerà chi vince

Ti può anche interessare

Allianz GI, nuovo ruolo per Battistini

Il manager, già responsabile dei segmenti Fund Buyer ed Istituzionali, assumerà il nuovo ruolo di ...

Arrivano i Pir targati Credit Suisse Am

La società di gestione adegua alla nomativa sui piani individuali di risparmio il portafoglio del s ...

BlackRock, italiani preoccupati per i propri investimenti

La confidenza degli investitori italiani scende al minimo degli ultimi quattro anni: si va, infatti, ...