Legg Mason: azionario Europa, ecco le opportunità

A
A
A

Il pessimismo sull’andamento dell’azionario europeo può nascondere interessanti opportunità per coloro disposti ad adottare un approccio selettivo, spiega il country head Marco Negri.

Chiara Merico di Chiara Merico17 ottobre 2016 | 07:57

SFIDE DIFFICILI – Oggi in Europa le imprese stanno affrontando sfide difficili: la combinazione di tassi di interesse negativi, l’incertezza post-Brexit, crescita economica debole e correnti politiche mutevoli aumentano le preoccupazioni anche per le società più solide. Di conseguenza, lo scetticismo è l’atteggiamento prevalente circa le prospettive a breve termine di un significativo apprezzamento dei corsi azionari, spiega Marco Negri, country head Italia di Legg Mason. Tuttavia, questo pessimismo può nascondere interessanti opportunità per coloro disposti ad adottare un approccio selettivo e le strategie con la flessibilità di prendere sia posizioni corte sia lunghe possono godere di una scelta ancora più ampia, dato l’andamento economico altalenante del continente. Mentre l’incertezza che circonda lo sviluppo del divorzio tra UK e Unione Europea non ha di certo aiutato il mercato azionario in Europa, l’attuale debolezza è iniziata ben prima del referendum di giugno.

LE RAGIONI DELLA FUGA – Che cosa ha spinto gli investitori ad allontanarsi dalla regione? Da un lato, la preoccupazione per gli utili aziendali, dovuta principalmente al rafforzamento dell’euro rispetto al dollaro alla fine del 2015 e le ripercussioni negative sulle esportazioni europee; dall’altro, il ritmo di crescita del PIL dell’Eurozona, ostinatamente lento, nonostante l’intervento aggressivo da parte della BCE per abbassare i tassi di interesse e stimolare il prestito bancario; infine, l’ansia circa il possibile impatto della decisione del Regno Unito di lasciare l’Unione Europea. Almeno per il momento Brexit non sembra però essere il principale responsabile: i prezzi delle azioni continuano ad oscillare ai livelli di aprile, prima del voto. Inoltre, il solido trend di distribuzione dei dividendi, che ha storicamente caratterizzato le società europee, è cambiato poco nonostante le recenti turbolenze nel continente, con l’attuale dividend yield dell’Euro Stoxx 600 leggermente superiore al 3,5%. Tale risultato si pone ben al di sopra del dividend yield dell’indice USA S&P 500, al 2,15%. L’incognita maggiore riguarda l’effettiva capacità delle aziende europee di incrementare gli utili e i prezzi delle proprie azioni in un’economia ancora debole. La crescita annua del PIL è bloccata tra l’1,6% e l’1,7% dalla metà del 2015 e l’inflazione sui consumi deve ancora ripartire attestandosi in un range compreso tra -0,2% e +0,3%. Tuttavia, la crescita economica in Europa, seppur lenta, rimane positiva. La disoccupazione nell’Eurozona è rimasta costante a livelli bassi dal 2013, in calo dall’11% al 10,1% nel corso dello scorso anno. E la BCE non ha mostrato alcun segno di esitazione nel procedere con il suo programma di stimolare i prestiti e aumentare l’inflazione. Se il trend di miglioramento dovesse continuare, supportando utili più solidi per le imprese europee, la questione si sposta sulle valutazioni aziendali. Considerate in forma aggregata, le borse europee non appaiono particolarmente a sconto in termini di P/E. Gli attuali forward a 12 mesi sui P/E dell’indice MSCI Europe sono quotati tra i 14 e i 15 volte gli utili – al di sopra delle medie storiche, prosegue Negri.

OPPORTUNITA’ DALLA VOLATILITA’ – I dati aggregati dell’indice per una regione tanto eterogenea come l’Europa non rappresentano però necessariamente il migliore set di opportunità. Le prospettive delle imprese variano enormemente per settore e per paese. Questo tipo di complessità si presta alle competenze dei gestori, liberi di intraprendere scelte selettive e in grado di generare rendimenti molto diversi rispetto al mercato nel suo complesso. Detto che la tempistica e la dinamica del divorzio EU/UK non dovrebbe necessariamente tradursi nello scenario peggiore, a spingere i titoli azionari europei in futuro potrebbero essere da una parte un rialzo dei tassi da parte della Fed già entro il 2016 – che potrebbe spingere al rialzo il valore del dollaro rispetto all’euro favorendo le esportazioni europee – e dall’altra una Germania disposta ad accogliere la richiesta di Francia e Italia per un maggiore stimolo finanziario nell’eurozona. La volatilità apre numerose opportunità per i gestori azionari attivi, e ancor di più per chi ha mandati long-short che possono beneficiare sia dei rialzi dei prezzi azionari che di mercati in discesa. Negli ultimi 12 mesi non sono mancate le occasioni di dislocazione dei prezzi su titoli azionari specifici generati da reazioni impulsive a notizie economiche. conclude Negri. Ma questo tipo di scenario, in cui la volatilità può emergere in fretta, è quello in cui i gestori attivi hanno il potenziale di identificare e aggiungere il valore che le strategie tradizionali potrebbero non essere in grado di cogliere.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Legg Mason: gli italiani sono ancora forti risparmiatori

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

Il Fintech piace, ma il consulente resiste

Bluerating, torna a brillare Legg Mason

I fondi di Legg Mason entrano nella rete di Banca Generali

Bluerating, Wall Street resta in stato di grazia

Blueindex: brilla Legg Mason, Unicredit cade in borsa

Blueindex: Legg Mason brilla, Deutsche Bank arretra

Legg Mason incorpora RARE Infrastructure Value Fund nella sua gamma

Bluerating: Ubs si porta in testa, Legg Mason scivola in coda

Blueindex: Bpm scommette su via libera a fusione e corre

Legg Mason: Bce, fuochi d’artificio rimandati all’autunno

Brexit: Legg Mason, il lungo addio all’Europa

Legg Mason: gli investitori più giovani vogliono strategie decorrelate

I Baby Boomer inseguono i Millennial

Permal (Legg Mason), sì alla fusione con EnTrust Capital

Blueindex: Legg Mason in evidenza, Deutsche Bank, Ubs e Credit Suisse in rosso

Rare Infrastructure (Legg Mason): ecco i punti di forza dell’investimento in infrastrutture

Blueindex: Barclays torna in testa

Legg Mason, ecco il nuovo head of international marketing

Classifiche BLUERATING: Legg Mason primo sui Diversificati moderati

Solo Legg Mason evita il rosso a inizio anno

Classifiche BLUERATING: Legg Mason vince tra i Diversificati Prudenti

Man Group ringrazia Macquarie e rimbalza sul Blueindex

Legg Mason in luce dopo il rialzo dei tassi della Fed

Legg Mason lancia un fondo socialmente responsabile

Legg Mason torna in testa al Blueindex dopo un annuncio

Natixis torna a mettersi in luce sul Blueindex

Raiffeisen si riporta in cima al Blueindex

Legg Mason sorride sul Blueindex, Bpm non può farlo

Legg Mason, concluso il primo roadshow italiano

Legg Mason festeggia il primo maggio col botto

Ti può anche interessare

Melman (Edmond de Rothschild Am): “Positivi sull’equity ma attenti ai rischi politici”

ll responsabile dell'asset allocation e del sovereign debt ritiene che l’attuale entusiasmo sui me ...

Nasce il Nordea 1 – Flexible Fixed Income Plus Fund

Con un profilo più conservativo e un livello di rischio controllato e moderato, il nuovo fondo si p ...

I pir? Un affare ma occhio ai costi

L'opinione del blog Risparmiamocelo.it sui piani individuali di risparmio: i confronti numerici ind ...