Rivoluzione robotica, opporsi non conviene

A
A
A

“Rivoluzione digitale: l’intelligenza artificiale” è il report a cura di Alexandre Mouthon, senior product specialist di Pictet AM.

Maria Paulucci di Maria Paulucci2 ottobre 2017 | 12:23

“Solo abbracciando la rivoluzione robotica potremo mantenere una posizione di vantaggio”. È quanto si legge nel commento “Rivoluzione digitale: l’intelligenza artificiale” a cura di Alexandre Mouthon, senior product specialist di Pictet Asset Management. “La trasformazione nel campo dei software avviene in tempi ancora più rapidi. A nostro parere saranno le aziende di software digitali a beneficiare maggiormente dell’era dell’intelligenza artificiale, in quanto possono incrementare i ricavi ricorrenti sia tramite gli abbonamenti sia grazie ai nuovi prodotti. Una tendenza in contrasto con le società di semiconduttori, che per lo più trarranno vantaggio da un ciclo di acquisti straordinario”.

Società come Facebook, Baidu, Salesforce.com o Medidata hanno accesso a un massiccio volume di dati relativi a consumatori e imprese nei rispettivi ambiti e sono in grado di offrire servizi a valore aggiunto ai clienti grazie all’artificial intelligence. “Le possibilità di impiego dei software di data crunching sono pressoché illimitate, per questo le aziende ne intravedono già i benefici. Netflix, per esempio, prevede di evitare oltre un miliardo di dollari di perdite annue dovute all’annullamento degli abbonamenti offrendo all’utente risultati di ricerca e consigli su misura. Amazon è riuscito a ridurre di almeno un quinto i costi operativi di magazzino grazie all’impiego di robot autonomi”.

“Tra le altre possibili applicazioni segnaliamo l’utilizzo di big data per prevedere quali assicurati avanzeranno ingenti richieste di risarcimento, digitalizzare le valutazioni del credito per le domande di prestito ed esaminare nastri di sorveglianza per individuare sospetti criminali in pochi secondi. Infine la chiave del successo aziendale nel nuovo mondo digitale sarà la capacità di sfruttare i dati e trasformarli in opportunità. Uno dei modi più diretti per accedere agli investimenti nel campo dell’intelligenza artificiale è individuare gli specialisti del settore tecnologico con i migliori prodotti hardware e software. Solo abbracciando la rivoluzione robotica potremo mantenere una posizione di vantaggio”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn8Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Oddo Meriten AM, continuano a crescere gli Aum

A fine ottobre 2016 gli Aum ammontavano a 42,5 miliardi di euro contro i 41,6 miliardi di fine 2015 ...

Classifiche Bluerating: Symphonia in testa tra i fondi azionari Italia – mid & small cap

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria azionari Italia - mid & small c ...

Consultinvest: i fondi market neutral, leggere bene l’etichetta

La strategia prevede che il gestore, a fronte di posizioni in acquisto di titoli azionari, venda all ...